tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO
CANTONE
3 ore
Una cerimonia (in presenza) per i diplomati della Facoltà di scienze economiche
In tutto sono 186 gli studenti che hanno ottenuto un Bachelor o un Master. Ecco chi sono.
CANTONE
4 ore
Certificato Covid, le proposte che non convincono il Ticino
Il Consiglio di Stato ha risposto alla consultazione del Consiglio federale sullo sviluppo del pass.
SVIZZERA
10 ore
L'aereo è partito senza Chiesa
Il presidente Udc doveva partecipare a un viaggio di rappresentanza negli Stati Uniti. Ma è rimasto bloccato al check-in
CANTONE
11 ore
Donazione di sangue: a decine tra politici e dipendenti cantonali
Per 27 di loro si è trattato della prima donazione.
CADENAZZO
12 ore
Risparmio "green" con Acquì
Il progetto promuove il consumo dell'acqua di rubinetto.
CANTONE
15 ore
Idroelettrico: Ticino e Vallese uniti per rafforzare la formazione
HYDRO Exploitation SA e AET hanno siglato un accordo di collaborazione che prevede scambi interaziendali
LUGANO
15 ore
Infortunio sul lavoro a Cadro, 59enne in fin di vita
L'uomo è caduto da un'altezza di circa un metro e mezzo, battendo la testa. La sua vita è in pericolo.
CANTONE
15 ore
«È scattata la corsa ai rialzi dei salari dei capisezione?»
L'MPS chiede conto a Gobbi sugli scatti di classe annunciati dal Dipartimento dell'Istituzioni sull'onda del Territorio
BELLINZONA
16 ore
Altre 28 postazioni per il bike sharing di Bellinzona
Il Municipio intende aumentare ulteriormente il numero di biciclette disponibili sul territorio comunale
CANTONE
16 ore
I nuovi contagi in Ticino sono 36
Quattro le sezioni in quarantena nelle scuole ticinesi
CANTONE / SVIZZERA
16 ore
Fallimenti, Ticino in controtendenza
In Svizzera sono in aumento, mentre nel nostro cantone sono in calo (-7%)
CANTONE
18 ore
Tecnologie: «Si sta creando una tribù di esclusi»
Il "divario digitale" si è amplificato con la pandemia. Serenella Morinini, 73enne valmaggese, suona la carica.
CANTONE / SVIZZERA
18 ore
Un problema tecnico affligge le FFS
Le Ferrovie sono confrontate con un disguido a livello nazionale (ma non in tutte le stazioni).
LOCARNO
07.11.2019 - 12:100

Locarno Media City, per la crescita del polo dell’audiovisivo

La neonata piattaforma è coordinata da Città di Locarno, Locarno Film Festival, Palacinema Locarno, Swisscom e Università della Svizzera italiana (USI)

LOCARNO – Favorire l’evoluzione di Locarno verso una “media city”, una città - e una regione - dove le tecnologie dei media audiovisivi trasformeranno il modo con cui residenti e visitatori vivranno la cultura, il territorio e la quotidianità, e dove si svilupperanno nuove attività nel campo dell’industria creativa legata alla comunicazione e all’arte cinematografica e dell’audiovisivo. È l’obiettivo di Locarno Media City (LMC), neonata piattaforma di coordinamento promossa da Città di Locarno, Locarno Film Festival, Palacinema Locarno, Swisscom e Università della Svizzera italiana (USI).

La lettera d’intenti che segna l’avvio della piattaforma è stata firmata oggi alle 16.30 presso il Palacinema dai cinque partner, che s’impegnano così a rafforzare le collaborazioni già esistenti nell’ambito di un’iniziativa-quadro e a condividere nuovi progetti con lo scopo di individuare e promuovere sinergie interne ed esterne, mettendo a reciproca disposizione le proprie competenze in modo flessibile e pragmatico.

«Siamo e desideriamo essere sempre più un’università presente sul territorio e che si mette al servizio del territorio, non solo a titolo per così dire individuale, ma anche e soprattutto favorendo la ‘federazione’ dei diversi attori che concorrono all’innovazione e allo sviluppo della Svizzera italiana e facendo sistema insieme a loro. Locarno Media City rientra in una serie di iniziative e proposte che s’inseriscono in quest’ottica», osserva il Rettore dell’USI Boas Erez. «Siamo dunque felici che insieme ai partner potremo consolidare la rete intorno a un ‘nodo’ già esistente e affermato quale il festival, e siamo felici di dare il nostro apporto in questo sforzo congiunto per permettere l’ulteriore crescita del polo dell’audiovisivo in Ticino».

«Locarno deve, e vuole, ritagliarsi il suo posto nel mondo sia ricercando qualità e bellezza, sia assumendo un profilo chiaro e innovativo volto al futuro. Da qui la volontà di puntare sull’audiovisivo, un settore che tanto ha dato alla nostra Città e che tanto potrà ancora dare se sapremo fare gioco di squadra. Un polo dell’audiovisivo a Locarno non è più un sogno, è un progetto. Il nostro progetto», indica da parte sua Alain Scherrer, Sindaco della Città di Locarno.

Secondo Marco Solari, Presidente del Locarno Film Festival: «Per affrontare le opportunità culturali e strutturali della rivoluzione digitale e rimanere una manifestazione di rilievo mondiale, occorre che tutte le parti in causa uniscano le loro forze. Il progetto Locarno Media City, frutto di un dialogo costante con altre realtà della Città-Cantone Ticino, è un ulteriore passo concreto in questa direzione».

«Si tratta di un progetto d’importanza strategica per lo sviluppo di una piattaforma digitale innovativa al servizio della Città e del Locarno Film Festival, reso possibile dalle sinergie sviluppate all’interno del Palacinema», afferma Carla Speziali, Presidente del Consiglio d’Amministrazione della Palacinema Locarno SA.

Come sottolinea Stefano Santinelli, Delegato del CEO di Swisscom per la Svizzera italiana, «per Swisscom l’impegno con USI, FFL e Locarno (incluso il Palacinema) è un’ottima occasione che potrebbe offrirci la possibilità di plasmare insieme ai nostri partner la ‘Locarno Media City’, costruendo una struttura comune per i media. E realizzare in questo modo progetti di digitalizzazione e commercializzazione per il FFL, approfondire l’idea di progetti Smart City, progetti per l’industria dei media, progetti di formazione, di architettura, informatica e marketing, o sviluppare servizi/prodotti con altri stakeholder di Media City. Swisscom parteciperebbe a tali progetti e modelli commerciali in qualità di operatore di servizi e fornitore di strumentazione».

Una piattaforma per progetti trasformativi - I progetti presentati nel contesto di Locarno Media City dovranno essere di tipo trasformativo e potranno riguardare sia nuovi prodotti sia nuovi processi sia nuove iniziative infrastrutturali nel campo del cinema e dei media.

La piattaforma sarà coordinata da un comitato di pilotaggio e non implica obblighi finanziari da parte dei promotori: ogni singolo progetto dovrà assicurare la propria copertura per poter essere varato. In futuro l’iniziativa potrebbe evolvere in un centro di competenze iscrivibile nel contesto della possibile partecipazione del Canton Ticino allo Swiss Innovation Park.

Il primo progetto “targato” Locarno Media City riguarderà un’indagine preliminare sulla valorizzazione degli Archivi del Locarno Film Festival.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-28 02:49:15 | 91.208.130.87