Deposit
ULTIME NOTIZIE Ticino
LOCARNO
1 ora
Si "fanno" con il farmaco del cane
Il Caniphedrin procura effetti simili alla cocaina. Ma trovarlo in farmacia è piuttosto facile. Un caso nel Locarnese.
CANTONE
3 ore
I funghi meglio dell'ospedale: «Solo due infortuni in un mese»
La Rega chiamata in causa solo due volte da fungiatt in difficoltà: «Non abbiamo notato nessuna recrudescenza».
FOTO
FAIDO
5 ore
Osco, le immagini dell'auto distrutta
La Polizia cantonale è alla ricerca di testimoni. Il conducente deceduto non è ancora stato identificato
ROVEREDO (GR)
7 ore
Fungiatt ferito in Val del Magin
Il 51enne è scivolato sul ripido terreno, precipitando per diversi metri e finendo nel greto di un torrente
FAIDO
8 ore
Incidente mortale in Leventina. Qualcuno ha visto qualcosa?
L'auto ha fatto un volo di 400 metri, a Osco. Il conducente non è ancora stato identificato
FOTO E VIDEO
ORIGLIO
9 ore
Cinghiali al laghetto: «Non hanno nemmeno più paura dell'uomo»
La preoccupazione di un cittadino: «Ormai abbiamo paura anche a fare una passeggiata la sera»
MASSAGNO
9 ore
Il LUX riparte, tra distanziamento e ristrutturazioni
Posti numerati per ogni proiezione e tracciamento obbligatorio. In sala “Edelweiss Revolution”, “Madame” e "Magari"
FOTO E VIDEO
LUGANO
10 ore
Fumo dalle scuole "vecchie" di Viganello: un'esercitazione
Le fiamme notate all'ultimo piano dell'edificio in via Emilio Rava erano parte di un esercizio dei pompieri volontari
IRAGNA
12 ore
Porte aperte e visita al bunker storico di Mairano
Sabato 26 settembre sarà possibile scoprire il suo funzionamento.
LUGANO
17.06.2019 - 18:290
Aggiornamento : 18.06.2019 - 14:18

Alla scoperta dei lati nascosti del wireless

Ci accorgiamo dell'importanza del wireless solo quando non funziona. Ora un progetto ripercorre la storia delle tecnologie senza fili a Lugano e a Locarno.

LUGANO - Quando con il nostro cellulare non riusciamo a connetterci ad Internet perchè non c'è campo avvertiamo subito una situazione di fastidio. Il wireless, ovvero la connessione senza l’ausilio di fili o cavi, è molto spesso dato per scontato: ci si accorge della sua importanza solo quando non funziona.

Eppure c'era un tempo in cui non esistevano connessioni. Con l’obiettivo di comprendere appieno la portata non solo tecnologica ma anche antropologica del wireless, l’Istituto di media e giornalismo dell’USI e il Laboratorio cultura visiva della SUPSI hanno dato vita al progetto “Decoding wireless”: grazie al sostegno del Fondo nazionale per la ricerca scientifica, l’obiettivo è quello di ripercorrere in modo semplice e interattivo la storia delle tecnologie senza fili, grazie a un’esperienza immersiva articolata attraverso installazioni, passeggiate urbane, una serie di eventi e pubblicazioni.

Si partirà da Lugano dove, dal 28 giugno al 24 luglio in Piazza indipendenza, si potranno visitare (gratuitamente e 24 ore su 24) le due installazioni “Storia (in)visibile del wireless” e “No Wi-Fi zone“. Grazie a una linea del tempo i visitatori potranno ripercorrere gli eventi storici che hanno segnato lo sviluppo del “senza fili” da fine Ottocento a oggi, eventi che “prendono vita” grazie a contenuti aumentati fruibili dagli smartphone. Sempre a Lugano, il 4 e il 24 luglio alle 18.00 si terranno poi due “Passeggiate senza fili”, momenti informali di incontro (su iscrizione) durante i quali i ricercatori guideranno i partecipanti in un percorso cittadino alla ricerca delle infrastrutture nascoste del wireless. Chiuderà il programma sul Ceresio la “Macchina del tempo radio”, un modo inconsueto di ripercorrere i programmi radiofonici del passato con cuffie senza fili prese a prestito, il 23 e il 24 luglio dalle 10.00 alle 18.00 presso la Darsena del Parco Ciani.

Dal 31 luglio al 17 agosto le due istallazioni saranno poi disponibili nei pressi della Rotonda di Locarno, da dove partirà anche in questo caso una “Passeggiata senza fili” (8 agosto, su iscrizione).

 Il progetto è frutto della collaborazione tra il Prof. Gabriele Balbi dell’Istituto di media e giornalismo dell’USI e il Dr. Jean-Pierre Candeloro del Laboratorio cultura visiva della SUPSI. Numerosi i partner: Archivio PTT, Berna; Fondazione e Museo Marconi, Pontecchio Marconi; Locarno Film Festival, Locarno; Longlake Festival, Lugano; Museo della comunicazione, Berna; Museo della radio, Monte Ceneri; RSI – Radiotelevisione svizzera di lingua italiana, Besso e Comano.

Per maggiori informazioni e per iscriversi alle passeggiate: www.decodingwireless.ch

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Frankeat 1 anno fa su tio
Non ho capito il titolo. Non dovrebbe essere "Quando vivevamo CON i fili"?
Frankeat 1 anno fa su tio
@Frankeat Maledetti, avete cambiato completamente il titolo facendo diventare il mio commento senza senso :-) AHAHAH
Equalizer 1 anno fa su tio
Il sistema wireless è stato un grandissimo passo avanti, peccato che la CPU fra le orecchie di moltissimi utenti non sia stata in grado di scindere uso da abuso.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-20 23:39:13 | 91.208.130.86