archivio tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
LUGANO
14 min
La città continuerà ad occuparsi di Villa Heleneum
CANTONE
16 min
Un'iniziativa per semplificare la legge sulle commesse pubbliche
MENDRISIO
17 min
Per due settimane via Confine a senso unico
CANTONE
25 min
Terreni agricoli, l’UDC: «Il Governo si faccia avanti a Berna»
CANTONE
38 min
Dopo i funghi tocca alle castagne. E sarà un'ottima annata
MURALTO
1 ora
"Diversamentelago” approda sul bacino svizzero del Verbano
BELLINZONA
2 ore
«La Polcom è di nuovo sulla bocca di tutti e non è una novità»
LUGANO
2 ore
«Vogliamo correggere l’immagine distorta delle cliniche private»
PARADISO
2 ore
In piazza si celebra Bacco
BELLINZONA
3 ore
Acqua potabile, arrivano nuovi erogatori
BELLINZONA
3 ore
Anche il PS condanna il radar di Camorino: «Così si creano inutili attriti con la polizia»
LOCARNO
4 ore
Dibattito dei GLR sul clima per le elezioni federali
LUGANO
4 ore
La boxe maestra di vita: «Quando cadi ti devi rialzare subito»
LUGANO
4 ore
Premiati i vincitori del concorso Prix SVC
LUGANO
4 ore
Ca’ Rezzonico, Beltraminelli nel Consiglio di Fondazione
CANTONE / SVIZZERA
26.09.2017 - 10:060

Ogni quanto consulti uno specialista? Dipende da reddito e formazione

Posizione sociale determinante nel ricorso a cure e depistaggio del cancro all’utero e alla pelle. Differenze minime per quello al seno, ma non in Ticino

BELLINZONA -  In Svizzera, la richiesta di consulti medici o con altri professionisti in ambito sanitario, nonché il depistaggio del cancro, tendono a variare a seconda della posizione sociale, determinata in termini di livello di formazione e reddito.

Secondo i risultati pubblicati dall’Ufficio di federale di statistica, gli individui a basso reddito o che non hanno intrapreso una formazione post-obbligatoria si recano meno spesso da uno specialista o da un dentista. Nel corso di un anno, cifre alla mano, solo il 33% delle persone con una formazione “minore” consulta almeno una volta uno specialista, mentre il valore sale al 39% per gli individui con una formazione superiore.

La stessa tendenza viene rilevata anche nell’ambito del depistaggio del cancro, in particolare per quello del collo dell’utero e per il melanoma della pelle. Il 78% delle donne - dai 25 ai 70 anni - con una formazione post-obbligatoria si è sottoposto al pap test almeno una volta nell’ultimo triennio. Nelle donne con una formazione da scuola obbligatoria il dato scende al 62%. Situazione simile a quella riscontrata per il melanoma, con il 26% degli adulti (oltre il 25 anni) con il reddito più elevato (5° quintile)  che negli ultimi due anni si sono sottoposti ad un controllo contro il solo 13% di quelli con il reddito più basso (1° quintile).

L’unico depistaggio sul quale formazione e reddito non incidono è quello riguardante il cancro al seno, almeno per quanto riguarda la Svizzera tedesca e la Romandia. In Ticino, al contrario, le donne con un reddito più elevato sono solite effettuare con maggiore frequenza un esame mammografico rispetto a quelle che dispongono di un reddito minore.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 15:35:48 | 91.208.130.89