ULTIME NOTIZIE Ticino
FOTO E VIDEO
LOCARNO
3 ore
Spari in un appartamento, una 22enne ferita
Scompiglio in Via Vallemaggia. Fermate due persone, tra cui il 20enne che avrebbe esploso i colpi d'arma da fuoco.
CANTONE
6 ore
A2, lavori fino alle 10 per le prossime due domeniche
Le attività interessano il tratto compreso tra Melide e Gentilino
MAROGGIA
7 ore
I segreti delle impronte digitali
Perché tanta gente comune è attratta da questo tema? Lo spiega Federica Keller, esperta in analisi delle mani.
CANTONE
8 ore
Quei nomi che mettono “a rischio” la reputazione della Supsi
Vanno e vengono tra la Supsi e la tanto discussa Fidinam coinvolta nei Pandora Papers
LUGANO
8 ore
Cambio in vetta alla Funicolare del Brè
Francesco Gilardi cede il testimone di presidente a Giorgio Carlo Bernasconi, ma resta attivo nel CdA come vice.
CANTONE
8 ore
Ennesimo sciopero in Italia, i Tilo si fermano al confine
La limitazione ferroviaria è prevista da domenica 24 e lunedì 25 ottobre.
LUGANO
8 ore
«Lugano è in crisi»
Un gruppo di cittadini si china su cultura, abitabilità, appartenenza e sfide future con una serie di proposte
FOTO
MASSAGNO
9 ore
Svelato il nuovo look del Lux
Da domani il cinema di Massagno sarà nuovamente aperto al pubblico dopo la ristrutturazione.
LUGANO
10 ore
Al Comune di Lugano la parità salariale non c'è
Le donne ricevono uno stipendio dell'1,5% inferiore a quello degli uomini, tenuto conto di posizione e formazione.
CANTONE
11 ore
L'industria metalmeccanica ha premiato i suoi apprendisti
È inoltre stato rinnovato il Consiglio direttivo dell'associazione di categoria
CANTONE
12 ore
Scoprire la ricchezza dei nostri boschi con una "caccia al tesoro"
Sarà possibile grazie a due brevi percorsi che si snodano sul Generoso e ad Arogno.
CANTONE
12 ore
Torna l'appuntamento col gusto del Ticino
La ventesima edizione di “Sapori e Saperi” ha luogo dal 22 al 24 ottobre in Piazza del Sole a Bellinzona
MENDRISIO
12 ore
Sfonda la vetrina con il Suv
Incidente questa mattina davanti alla stazione di Mendrisio. Un brutto spavento, ma nessun ferito
LOCARNO
15.09.2016 - 13:210

PALoc 3: un programma d’agglomerato costoso, poco incisivo e senza coinvolgimento della popolazione

LOCARNO - Varie associazioni presenti sul territorio locarnese e ticinese lamentano l’assenza di un coinvolgimento diretto nell’allestimento del PALoc3 e denunciano alcuni punti problematici.

Qui di seguito il comunicato stampa integrale, come richiesto dalle associazioni.

PALoc 3: un programma d’agglomerato costoso, poco incisivo e senza coinvolgimento della popolazione

PALoc3 è in dirittura d’arrivo, la CIT (Commissione intercomunale dei trasporti del Locarnese e Vallemaggia ) s’appresta a scegliere misure e priorità sulla scorta del rapporto inviato a fine luglio ai vari comuni membri. Ancora una volta Ie scriventi associazioni non sono state implicate come richiesto esplicitamente e denunciano l’assenza di un coinvolgimento della popolazione nella fase di allestimento del PA. Esse hanno espresso le loro osservazioni a lavori conclusi, durante la consultazione pubblica indetta tra il 18 di aprile e 18 maggio scorsi. A tutt’ora non è stato dato riscontro dell’insieme delle osservazioni raccolte anche se viene affermato “che si è tenuto conto nel limite del possibile”. L’enorme lavoro di lettura e commento fatto in breve tempo rischia quindi di essere stato vano.

Ci limitiamo qui a segnalare alcuni punti problematici:

  • a) l’abbandono senza giustificazione di principi importanti adottati nei precedenti programmi (PTLV e PALoc2): il principio di pianificazione dell’offerta di traffico (si adeguano le strutture, parcheggi compresi, in funzione del tipo e quantitativo di traffico voluto; il principio di canalizzazione del traffico di attraversamento su limitati assi principali, onde evitare la “naturale” tendenza del traffico a diluirsi nelle strade esistenti;
  • b) l’abbandono del riferimento al modello viario PTLV- PALoc2 che indicava tre scenari distinti per valutare l’incidenza delle misure previste sul sistema viario;
  • c) la carenza di metodo: gli obiettivi sono formulati in modo molto vago, assente la specificazione delle condizioni e degli indicatori utilizzati che consentano di valutare oggettivamente il loro raggiungimento. Ad esempio nessun riferimento alla sostenibilità;
  • d) l’assenza di informazioni riguardante lo stato di avanzamento delle misure previste da PALoc2.


Benché il preventivo di PALoc 3 per le misure A e B sfiori i 100 milioni (quasi il doppio di PALoc 2) risulta debole, soprattutto a causa della fragilità rispetto ai 4 criteri di efficacia che sono applicati dall’ARE per valutare e finanziare il progetto. PALoc pecca in tutti i campi. In particolare:

  • trasporto pubblico: i miglioramenti previsti in priorità A concernono principalmente linee periferiche. Il trasporto pubblico pur potenziato (16 misure di cui 9 in priorità A) rimane minoritario rispetto a quello motorizzato individuale che ne conta ben 19.Tutte le misure per il TP andrebbero realizzate in priorità A;
  • sviluppo centripeto: voluto dalla Confederazione quale freno alla dispersione dell’agglomerato - è menzionato con enfasi ma concretamente, a parte due esempi, riscontriamo vaste aree insediative non gerarchizzate; latitanza nella progettualità degli spazi pubblici, in particolare nelle zone centrali. Un passo indietro rispetto a PALoc2;
  • efficacia ambientale: nessun dato, statistico, nessun richiamo al piano cantonale di risanamento dell’aria, nessuna risposta alle osservazioni dell’Ufficio federale sul Paloc2 che criticava l’assenza di misure per contenere il traffico motorizzato privato;
  • sicurezza nei trasporti: benché auspicato le misure riguardanti il trasporto lento (biciclette e pedoni) si riducono a poca cosa, a rimorchio della priorità assegnata al vettore automobile.

PALoc3, così come concepito, oltre che costoso, ha perso le qualità e i buoni metodi dei suoi predecessori, appare poco incisivo e non permetterà di raggiungere una ripartizione modale sostenibile per l’ambiente entro tempi ragionevoli.

Un’ulteriore occasione mancata per affrontare e risolvere con chiarezza e implicazioni degli attori i problemi di trasporto dell’agglomerato.

  • Associazione per un Piano di Magadino a misura d’uomo
  • Associazione Quartiere Rivapiana - Minusio
  • Associazione Traffico Ambiente -Ticino
  • Comitato iniziativa Nuovo Piano Viario Minusio
  • Pro Velo - Ticino

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-22 01:11:32 | 91.208.130.87