Keystone
La capo negoziatrice elvetica Livia Leu.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
GINEVRA
1 ora
Hotel da 30mila franchi a notte per Biden
Ecco quanto ha speso il presidente statunitense per il summit ginevrino con il suo omologo russo Putin.
GINEVRA
3 ore
Putin e Biden hanno lasciato Ginevra
I due presidenti sono decollati da Cointrin poco dopo le rispettive conferenze stampa.
GINEVRA
3 ore
Biden: «Ho fatto quello che ero venuto a fare»
Il presidente USA ha tracciato un bilancio «positivo» dell'incontro con Putin. Non sono però mancati gli avvertimenti.
GINEVRA
4 ore
Putin: «Non prendo lezioni di diritti umani dagli USA»
Tra gli argomenti discussi durante il summit, l'incarcerazione di Navalny, le tensioni diplomatiche e la cyber-security.
ZURIGO
5 ore
Carlos - anzi Brian - non sarà internato
Il 25enne è stato però condannato a sei anni e quattro mesi per aggressioni a secondini e poliziotti
GINEVRA
6 ore
Un centinaio di imprese chiuse per l'incontro Biden-Putin
Le aziende situate in prossimità della zona di esclusione del summit saranno risarcite dalla Confederazione.
GINEVRA
6 ore
Estremisti islamici a processo a Bellinzona
I due, arrestati nel 2016, si erano recati in Turchia per unirsi alle forze dell'Isis.
ZURIGO
8 ore
Tifoso violento espulso dalla Svizzera
Si tratta di un 26enne che aveva partecipato ai disordini scoppiati a Zurigo, dopo un derby di Coppa Svizzera, nel 2018.
LUCERNA
10 ore
Esce di strada e ruzzola giù per una discesa di 78 metri
La conducente è stata trasportata in ospedale. I danni ammontano a 10mila franchi.
FOTO
GINEVRA
10 ore
Una stretta di mano segna l'inizio del vertice
Il presidente USA Joe Biden e quello russo Vladimir Putin sono ora a Villa La Grange a Ginevra
SVIZZERA
10 ore
In Svizzera altri 282 casi e sei decessi
La situazione epidemiologica è in costante miglioramento. Sinora si contano 701'260 contagi e 10'315 morti
SVIZZERA
16.04.2021 - 10:410
Aggiornamento : 14:48

Accordo quadro, lo schiaffo di Bruxelles alla Svizzera: «Non sa ciò che vuole»

Un documento della Commissione europea rivela «la mancanza di volontà» del Governo a concludere un accordo con l'Ue.

Bruxelles fa notare il ritardo elvetico su tre temi in sospeso: «È un mese che aspettiamo una risposta alle proposte sulle misure di accompagnamento, gli aiuti di Stato e la direttiva sulla cittadinanza europea».

BERNA - Mancanza di volontà, o impossibilità, da parte del Consiglio federale di concludere l'accordo istituzionale con l'Ue. È la constatazione, critica, della Commissione europea presente su una nota interna destinata ai 27 Paesi membri, di cui Keystone-ATS ha avuto copia dopo che il contenuto è stato anticipato ieri dalla televisione RTS.

Stando al documento, la Svizzera si è allontanata sempre di più dal compromesso raggiunto. Durante i cinque incontri tra la segretaria di stato Livia Leu, capo negoziatrice elvetica, e la controparte europea, la Commissione sostiene di non aver compreso chiaramente ciò che vuole la Confederazione. La Svizzera avrebbe respinto un piano di discussioni e non vi sarebbero stati progressi.

Redatta in inglese, la missiva fa notare che la Commissione aspetta da un mese una risposta alle sue proposte su tre temi in sospeso: le misure di accompagnamento, gli aiuti di Stato e la direttiva sulla cittadinanza europea (temi sui quali il Consiglio federale ha chiesto delucidazioni alla controparte, n.d.r)

La Svizzera, critica la Commissione, non si è mai data la pena di avanzare proposte, ma attende da parte dell'Ue soluzioni ai quesiti in sospeso. Insomma, finora la situazione è di stallo e non si conoscono le intenzioni elvetiche.

Stando al documento, l'impressione della Commissione è che nessuno in seno al Consiglio federale sia veramente interessato all'accordo istituzionale. Nel corso delle riunioni, Livia Leu avrebbe insistito sul fatto che, in caso di fallimento, bisognava concentrarsi sulle intese esistenti.

Il 23 aprile è la data - Il presidente della Confederazione, Guy Parmelin, si recherà da solo a Bruxelles per un incontro con la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen previsto per il 23 di aprile.

Oggetto dei colloqui saranno gli aspetti ancora aperti riguardanti l'accordo quadro, ossia gli aiuti di Stato, le misure fiancheggiatrici e la cittadinanza europea.

Il portavoce del governo André Simonazzi ha confermato via Twitter l'incontro del 23 aprile, una data che circola da giorni sui media svizzeri. Mercoledì scorso, al termine della tradizionale seduta dell'esecutivo, Simonazzi aveva dichiarato che la data era stata "solo" riservata per l'incontro politico ai massimi livelli (dal quale ci si attendono progressi sull'accordo che molti danno per morto e sepolto, n.d.r).

Da parte dell'Ue c'è scetticismo sul raggiungimento di un'intesa su due dei tre punti controversi. Solo a livello di aiuti di stato sembra esserci la possibilità di una soluzione. Quanto alla cittadinanza europea, che darebbe accesso ai lavoratori Ue al sistema sociale elvetico, e alla protezione dei salari, Bruxelles non vede margine di manovra per trattare. La Svizzera vorrebbe dal canto suo separare questi tre temi dall'accordo istituzionale, mentre l'Ue è pronta unicamente a dei chiarimenti.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Meck1970 2 mesi fa su tio
La Svizzera funziona abbastanza bene. Per fare accordi, anche l'UE deve andare bene. Al momento non mi pare che la maggior parte delle nazioni se la passino così bene.
Nmemo 2 mesi fa su tio
Quando uno vuole il panino e il soldino l’altro chiede di decidere.
zznn 2 mesi fa su tio
solo un paese dittatoriale sa quello che vuole. Alles Klar! Lo prenderei come un complimento per un paese con il giusto rispetto dei bisogni diversi.
zznn 2 mesi fa su tio
solo un paese dittatoriale sa quello che vuole. Alles Klar! Lo prenderei come un complimento per un paese con il giusto rispetto dei bisogni diversi
roma 2 mesi fa su tio
Stop ai colloqui, ognuno a casa sua.
Shion 2 mesi fa su tio
@roma Best comment!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-17 00:12:15 | 91.208.130.85