Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Via la cittadinanza ad una 30enne radicalizzata
La SEM ha avviato la procedura. La donna, attualmente si troverebbe in Siria, è sospettata di aver svolto attività legate al terrorismo nel Paese
BASILEA CITTÀ
2 ore
Il Parlamento cantonale chiede un congedo parentale di 24 settimane
Luce verde ad una mozione del Partito socialista. La misura andrebbe ad aggiungersi all'attuale congedo maternità
SVIZZERA
2 ore
Violentò donne e bambini, ora chiede il suicidio assistito
Negli anni '70 e '80 Peter Vogt ha violentato oltre una decina di donne e bambini. Ora vorrebbe farla finita, ma sul caso si stanno chinando le autorità
SVIZZERA / ITALIA
2 ore
«Mi hanno rapita e uno ha allungato le mani»
Un «racconto da brividi» quello fornito dalla svizzera, prima scomparsa e poi ritrovata ad Agrigento. Si sospetta la violenza sessuale, ma è da verificare l'attendibilità della giovane
ZURIGO
3 ore
Carlos ha colpito ancora, secondini e detenuti
Il giovane delinquente zurighese verrà processato settimana prossima per una serie di episodi - almeno 19 - avvenuti in carcere
BASILEA CITTÀ
4 ore
Cade dalla bici e viene travolto da un camion
La vittima è un anziano non ancora identificato. Stava procedendo sulla Austrasse fra i binari del tram e una serie di veicoli posteggiati sul lato destro della strada
SVIZZERA
4 ore
Monica Duca Widmer presidente del nuovo cda della RUAG
Oltre alla ticinese, ne faranno parte Monika Krüsi Schädle e Ariane Richter Merz. A loro si aggiungono Nicolas Perrin per la MRO Svizzera e Remo Lütolf per la RUAG International
BASILEA CITTÀ
4 ore
Sì al taglio dell'imposizione dei dividendi
Il Gran consiglio di Basilea Città ha approvato una mozione che chiede di sottoporre a tassazione i redditi in questione solo nella misura del 60%, contro l'80% appena deciso
BERNA
5 ore
Pascal Strupler lascia la direzione dell'UFSP
Berset è ora alla ricerca di un nuovo capoufficio. Il posto sarà messo a concorso
SVIZZERA
5 ore
Vendemmia, poca uva in Romandia
Le quote di produzione fissate - inferiori a quelle dell'anno scorso, una misura volta a evitare un calo dei prezzi - non sono state raggiunte. La qualità però dovrebbe essere buona
VAUD / ZURIGO
6 ore
Aggredì un'operatrice con una roncola: pena confermata
La 38enne ivoriana dovrà scontrare 18 anni. Il fatto avvenne in un centro per richiedenti asilo di Embrach nel 2015
GINEVRA
6 ore
Curdo si cosparge di benzina e si dà fuoco
È successo davanti all'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati. L'uomo è stato ricoverato al CHUV di Losanna
SVIZZERA
7 ore
Stop alla triturazione dei pulcini vivi
La decisione è stata presa oggi dal Consiglio federale. La procedura sarà vietata a partire dal prossimo 1° gennaio
SVIZZERA
7 ore
San Gallo ristruttura i suoi ospedali
Cinque dei nove nosocomi a vocazione locale saranno ridotti a centri per urgenze con alcuni letti. 60-70 posti saranno cancellati, ma il taglio dovrebbe avvenire tramite fluttuazioni naturali
SVIZZERA
8 ore
È così che l'assassino Zoran P. ha ingannato le autorità svizzere
Fuggito dal carcere in Bosnia, si era rifatto una vita in terra confederata. I vicini sono scioccati
SVIZZERA
13.11.2017 - 15:570

Crisi migratoria, Ong scettiche sull’incontro di Berna

Nell'ambito del Gruppo di contatto del Mediterraneo centrale, si sono riuniti oggi ministri europei e africani

 

BERNA - Le organizzazioni non governative di aiuto ai migranti giudicano con scetticismo l'incontro avvenuto oggi a Berna tra ministri europei e africani nell'ambito del Gruppo di contatto del Mediterraneo centrale.

«Sono le politiche di dissuasione dell'Unione europea ad essere assassine, non il mare», denuncia in una nota Solidarité sans frontières, centro d'informazione con sede nella città federale cui fanno capo numerose ong indipendenti attive nel campo della migrazione.

La "brusca" interruzione dell'operazione Mare Nostrum lanciata nell'ottobre 2013 nel Mediterraneo - aggiunge - ha avuto per risultato un aumento dei morti in mare, e le attuali politiche migratorie europee «costringono sempre più persone a scegliere vie pericolose o addirittura mortali».

«È imperativo aumentare le operazioni di salvataggio in mare» e bisogna cessare di «criminalizzare» le ong in esse impegnate «fintanto che le persone non hanno altra scelta che il mare per fuggire», afferma Caroline Abu-Sada, direttrice di SOS Méditerranée Svizzera, citata nello stesso comunicato.

Secondo le ong, la strategia degli Stati europei di sostenere e formare i guardacoste libici è una «visione politica e a brevissimo termine». "Rinviare persone in un contesto in cui sono esposte a trattamenti degradanti e inumani, alla tortura e alle violenze sessuali costituisce in sé una violazione dei diritti umani", sostiene ancora Caroline Abu-Sada.

La copresidente di Solidarité sans frontières Sophie Guignard denuncia anche l'agire della Svizzera che, «difendendo le sue multinazionali che continuano a saccheggiare i paesi africani», come hanno di recente ancora rivelato i 'Paradise Papers', «è corresponsabile della fuga di centinaia di migliaia di persone».

A suo avviso, «sostenendo la politica europea di esternalizzazione e di securizzazione ad oltranza delle frontiere», la Svizzera «contribuisce alla situazione drammatica in Libia e alla violazione dei diritti dei migranti". L'incontro odierno - conclude - non è stata "un'occasione per la Svizzera di fare onore alla sua tradizione umanitaria».

Solidarité sans frontières esige dagli Stati europei l'organizzazione di «passaggi sicuri e vie legali di migrazione per tutte e per tutti» come pure la cessazione immediata di sostegno ai guardacoste libici e delle operazioni di salvataggio in mare.

Dal governo svizzero e più particolarmente dalla Segreteria di Stato alla migrazione vuole un contributo «significativo alla protezione dei migranti che si trovano sul suo territorio». È «imperativo» - afferma - che le autorità "ascoltino la società civile svizzera che denuncia da anni, tra l'altro, l'applicazione impietosa del regolamento di Dublino".

1 anno fa Leuthard: «Sui migranti occorre dar prova di spirito solidale»
1 anno fa Ministri europei e africani riuniti oggi a Berna
Commenti
 
shooter01 1 anno fa su tio
non capisco perchè si dia spazio ad associazioni che lucrano su questa situazione. Se c'è il male sono decisamente le ong. Probabilmente, visto che i soldi stanno per finire fanno appello ai loro amici solidali per continuare il trasporto dalle coste africane. Hanno fatto bene i libici
Thor61 1 anno fa su tio
E nessuno dei "Rappresentanti" della Svizzera ha mandato a quel paese, coloro che hanno sparato tutte quelle idiozie nei confronti loro e dei cittadini Svizzeri? Complimenti! Come diplomatici valgono NULLA in assoluto. Difendere le ONG criminali poi è associazione a delinquere, altro che far finta di nulla e creare corridoi.
pontsort 1 anno fa su tio
@Thor61 Infatti, sembra che la svizzera sia la causa di ogni male...
Mattiatr 1 anno fa su tio
@pontsort Non lo sapevi? Fin dall'era degli egizi c'era un paese malvagio. Egli soffocava i prigionieri in bagli di fondue. Sganciava testate salaminonucleari sui paesi poveri. È giusto che oggi sperperiamo i soldi per loro in fondo siamo la causa della fame nel mondo.
pontsort 1 anno fa su tio
Invece la vostra soluzione di farli venire tutti é migliore, vero?
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 18:31:13 | 91.208.130.86