Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 min
I deputati vogliono rimanere al Bernexpo
La maggioranza del Nazionale ha bocciato una mozione dell'UDC che chiedeva di tornare a Palazzo federale già lunedì.
SVIZZERA
13 min
Introdurre il «riscatto per il terzo pilastro»
Il Nazionale ha approvato una mozione che consentirà a chi non ha ancora versato i contributi, di farlo successivamente.
SAN GALLO
29 min
Rinvenuto il cadavere del nuotatore scomparso
I sommozzatori che dragavano le acque del Walensee hanno rinvenuto il corpo del 27enne.
SVIZZERA
37 min
«L'incompetenza dell'UFSP è un pericolo per la salute e la vita»
L'app SwissCovid è scaricabile da tutti, anche da chi non fa parte del gruppo pilota. Le critiche del legale
GRIGIONI
46 min
Bimba travolta e uccisa da una scultura: «I genitori non l'hanno lasciata da sola»
Il dramma di Flim il giorno dopo, fra cordoglio e tanti dubbi. Una mamma: «Poteva succedere anche ai miei figli»
ZUGO
1 ora
Camion esce di strada: conducente ferito
L'incidente si è verificato oggi a Menzingen
VALLESE
1 ora
Un castoro prende casa vicino a un negozio
È quanto accade in Vallese. Si tratterebbe di un «evento rarissimo»
SVIZZERA / FRANCIA
1 ora
UBS, il processo d'appello in Francia è rinviato al 2021
La banca è stata condannata in primo grado al pagamento di 4,5 miliardi di euro per evasione fiscale
ZURIGO
2 ore
Rapinatore in fuga col bottino
Il malvivente ha messo a segno un colpo in una stazione di servizio a Wollishofen
EUROPA / SVIZZERA
2 ore
Nestlé dovrà cambiare nome ai suoi hamburger vegani
Secondo i giudici dell'Aja la denominazione corrente ricorda in maniera un po' sospetta quella di un prodotto rivale
SVIZZERA
13.11.2017 - 15:570

Crisi migratoria, Ong scettiche sull’incontro di Berna

Nell'ambito del Gruppo di contatto del Mediterraneo centrale, si sono riuniti oggi ministri europei e africani

 

BERNA - Le organizzazioni non governative di aiuto ai migranti giudicano con scetticismo l'incontro avvenuto oggi a Berna tra ministri europei e africani nell'ambito del Gruppo di contatto del Mediterraneo centrale.

«Sono le politiche di dissuasione dell'Unione europea ad essere assassine, non il mare», denuncia in una nota Solidarité sans frontières, centro d'informazione con sede nella città federale cui fanno capo numerose ong indipendenti attive nel campo della migrazione.

La "brusca" interruzione dell'operazione Mare Nostrum lanciata nell'ottobre 2013 nel Mediterraneo - aggiunge - ha avuto per risultato un aumento dei morti in mare, e le attuali politiche migratorie europee «costringono sempre più persone a scegliere vie pericolose o addirittura mortali».

«È imperativo aumentare le operazioni di salvataggio in mare» e bisogna cessare di «criminalizzare» le ong in esse impegnate «fintanto che le persone non hanno altra scelta che il mare per fuggire», afferma Caroline Abu-Sada, direttrice di SOS Méditerranée Svizzera, citata nello stesso comunicato.

Secondo le ong, la strategia degli Stati europei di sostenere e formare i guardacoste libici è una «visione politica e a brevissimo termine». "Rinviare persone in un contesto in cui sono esposte a trattamenti degradanti e inumani, alla tortura e alle violenze sessuali costituisce in sé una violazione dei diritti umani", sostiene ancora Caroline Abu-Sada.

La copresidente di Solidarité sans frontières Sophie Guignard denuncia anche l'agire della Svizzera che, «difendendo le sue multinazionali che continuano a saccheggiare i paesi africani», come hanno di recente ancora rivelato i 'Paradise Papers', «è corresponsabile della fuga di centinaia di migliaia di persone».

A suo avviso, «sostenendo la politica europea di esternalizzazione e di securizzazione ad oltranza delle frontiere», la Svizzera «contribuisce alla situazione drammatica in Libia e alla violazione dei diritti dei migranti". L'incontro odierno - conclude - non è stata "un'occasione per la Svizzera di fare onore alla sua tradizione umanitaria».

Solidarité sans frontières esige dagli Stati europei l'organizzazione di «passaggi sicuri e vie legali di migrazione per tutte e per tutti» come pure la cessazione immediata di sostegno ai guardacoste libici e delle operazioni di salvataggio in mare.

Dal governo svizzero e più particolarmente dalla Segreteria di Stato alla migrazione vuole un contributo «significativo alla protezione dei migranti che si trovano sul suo territorio». È «imperativo» - afferma - che le autorità "ascoltino la società civile svizzera che denuncia da anni, tra l'altro, l'applicazione impietosa del regolamento di Dublino".

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
shooter01 2 anni fa su tio
non capisco perchè si dia spazio ad associazioni che lucrano su questa situazione. Se c'è il male sono decisamente le ong. Probabilmente, visto che i soldi stanno per finire fanno appello ai loro amici solidali per continuare il trasporto dalle coste africane. Hanno fatto bene i libici
Thor61 2 anni fa su tio
E nessuno dei "Rappresentanti" della Svizzera ha mandato a quel paese, coloro che hanno sparato tutte quelle idiozie nei confronti loro e dei cittadini Svizzeri? Complimenti! Come diplomatici valgono NULLA in assoluto. Difendere le ONG criminali poi è associazione a delinquere, altro che far finta di nulla e creare corridoi.
pontsort 2 anni fa su tio
@Thor61 Infatti, sembra che la svizzera sia la causa di ogni male...
Mattiatr 2 anni fa su tio
@pontsort Non lo sapevi? Fin dall'era degli egizi c'era un paese malvagio. Egli soffocava i prigionieri in bagli di fondue. Sganciava testate salaminonucleari sui paesi poveri. È giusto che oggi sperperiamo i soldi per loro in fondo siamo la causa della fame nel mondo.
pontsort 2 anni fa su tio
Invece la vostra soluzione di farli venire tutti é migliore, vero?
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-02 17:58:22 | 91.208.130.89