20min
BERNA
30.09.2021 - 20:250
Aggiornamento : 20:50

Un'altra protesta non autorizzata contro le misure anti-Covid

Un corteo è partito poco dopo le 19.30 dal piazzale della stazione di Berna. È schierata la polizia

BERNA - Diverse centinaia di oppositori alle restrizioni dettate dal coronavirus si sono riuniti a Berna questa sera per un'altra manifestazione non autorizzata. La loro protesta era diretta in particolare contro l'obbligo del certificato Covid per frequentare vari ambienti.

Un corteo è iniziato poco dopo le 19.30 sul piazzale della stazione centrale. La polizia ha isolato diverse strade del centro cittadino, ricordando ai partecipanti che la manifestazione non è autorizzata e dovranno aspettarsi controlli e arresti, riferisce un corrispondente di Keystone-ATS.

La polizia cantonale era di nuovo schierata con un grande contingente. L'area intorno all'edificio del Parlamento federale, compresa Piazza Federale, è stata transennata.

Il Consiglio nazionale questa sera è ancora riunito nell'edificio del Parlamento. Il presidente della Camera del popolo, Thomas Aebi (SVP/BE), aveva dichiarato in precedenza che la polizia avrebbe garantito la sicurezza.

Le dimostrazioni di oppositori alle misure antipandemiche degli ultimi due giovedì a Berna sono state segnate da violenze e la polizia ha fatto uso di proiettili di gomma e cannoni ad acqua contro i manifestanti.

Dal 13 settembre in Svizzera è stato esteso l'obbligo di certificato Covid. Da allora, i visitatori devono identificarsi come vaccinati, guariti o mostrare il risultato di test recenti non solo nei grandi eventi o in discoteca. Il certificato Covid è richiesto anche quando si va al ristorante, al cinema o in palestra.

Solo in settembre, otto manifestazioni di oppositori alle misure anti-Covid hanno già avuto luogo a Berna. Sette non erano autorizzate.

Dopo la violenza del raduno del 16 settembre, la città di Berna ha annunciato che non avrebbe più tollerato dimostrazioni non autorizzate. Tuttavia, la polizia non è stata in grado di impedire una marcia di protesta venerdì scorso.

L'Ufficio Federale di Polizia (Fedpol) ha detto di avere un sistema per difendersi da possibili intrusioni a Palazzo Federale.

Il Servizio delle attività informative della Confederazione (SIC) sta indagando sul possibile coinvolgimento di gruppi estremisti violenti nella comunità degli scettici della pandemia o delle misure per contrastarla.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 06:08:10 | 91.208.130.89