Cerca e trova immobili

ZURIGOFai attenzione al tuo spuntino preferito se tra gli aromi ha l'affumicato

11.12.23 - 06:30
Le autorità dell’UE stanno mettendo in guardia su questo tipo di alimenti aromatizzati. Che sono più di quanto si possa immaginare
20Minuten
Fai attenzione al tuo spuntino preferito se tra gli aromi ha l'affumicato
Le autorità dell’UE stanno mettendo in guardia su questo tipo di alimenti aromatizzati. Che sono più di quanto si possa immaginare

ZURIGO - Gli appassionati di patatine devono fare attenzione: gli aromi di affumicatura, contenuti ad esempio in alcune chips al peperoncino, possono provocare mutazioni genetiche e quindi aumentare il rischio di cancro e malattie ereditarie. La segnalazione arriva dalla rivista per consumatori “Saldo”, con riferimento al mercato alimentare europeo.

Sono molti, infatti, i produttori che utilizzano questi aromi come sostituti economici del vero processo di affumicatura. Non si trovano solo nelle patatine fritte o nei prodotti per la grigliata, ma anche in cibi in cui non te li aspetteresti, come nella zuppa d'orzo grigionese di Knorr.

Quando si tratta degli aromi di affumicato, non esiste un valore soglia considerato sicuro. L'autorità alimentare afferma che anche le quantità più piccole sono potenzialmente dannose. L'Istituto federale tedesco per la valutazione del rischio consiglia pertanto di non consumare tali prodotti per evitare rischi per la salute.

I produttori aspettano le autorità

Nonostante gli avvertimenti, rivenditori e produttori sono in gran parte in attesa, come afferma il rapporto. Aldi e Migros sottolineano che l'aroma di affumicato è approvato dalle autorità, ma si dicono attenti ai risultati scientifici. Anche il produttore della Knorr, Unilever, afferma di attendere ulteriori passi da parte della Commissione UE.

Lidl ha annunciato un'indagine sul futuro utilizzo degli aromi di affumicatura. Nel dubbio, si intende lavorare sulle soluzioni. L'azienda vuole adattare la ricetta non appena sarà disponibile una variante ottimale, ha spiegato la portavoce Anita Binder, interpellata da 20 Minutes.

Se lo vieta l’UE, lo vieta la Svizzera

Il portavoce di Coop Caspar Frey ha risposto spiegando che un'alimentazione complessivamente equilibrata ha un impatto sulla salute di molto maggiore rispetto al consumo occasionale di prodotti aromatizzati al fumo. Coop continuerà tuttavia a monitorare la situazione e i dati scientifici e, se necessario, adotterà misure.

L'Ufficio federale per la sicurezza alimentare, responsabile dell'approvazione, ha rilasciato una dichiarazione simile e non ha, dunque, ritenuto necessario per ora informare i consumatori sul possibile rischio dell'aroma di fumo. L'Ufficio federale è a conoscenza della valutazione dell'Autorità alimentare europea. Se questi aromi di affumicatura saranno vietati nell'UE, la Svizzera farà altrettanto.

COMMENTI
 

littli 2 mesi fa su tio
Tra un po' con tutti questi allarmismi vivremo d'aria,

X 2 mesi fa su tio
Quanta burocrazia ... è tossico? Lo si sa? Allora è da vietare, punto! Altro che scriverlo sulla confezione ... manca poco che le etichette degli alimenti diventano come il bugiardino dei farmaci.

Dex 2 mesi fa su tio
🤫

HoraUltima 2 mesi fa su tio
Premesso che di sicuro al 100% nell'alimentazione di oggi non resta quasi più niente, bisognerebbe evitare di acquistare tutto quello che è sottoposto a qualche procedimento tipo quello a cui fa riferimento l'articolo. La maggior parte delle cose presente negli scaffali è da evitare. Si può alimentarsi bene ma con consapevolezza e in ultimo il borsellino ne guagagna!

noci 2 mesi fa su tio
Obbligo di indicazione sulla confezione o etichetta!

Johari 2 mesi fa su tio
Quindi, i “grandi” della distribuzione sanno, ma preferiscono aspettare la Legge al posto di tutelare la salute dei loro clienti? Bravissimi!!

Fabvan 2 mesi fa su tio
Trovo scandaloso scrivere un articolo del genere e non menzionare il nome della sostanza chimica di cui si parla. Va bene, il vostro target di lettori è forse analfabeta, ma non si può non scrivere almeno due righe di approfondimento. La sostanza dannosa in questione sono probabilmente i "polycyclic aromatic hydrocarbons (PAHs)", ovvero idrocarburi policiclici. Ho trovato questa informazione in un articolo del 2016, quindi non proprio una scoperta attuale.

alessandro_apostolo 2 mesi fa su tio
Risposta a Fabvan
Grazie mille per l’informazione

fugu 2 mesi fa su tio
Risposta a Fabvan
Confermo. Da un articolo del 2020: "Ma, di contro, tra le sostanze rilasciate nel processo di affumicatura, ci sono gli Idrocarburi Policiclici Aromatici (IPA), le stesse sprigionate dal fumo di sigaretta, che sono tossiche per l’uomo."

fugu 2 mesi fa su tio
Risposta a fugu
Devo correggere quanto scritto sopra, che riguarda la vera affumicatura. Sul sito "Il Fatto Alimentare", un articolo del 16 novembre 2023: "L’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) ha deciso di non rinnovare l’autorizzazione all’impiego di alcuni [1] aromi utilizzati per affumicare i prodotti per via del loro potenziale effetto cancerogeno." L'[1] rimanda a una lista (tecnica e fastidiosa) degli aromi in questione, per chi si interessa.
NOTIZIE PIÙ LETTE