Cerca e trova immobili

SVIZZERAAttenti inquilini: è in arrivo la stangata sugli affitti

26.05.23 - 14:46
Con l'aumento del tasso ipotecario di riferimento previsto il primo giugno il costo delle pigioni è destinato a salire in tutto il Paese.
Ti-Press (archivio)
Fonte ats
Attenti inquilini: è in arrivo la stangata sugli affitti
Con l'aumento del tasso ipotecario di riferimento previsto il primo giugno il costo delle pigioni è destinato a salire in tutto il Paese.

ZURIGO - Si annuncia una svolta importante per molti inquilini svizzeri: giovedì prossimo (primo giugno) il cosiddetto tasso ipotecario di riferimento sarà con ogni probabilità aumentato, peraltro per la prima volta in assoluto da quando esiste. Questo potrebbe essere il segnale di una corsa generalizzata all'incremento dei canoni di locazione in tutto il paese: un movimento che alimenterà ulteriormente anche l'inflazione.

In gioco vi è qualcosa di più che qualche franco. Chi paga 2000 franchi al mese per un appartamento - una pigione comune per una famiglia in molte regioni elvetiche - presto dovrà versarne 2130, ovvero quasi il 7% in più. Ciò si traduce in un costo aggiuntivo per l'alloggio di quasi 1600 franchi all'anno. Un importo rilevante, tanto più in tempi in cui l'abitazione è già diventata massicciamente più costosa a causa della crescita delle tariffe di nafta, gas ed elettricità.

Il motivo principale dell'imminente aumento degli affitti è il meccanismo del tasso di riferimento, che ora probabilmente avrà un effetto negativo sugli inquilini per la prima volta dalla sua introduzione nel 2008. Da marzo 2020 l'indicatore calcolato dall'Ufficio federale delle abitazioni (UFAB) è al suo minimo storico dell'1,25% (era al 3,5% quando è stato creato). Visto che i tassi medi rilevati delle ipoteche stanno aumentando dovrebbe però salire all'1,50%.

Questa è una cattiva notizia per gli inquilini. Infatti se il tasso d'interesse di riferimento viene ritoccato di 0,25 punti percentuali i proprietari sono autorizzati ad aumentare la pigione del 3,0%, a condizione che abbiano trasferito anche le riduzioni precedenti.

Secondo una stima della ZKB, la banca cantonale di Zurigo, circa la metà dei contratti di locazione si basa sull'attuale tasso di riferimento. E in base a un sondaggio condotto a metà aprile dall'agenzia Awp molti fra i grandi proprietari procederanno ai ritocchi verso l'alto. La loro argomentazione: negli ultimi anni gli inquilini hanno beneficiato di affitti più bassi grazie al calo dei tassi di interesse sui mutui e con l'aumento dei costi di finanziamento è anche comprensibile che il pendolo oscilli nella direzione opposta.

Ma il tasso di interesse di riferimento non è l'unica ragione dell'incombente aumento degli affitti: l'altra è l'inflazione, attualmente relativamente alta, che può essere scaricata sul locatario nella misura del 40%. Nell'esempio citato all'inizio, in cui non è stato ipotizzato alcun adeguamento dell'affitto da marzo 2020, ciò equivale a un altro buon 2%. I padroni di casa possono anche trasferire gli aumenti generali dei costi: spesso si ricorre a un tasso forfettario dello 0,5% annuo, ciò che aggiunge altri punti percentuali.

Per gli inquilini la fattura supplementare rischia quindi di essere salata, ma l'UFAB mette in guardia dalle generalizzazioni: una modifica del canone può essere valutata solo in base al caso specifico, ha indicato un portavoce all'agenzia Awp.

Gli economisti, nel frattempo, puntano anche il dito sulle conseguenze economiche generali dell'aumento degli affitti. Gli esperti di Raiffeisen, ad esempio, ipotizzano che la crescita del costo delle pigioni alimenterà l'inflazione in autunno. Questo mette la Banca nazionale svizzera (BNS) di fronte a un dilemma. «In realtà attraverso l'aumento dei tassi d'interesse l'istituto vuole frenare il rincaro, ma è essa stessa a farlo salire con lo scatto del tasso d'interesse di riferimento». Gli economisti di Raiffeisen concludono che la stessa BNS sta diventando un «motore dell'inflazione».

Come noto la BNS ha proceduto a quattro aumenti dei tassi nell'ultimo anno, operando un primo rialzo il 16 giugno 2022 (da -0,75% a -0,25%), un secondo il 22 settembre (da -0,25% a +0,50%), un terzo il 15 dicembre (da +0,50% a +1,00%) e un quarto il 23 marzo 2023 (da +1,00% a +1,50%). Non sono esclusi ulteriori ritocchi in futuro, ha fatto sapere l'entità guidata da Thomas Jordan. Il prossimo cruciale esame della situazione economia e monetaria è in agenda il 22 giugno: vista l'inflazione tuttora elevata (al 2,6% in aprile), gli esperti si aspettano un ulteriore ritocco verso l'alto del tasso guida.

Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
COMMENTI
 

Lello 10 mesi fa su tio
qualche mese fa gli stessi individui consigliavano l'appartamento alla casa propria...complimenti per la coerenza,sempre felice di aver acquistato casa

Stefy43 10 mesi fa su tio
Continuate a credere a Chi vi dice che l’affitto conviene più dell’acquisto (si conviene, per i proprietari)

Tirasass 10 mesi fa su tio
Quando abbassano i tassi non diminuiscono mai! Ma fa niente, tanto con il carovita che ci hanno dato del 2 5% siamo in una botte di ferro. Pori num

OrsoTI 10 mesi fa su tio
Quanto intassi sono scesi si è chiesto abbassamento affitto. Adesso le stesse persone che ne hanno usufruito , si vedranno aumentare affitto.

mestesso 10 mesi fa su tio
Con l’aumento degli affitti scadono i contratti e il locatario o inquilino, puo dare la disdetta. Locatore, poi, o ti attacchi o tribuli a cercarti un altro inquilino, magari uno che non paga…

Lello 10 mesi fa su tio
Risposta a mestesso
lui potrebbe dirti la stessa cosa,arrivederci e auguri per trovarti un altro appartamento a un prezzo minore,da entrambi le parti,sai ciò che lasci ma non cosa trovi

FritzPopCip 10 mesi fa su tio
Articolo fazioso. Il diritto della locazione è di pubblico dominio e conosciuto. Io mi sono fatto abbassare l’affitto quando i tassi sono scesi e adesso non mi meraviglio se dovesse aumentare.

mennyx 10 mesi fa su tio
Cane che si morde la coda. In caso di aumenti di affitto richiedere ai coduttori, con corrette modalità e tempistiche, le riparazioni, tinteggi, sostituzioni, ecc. d'obbligo secondo tabelle. altrimenti versamenti c/o ufficio conciliazione

FritzPopCip 10 mesi fa su tio
Risposta a mennyx
Altrimenti se non paghi un bel precetto
NOTIZIE PIÙ LETTE