Immobili
Veicoli

ZURIGO«Presto il lupo attaccherà anche l'uomo»

11.07.22 - 22:00
I lupi uccidono una mucca e il consigliere nazionale Jean-Pierre Grin lancia l'allarme: «C'è sempre più pericolo»
Ufficio Caccia e Pesca (GR)
«Presto il lupo attaccherà anche l'uomo»
I lupi uccidono una mucca e il consigliere nazionale Jean-Pierre Grin lancia l'allarme: «C'è sempre più pericolo»
Gli attivisti per i diritti degli animali non sono d'accordo.

ZURIGO - Le autorità grigionesi sono preoccupate: sabato notte il branco del Beverin ha ucciso una mucca sull'Alpe di Nurdagn, nello Schamserberg (GR). L'animale era con altre mucche in un'area recintata, riferiva ieri l'Ufficio per la caccia e la pesca. Questo nuovo attacco equivale al raggiungimento di «un nuovo livello di gravità» dei danni finora provocati dal branco del Beverin, sottolineava ancora il comunicato nel quale le autorità competenti si dicevano «preoccupate». Il cantone sta ora esaminando se i lupi che hanno ucciso la mucca possano essere abbattuti.

Contadini arrabbiati - Nel frattempo, tra le autorità e gli agricoltori il clima è teso. «Se le cose continuano così, verranno uccise sempre più bestie fino a che non arriverà il momento dell'uomo», sostiene il consigliere nazionale vodese Udc e agricoltore Jean-Pierre Grin. Secondo il politico, i Cantoni dovrebbero avere il potere di regolamentare autonomamente i branchi di lupi. Nella sessione estiva sono state presentate al parlamento diverse proposte per ridurne la popolazione, per lo più firmate da politici Udc vallesani e ticinesi.

Nelle ultime settimane, d'altra parta, va crescendo il numero di attacchi al bestiame da parte dei lupi. Ce se sono stati diversi in Ticino, dove le pecore uccise si contano ormai a decine, ma anche a Matt e a Elm (GL). La situazione è così tesa da aver spinto alcuni allevatori a protestare trascinando le carcasse degli animali uccisi davanti alla sede del governo a Bellinzona. Tuttavia il lupo resta un animale protetto.

Per Grin però non dovrebbe esserlo. Intanto, potrebbero essere necessari fino a due anni prima che i Cantoni ricevano l'approvazione della Confederazione per l'abbattimento. Questo mentre la conta delle vittime prosegue e i branchi vanno infoltendosi. Grin presume che oggi in Svizzera vivano 350 lupi, rispetto ai 150 di due anni fa. «Una crescita veloce», sottolinea. Diverse le stime ufficiali, che riferiscono di 15 branchi e 150 lupi, come specificato da Dorine Kouyoumdjian, portavoce dell'Ufficio federale per l'ambiente. Secondo l'organizzazione per il benessere degli animali "Gruppo Lupo Svizzero (GLS)", ci sono 16 branchi e 160 lupi.

Il politico Udc insiste sottolineando la particolarità dell'attacco nei Grigioni: «Ci vogliono otto o nove lupi per mettere a terra una mucca adulta, altrimenti non sarebbero stati in grado di farlo». Per il biologo David Bittner, del gruppo GLS, non c'è da preoccuparsi. «Non siamo di fronte a una nuova frontiera degli attacchi del lupo. È solo che, con una popolazione in crescita, sono prevedibili incidenti del genere. Ma restano casi isolati».

Secondo Bittner, non è necessario abbattere il lupo in modo proattivo, la regolamentazione naturale se ne occuperà da sola. «Non c'è spazio infinito in Svizzera. L'autoregolamentazione è già in atto: i branchi uccidono i lupi invasori». Per il biologo non è nemmeno realistico presumere che i lupi attaccheranno l'uomo. «Dovresti comportarti nel modo sbagliato per far sì che accada una cosa simile». Ad esempio, tentando di nutrire i lupi. «È necessaria cautela nelle aree abitate da questa specie», aggiunge l'esperto. «Ma non serve una pistola, basta il buon senso. I cani, ad esempio, dovrebbero essere sempre tenuti al guinzaglio».

Revisione legislativa pendente in Parlamento - Il gruppo GLS sta comunque cercando di dare il suo contributo per far sì che la specie sia meno protetta. Insieme ad altre associazioni ha raggiunto quello che ritiene essere «un compromesso accettabile» che dovrà ora essere discusso in Parlamento. Tuttavia, secondo Jean-Pierre Grin, la proposta non basta. «I cantoni devono essere in grado di regolamentare autonomamente la popolazione di lupi», insiste.

COMMENTI
 
Meiroslnaschebiancarlengua 2 mesi fa su tio
In Svizzera il posto adatto per il lupo è lo zoo. Incasina i contadini di montagna che sono gli unici garanti dei paesaggi che gli uffici del turismo vantano in tutto il mondo. Se i contadini gettano la spugna chi farà il loro lavoro di paesaggisti? Impiegati statali? Asilanti ucraini? Voi che vi preparate a vomitare sul mio messaggio? L'idea di avere lupi nelle nostre valli è carina, ma solo per chi non ha mai dovuto occuparsi di animali da rendita (gatti, criceti e pesciolini rossi non ne fanno parte, tanto per essere chiari). Ritrovarsi lì con 10 pecore sbranate fa senso e anche girare i testicoli (non sono i soldi del risarcimento che rincuorano). Adesso ditemi, se un cane o altro animale vi sbrana il gatto o un figlio come reagite? 1. dite che è la natura e bisogna accettarlo. 2. Ve la prendete di brutto e dite che c'è qualcosa che non va.
Gus 2 mesi fa su tio
Certamente non andranno nei salotti o nelle ville lussuose dei rosso-verdi cittadini
emibr 2 mesi fa su tio
Il consigliere nazionale UDC è ancora sotto shock per la storia di Cappuccetto Rosso? Oppure era sotto l'effetto di troppo fendant?
IlBiologo 2 mesi fa su tio
Chi glorifica il ritorno del lupo in un ambiente a lui perfettamente iNADATTO non si rende conto che compie due ingiustizie: una nei confronti degli allevatori, la seconda nei confronti del lupo medesimo.
seo56 2 mesi fa su tio
Il biologo 😂😂🤡😂😂
Mattiatr 2 mesi fa su tio
A 30 minuti da casa mia c'è una luera costruita almeno 2-300 anni fa. Pensa te, se la chiamano trappola del lupo vuol dire che c'era, quindi tutto sommato l'ambiente non è così inadatto (poi se pensi che le montagne siano uno schifo come al Piano di Magadino o a Grancia il discorso cambia, a me non risulta).
BlueShark 2 mesi fa su tio
Ben tornato LUPO …..
matias13 2 mesi fa su tio
Vero! Il mondo va a rotoli! In ogni caso....troppi lupi nei boschi....e ancor di più, troppi lupi da tastiera! Tutti professori!
cle72 2 mesi fa su tio
Andiamo avanti con la politica del terrore. Covid, suina, scimmia ora il lupo. Qualcosa di maltao c'è, l uomo che distrugge tutto, il mondo va a rotoli e nessuno fa nulla. Guerre nel 2022... Complimenti a chi è al potere e governa..
seo56 2 mesi fa su tio
Articolo vergognoso!!! #iostocinilupi
Robi57 2 mesi fa su tio
C’è un “errorino” nel tuo commento. Prenditi un po’ di tempo quando scrivi e rileggi (nel tuo caso, più volte). P.s. Dimenticavo, prima di scrivere collega la mano con il cervello.
seo56 2 mesi fa su tio
Ecco a voi il premio Nobel dell’🤐🤐🤐
Sara788 2 mesi fa su tio
presto gli elefanti voleranno!
NOTIZIE PIÙ LETTE