Immobili
Veicoli

SVIZZERAPrimi contratti di lavoro per i profughi ucraini

31.03.22 - 11:04
Le prime assunzioni nel ramo delle telecomunicazioni con Sunrise. Ma anche Swisscom e Swiss ci stanno pensando
AFP
Fonte 20Minuten/Seline Bietenhard
Primi contratti di lavoro per i profughi ucraini
Le prime assunzioni nel ramo delle telecomunicazioni con Sunrise. Ma anche Swisscom e Swiss ci stanno pensando
Gli specialisti ucraini sono particolarmente richiesti nel settore dell'IT

ZURIGO - I rifugiati chiamano e le aziende (in particolare quelle di telefonia) rispondono. Dall'inizio del conflitto tra Ucraina e Russia, 18'341 profughi (dato aggiornato a martedì) sono già arrivati in Svizzera, di cui 11'181 hanno ottenuto lo status di protezione S. Uno status che permette loro di svolgere un lavoro regolare e, al tempo stesso, consente al nostro Paese di beneficiare di una manodopera qualificata.

Le prime aziende, soprattutto nel settore IT, sono già sul punto di concludere un contratto di lavoro con persone provenienti dall'Ucraina. Ad esempio Sunrise, che è in trattativa per assumere tre persone nel settore digitale e informatico. «Pensiamo che i contratti di lavoro saranno conclusi a breve» dice il portavoce di Sunrise, Rolf Ziebold.

«Contratti a tempo indeterminato» - Secondo Ziebold, i candidati ucraini sono specializzati e qualificati. «Offriamo loro contratti di lavoro illimitati con condizioni contrattuali standard di mercato». Per quanto tempo i rifugiati saranno impiegati non è ancora chiaro. In base alle future decisioni delle autorità e ai cambiamenti nella situazione personale dei dipendenti, l'azienda rivaluterà la situazione. Oltre ai tre candidati, Sunrise sta già pianificando di assumere altre persone provenienti dall'Ucraina: «Stiamo in trattativa con una decina di altre persone e prevediamo che ci saranno altre nomine».

Diverse altre aziende stanno valutando di impiegare i rifugiati ucraini. Oltre alle aziende del settore IT, ci sono anche compagnie aeree e aziende del commercio. «Stiamo attualmente chiarendo e scambiando informazioni con le organizzazioni sulle condizioni quadro e le esigenze», dice un portavoce di Swisscom interpellato da 20 Minuten. Anche la Swiss sta approfondendo la questione: «Prendiamo molto sul serio una possibile integrazione lavorativa dei rifugiati ucraini. Attualmente stiamo esaminando se e in quale forma è possibile un dispiegamento di rifugiati nelle nostre attività» dice la compagnia aerea.

«Attese altre richieste» - Ma prima che un rifugiato possa lavorare, ci sono alcuni ostacoli da superare. Per esempio, le persone provenienti dall'Ucraina che vogliono lavorare devono innanzitutto registrarsi presso l'ufficio di collocamento responsabile del cantone di accoglienza per ottenere un permesso di lavoro. I cantoni ricevono attualmente relativamente poche domande di lavoro. «Finora, solo pochi rifugiati si sono registrati. Ci aspettiamo che altre persone ci contattino nelle prossime settimane e mesi», dice Bernhard Neidhart dell'Ufficio dell'economia e del lavoro del Cantone di Zugo.

L'Unione svizzera degli imprenditori (USI) ritiene che la ragione del basso numero di richieste dipenda dal fatto che la maggior parte dei rifugiati sono donne con bambini. «Per molti, l'alloggio e la scolarizzazione dei figli sono probabilmente più importanti in questa prima fase di trovare subito un lavoro» dice Fredy Greuter dell'USI.

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA