Immobili
Veicoli

ZURIGOCosa sappiamo della pericolosità della nuova variante?

26.11.21 - 23:50
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
keystone
Fonte 20Minuten/Fee Anabelle Riebeling
Cosa sappiamo della pericolosità della nuova variante?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
Con 32 mutazioni della proteina spike rischia di diventare la variante dominante e di sfuggire alla protezione dei vaccini. O forse no.

ZURIGO - In Sudafrica si sta diffondendo una variante del Coronavirus che potrebbe essere molto più pericolosa della variante delta, attualmente quella dominante.

B.1.1.529, soprannominata Omicron, ha diverse caratteristiche potenzialmente pericolose. Ma quanto sia grande questo pericolo non è ancora chiaro. Oggi l'Oms l'ha classificata come «preoccupante».

Perché B.1.1.529 sta causando tanto scalpore?

Ci sono diverse ragioni. Da un lato, c'è il numero di mutazioni nella proteina spike della variante: ben 32. Questa è la componente del virus che permette di infettare le cellule e quella che il nostro sistema immunitario riconosce. Ci sono poi più di una dozzina di mutazioni in altre parti del virus. «Questo è un numero straordinariamente alto e, stranamente, non sono note varianti correlate fino ad oggi. Sembra quasi che B.1.1.529 sia uscito dal nulla», ha affermato il giornalista scientifico Lars Fischer in un articolo su Spektrum.de.

Gli esperti sono preoccupati anche per il rapido aumento del numero di casi riconducibili a B.1.1.529: nella regione del Gauteng, con le città di Pretoria e Johannesburg, il numero dei contagi con questa nuova variante è cresciuto in maniera esponenziale. Tuttavia, con circa un migliaio di infezioni registrate, sembra non essersi diffuso troppo.

Le mutazioni rendono il virus più pericoloso?

La variante è ancora troppo recente perché sia stata studiata sotto questo aspetto. «Sappiamo esattamente di che tipo e dove sono le mutazioni, ma non possiamo dire nulla sull'effetto che hanno sul virus», spiega Emma Hodcroft, dell'Università di Berna, in un'intervista alla BBC. Alcune delle mutazioni sono già note in altre varianti di Sars-CoV-2. Ad esempio quella designata come E484K, presente anche nella variante beta, che secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità è una di quelle «preoccupanti».

«Sappiamo che questa non è una buona notizia», ha aggiunto Hodcroft. «Le mutazioni spesso lavorano insieme», prosegue il ricercatore. Ciò significa che, a seconda della combinazione, l'effetto può essere diverso. Poiché la combinazione che si verifica in B.1.1.529 non è mai stata identificata prima, al momento non possono essere fatte speculazioni.

E la contagiosità? B.1.1.529 sostituirà la variante delta?

Non si può ancora sapere nemmeno questo. La sua diffusione potrebbe essere spiegata anche da qualcosa di diverso da una maggiore infettività. Il numero di infezioni in Sudafrica, di recente, è stato recentemente relativamente basso, con circa 300 nuovi casi al giorno. Di conseguenza, c'era solo un piccolo fronte di delta, attualmente variante dominante in Sudafrica. «Ciò significa che B.1.1.529 potrebbe essere semplicemente entrata in questo vuoto in cui non esisteva una vera concorrenza», afferma Hodcroft. Altre varianti emerse nel frattempo sono sempre state in competizione con delta e non hanno fino ad ora avuto possibilità di prevalere.

Richard Neher del Biozentrum dell'Università di Basilea pensa che sia «abbastanza concepibile che la variante sia molto trasferibile e che sfugga in parte alla risposta immunitaria». Tuttavia al momento le condizioni in cui questa variante si trasmette più velocemente di delta non sono chiare e ciò potrebbero dipendere dal tasso di vaccinazione.

In Sudafrica, il tasso di vaccinazione è solo del 42,7 percento e solo un quarto di tutti gli operatori sanitari è vaccinato. B.1.1.529 è la conseguenza di tutto ciò?

Non si può dire con certezza. Ma una cosa è certa: «più questo virus circola, più opportunità ha di cambiare, più mutazioni vedremo», ha affermato l'epidemiologo dell'OMS Marie van Kerhove.

Questo perché si concede al virus la possibilità di scoprire quali combinazioni lo avvantaggiano, spiega Hodcroft. «Ciò può sicuramente aiutare a creare nuove varianti». Secondo il ricercatore bernese, non si dovrebbe commettere l'errore di ignorare i tassi di vaccinazione in altri Paesi: «Perché ci possono essere varianti che riguarderanno tutti noi».

C'è chi ha già imposto restrizioni al Sudafrica. I politici svizzeri chiedono il blocco degli ingressi. Ha senso?

«È sempre una domanda difficile», ammette Emma Hodcroft. In passato non è stato possibile impedire la diffusione globale delle varianti in questo modo. «Ma sicuramente si aiuta a rallentarne, il che ci dà il tempo di saperne di più e di adattare le nostre strategie alla nuova situazione».

Quali scenari sono possibili?

Potrebbero accadere diverse cose: da un lato B.1.1.529 potrebbe penetrare più facilmente nelle cellule umane e quindi diventare più infettiva. È anche possibile che il virus causi più danni. Potrebbe anche diventare più resistente agli anticorpi prodotti dal sistema immunitario o dal vaccino. Jesse Bloom, uno dei principali ricercatori negli Stati Uniti sul genoma virale, teme che dei 36 anticorpi esaminati che sono già utilizzati terapeuticamente contro Sars-CoV-2, molti potrebbero perdere la loro efficacia. «Ma ciò non significa che i vaccini o i farmaci perderanno improvvisamente il loro effetto protettivo contro la nuova variante».

C'è qualcosa che possiamo fare?

Sì. Il virus ha bisogno di persone per circolare. «Ognuno di noi deve aiutare a contenere la trasmissione e proteggersi da malattie gravi e morte. Quindi facciamoci vaccinare e adottiamo tutte le misure per evitare di esporci al virus e trasmettere il virus ad altri», avverte l'esperto dell'OMS van Kerkhove.

Il direttore generale dell'OMS Tedros Ghebreyesus, invita tutte le persone, indipendentemente dalla nuova variante, a indossare una mascherina, mantenere le distanze, evitare la folla e incontrare gli altri solo all'aperto o in spazi interni ben ventilati. «Siamo preoccupati per un falso senso di sicurezza che i vaccini stanno dando. È sbagliato pensare che si è posto fine alla pandemia e che le persone vaccinate non hanno bisogno di ulteriori precauzioni». Perché la presenza di varianti altamente infettive ha un effetto sull'efficacia dei vaccini: «Prima della comparsa della variante delta, le vaccinazioni riducevano la trasmissione del patogeno del 60 per cento secondo i dati disponibili, ora è solo del 40 per cento circa».

B.1.1.529 è già arrivato in Svizzera?

Ufficialmente no: «La variante B.1.1.529 non è stata ancora rilevata con il programma di monitoraggio del sequenziamento genico in Svizzera», assicura l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP).

L'esperienza con le mutazioni precedenti mostra la possibilità che la nuova variante arrivi anche da noi. Le varianti alfa e delta, ad esempio, erano già in circolazione in Svizzera prima di essere scoperte per la prima volta. Ma anche se B.1.1.529 non è ancora arrivata, la situazione è comunque rischiosa, sottolinea Hodcroft su Twitter: «L'Europa sta già affrontando un inferno con l'impennata di casi di delta. Non possiamo permettere che una nuova variante ci distragga dall'adozione di misure, qui e ora, per contenere i casi e prevenire la perdita di ulteriori vite».

CORRELATI
NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE SVIZZERA