keystone
ZURIGO
06.08.2021 - 14:320

Viaggi d'affari in aereo: aziende ancora caute

In Europa, però, le cifre delle prenotazioni stanno aumentando di nuovo in modo significativo.

Sorprendente il caso della Cina: si viaggia più ora che prima della pandemia

ZURIGO - La pandemia di coronavirus ha ridotto significativamente i viaggi d'affari in aereo in tutto il mondo, ma ora ci sono sempre più segni di ripresa.

In Europa, le cifre delle prenotazioni stanno aumentando di nuovo in modo significativo e in Cina, almeno all'interno del paese, ora ancora più persone, rispetto a prima della pandemia, viaggiano per lavoro, ha comunicato AirPlus International, affiliata di Lufthansa attiva nei viaggi d'affari. Le aziende svizzere si mostrano invece ancora caute.

La Cina vola - In particolare, secondo AirPlus, il numero di viaggi aerei effettuati all'interno della Cina da gennaio a maggio è stato del 9,5% superiore a quello dello stesso periodo dell'anno pre-coronavirus 2019. Rispetto al 2020, il numero è più che triplicato.

In Europa sta emergendo un comportamento simile anche se un po' in ritardo, secondo AirPlus: i clienti europei hanno intrapreso più di un terzo di viaggi in aereo in più nel maggio di quest'anno rispetto al mese precedente. Confrontato con lo stesso mese dell'anno scorso, il numero è aumentato di quasi cinque volte.

In Svizzera, sempre in base alle cifre di AirPlus, i viaggiatori d'affari hanno volato il 40,6% in più a maggio rispetto ad aprile. I tre quarti dei voli sono stati compiuti verso altri paesi europei. A maggio, il numero complessivo di voli dei viaggiatori d'affari nel continente è stato circa un decimo di quello dello stesso mese del 2019.

Aziende svizzere caute - Direttamente interpellate, molte aziende in Svizzera si mostrano ancora caute a riprendere i viaggi d'affari. Anche se il gruppo tecnologico ABB, per esempio, dice che ci si aspetta che i costi in questo settore aumentino ancora, cifre concrete o valori comparativi sono difficili da fornire.

«Il ritorno ai viaggi sarà lento e graduale e continuerà ad essere limitato ai viaggi necessari», ha dichiarato all'agenzia finanziaria AWP anche una portavoce della grande banca UBS. Tuttavia nella «fase post-pandemica», le nuove forme di lavoro come l'home office e le videoconferenze non scompariranno, ha aggiunto.

Per quanto riguarda gli incontri d'affari, si prevede che in futuro prevarrà un misto di contatti personali e virtuali. Secondo la portavoce i viaggi d'affari del numero uno bancario elvetico sono diminuiti dell'80% nel 2020 rispetto al 2019.

Il gigante farmaceutico Novartis ha tagliato ancora di più i viaggi di lavoro. Questi ultimi sono stati interrotti in una fase iniziale della pandemia e poi quasi completamente sospesi, secondo una portavoce. Eccezioni in tal senso - ha sottolineato - richiedono l'approvazione da parte del più alto management.

Inoltre, nei prossimi mesi non ci si attende nessun ritorno ai livelli pre-coronavirus. La pandemia ha aumentato significativamente l'uso e l'accettazione delle riunioni virtuali. In generale, ai dipendenti non viene detto quanto devono viaggiare, ma ci si aspetta che "viaggino per lavoro solo quando è veramente necessario".

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-17 09:53:04 | 91.208.130.87