Keystone
Fredy Fässler a colloquio con Karin Keller-Sutter
SVIZZERA
10.04.2021 - 14:520

Il numero uno della Polizia: «Occorre dialogare con i giovani»

Fredy Fässler vorrebbe che i giovani venissero coinvolti maggiormente nelle decisioni relative alle restrizioni.

Si eviterebbero proteste come quelle che hanno avuto luogo a San Gallo.

BERNA - Fredy Fässler, il massimo direttore della polizia in Svizzera, auspica un dialogo con gli adolescenti e i giovani adulti al fine di coinvolgerli nelle decisioni future relative alle restrizioni dovute al coronavirus.

«Finora non si è parlato con loro», ha detto ai microfoni dell'odierna emissione "Samstagsrundschau" di Radio SRF il consigliere di Stato sangallese e presidente della Conferenza delle direttrici e dei direttori dei dipartimenti cantonali di giustizia e polizia (CDDGP).

Il compito della polizia è di assicurare la quiete e l'ordine, non di risolvere i problemi sociali; e le soluzioni devono essere trovate insieme ai giovani, ha osservato in riferimento ai ripetuti disordini avvenuti a San Gallo dopo l'interruzione di una festa illegale su una collina a sud del capoluogo e altri party previsti in città. Fredy Fässler non ha voluto esprimersi sulle espulsioni decretate dalla città di San Gallo in seguito ai disordini, poiché egli rappresenta la autorità di ricorso.

«Ritengo che occorra guardare con i ragazzi come possiamo superare assieme i prossimi due o tre mesi in modo che il virus rimanga sotto controllo», ha detto Fredy Fässler. Egli non sa se ciò sia possibile nell'ambito delle norme esistenti (riunioni di non più di 15 persone), ma non esclude la possibilità di regole speciali per i giovani, tenendo sempre conto delle misure di protezione come le regole di distanza. I giovani hanno esigenze diverse nella vita rispetto ai cinquantenni e vogliono poter incontrarsi, ha ricordato.

Tutti coloro che hanno a che fare con i giovani dovrebbero trovare soluzioni creative per soddisfarne almeno in parte i bisogni. Anche il Consiglio federale, che dall'inizio di marzo permette attività sportive e culturali per i ragazzi fino a 20 anni.

Sempre oggi alla radio SRF, la ministra di Giustizia e Polizia Karin Keller-Sutter ha dichiarato che l'esecutivo federale cerca il dialogo con tutti. «Il fatto che stiamo cercando di parlare anche con i giovani adulti, penso che sia importante», ha detto.

Per altro Fässler ha chiesto di rispettare le procedure per le decisioni sulle misure contro il coronavirus, in base alle quali il Consiglio federale deve consultare i cantoni in caso di una situazione speciale. Finora, le consultazioni si sono svolte regolarmente tramite i direttori della sanità, ma le opinioni dei Cantoni non sono sempre state prese in considerazione, ha osservato Fässler.


 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-05-09 09:20:23 | 91.208.130.86