Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ZURIGO
1 ora
Una gestione familiare dietro il gruppo "Stiller Protest"
Nessun estremista di destra o commercianti arrabbiati. Solo due genitori e una figlia con le proprie convinzioni
SVIZZERA
2 ore
Una nuova generazione di mafiosi si sta insediando in Svizzera
È quanto rileva e riferisce la fedpol. Usano la piazza finanziaria svizzera per il riciclaggio di denaro
SVIZZERA
7 ore
In arrivo altre otto milioni di dosi di vaccino
«L'obiettivo di offrire a tutti almeno il primo vaccino entro la fine di luglio resta realistico», assicura Berna.
FOTO
ZURIGO
8 ore
«Viaggi senza quarantena per chi è vaccinato o guarito»
Ecco le richieste che aviazione e turismo hanno consegnato oggi al presidente della Confederazione Parmelin
SVIZZERA
9 ore
Il sistema di pagamento svizzero al riparo dai cyberattacchi
Con la pandemia che ha accelerato la digitalizzazione dell'economia, i rischi sono aumentati
SVIZZERA
9 ore
Coronavirus: aumento dei nuovi contagi dopo Pasqua
Ticino e Grigioni si situano sotto la media nazionale, con rispettivamente 124,3 e 158,3 casi ogni 100'000 abitanti
BERNA
9 ore
In una perquisizione, spuntano 110 chili di marijuana
Nel Canton Berna sono state arrestate quattro persone. Il valore della sostanza di aggira attorno al milione di franchi
SVIZZERA
9 ore
Lonza firma un accordo con Immunitas Therapeutics
Si tratta di una collaborazione per lo sviluppo e la produzione di un nuovo trattamento contro il cancro
SVIZZERA
9 ore
Allevamenti di pollame: a Ginevra scattano le restrizioni
Si tratta di misure adottate per prevenire la diffusione dell'influenza aviaria rilevata oltre frontiera
SVIZZERA
9 ore
Tutti contenti, o quasi. L'epidemiologo: «Berna mi ha stupito»
Parla il bernese Christian Althaus, che in gennaio aveva lasciato la task force. «Così corriamo un grande rischio»
SVIZZERA
07.04.2021 - 14:340
Aggiornamento : 15:21

A qualcuno piacciono le teorie complottiste

Il 10% degli intervistati era fortemente d'accordo con almeno una teoria di cospirazione sul Covid-19

Coloro che erano d'accordo con le teorie del complotto erano in media più giovani, più stressati. Hanno anche mostrato atteggiamenti politicamente più estremi e livelli di istruzione più bassi.

BASILEA - In un sondaggio condotto dall'Università di Basilea, è risultato che il 10% degli intervistati credeva fortemente in almeno una teoria del complotto sul coronavirus. A riscontrare i maggiori favori sono state le dichiarazioni che suggeriscono che il virus sia stato creato dall'uomo o che la spiegazione ufficiale per la causa del virus debba essere messa in dubbio, ha comunicato oggi l'università.

La pandemia di coronavirus ha prodotto teorie di complotto che si diffondono rapidamente su Internet. In effetti, la storia mostra che le teorie della cospirazione spesso prosperano in tempi di crisi. Queste sono legate alle credenze che poteri segreti o certi gruppi stiano lavorando insieme per un obiettivo dannoso.

Le psicologhe di Basilea Sarah Kuhn e Thea Zander-Schellenberg, insieme a colleghi, hanno ora condotto un sondaggio anonimo online per indagare in che misura le persone della Svizzera tedesca e della Germania concordano con le teorie del complotto sul coronavirus e come questo sia collegato a pregiudizi di pensiero. I risultati dello studio, a cui hanno partecipato 1'600 persone, sono stati riportati nella rivista Psychological Medicine.

Valutare le teorie della cospirazione
Su una scala, i partecipanti allo studio dovevano indicare quanto fortemente fossero d'accordo con ciascuna delle 49 teorie di cospirazione presentate. Queste includevano dichiarazioni curiose come "Il coronavirus è un'arma biologica sviluppata dalla Cina per distruggere l'Occidente", "I test degli anticorpi sono un complotto per raccogliere il nostro DNA" o "La vera ragione dell'isolamento è per imporre una sorveglianza di massa".

Secondo il sondaggio, una media del 10% scarso degli intervistati era fortemente d'accordo con almeno una teoria di cospirazione, il 20% era d'accordo poco o moderatamente, e circa il 70% non era d'accordo.

Processi di pensiero diversi
Gli psicologi hanno anche determinato lo stato psicologico degli intervistati, così come la loro età, il sesso e le opinioni politiche. È così risultato che coloro che erano d'accordo con le teorie del complotto erano in media più giovani, più stressati e hanno raccontato esperienze simili alla paranoia. Hanno anche mostrato atteggiamenti politicamente più estremi e livelli di istruzione più bassi.

Anche nei processi di pensiero dei partecipanti erano evidenti differenze. Il gruppo che familiarizzava piuttosto con una teoria di cospirazione ha tratto conclusioni più frettolose e con maggiore incertezza. Queste persone hanno anche prestato meno attenzione alle informazioni che contraddicevano la loro opinione.

Attenzione alle generalizzazioni
Tuttavia, i ricercatori hanno trovato che alcune persone che erano d'accordo con le teorie della cospirazione in realtà mostravano meno pregiudizi di pensiero rispetto all'altro gruppo. «Questi risultati suggeriscono che non tutte le persone che sono d'accordo con una teoria della cospirazione elaborano automaticamente le informazioni in modo sfavorevole e decidono di conseguenza», ha indicato, citata nel comunicato la psicologa Sarah Kuhn, autrice principale dello studio.

Questo è stato sorprendente, poiché la ricerca psicologica ha finora teso a supporre che le teorie della cospirazione siano associate a caratteristiche come una minore capacità di pensiero analitico o conclusioni affrettate. Il fatto che per alcune persone può essere l'esatto contrario richiede cautela quando si fanno generalizzazioni sui sostenitori delle teorie del complotto.

Secondo l'Università di Basilea, lo studio non è per definizione un sondaggio rappresentativo della popolazione a causa dell'approccio del sondaggio. Tuttavia, la composizione per età e sesso dei partecipanti era simile alla popolazione generale svizzera e tedesca.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-16 01:46:28 | 91.208.130.89