20min/Matthias Spicher
SVIZZERA
31.03.2021 - 11:550

L'ufficio postale... non solo per la Posta

Il gigante giallo intende stabilizzare il numero delle filiali e renderle più attrattive, aprendole ad altri servizi

BERNA - Dopo anni caratterizzati dalla trasformazione dei punti d'accesso alla rete, la Posta intende stabilizzare il numero degli uffici postali e rafforzarli, aprendoli ad altri fornitori e servizi. È quanto emerge da un rapporto stilato dal governo, elaborato in risposta a un postulato.

Nella sua seduta odierna, si legge in una nota, il Consiglio federale ha adottato il rapporto in questione. La relazione era stata chiesta dalla Commissione dei trasporti e delle telecomunicazioni del Consiglio nazionale (CTT-N), che domandava all'esecutivo di esigere dalla Posta una pianificazione a lungo termine dell'accesso alle prestazioni del servizio postale universale.

Il governo ha redatto un bilancio del periodo 2017-2020, analizzando l'evoluzione dei servizi e l'orientamento futuro dell'azienda. Come noto, in questi anni l'accento è stato posto sulla conversione degli uffici postali in agenzie e sull'ampliamento dell'offerta a domicilio.

Nel prossimo quadriennio invece, il gigante giallo vuole stabilizzare il numero degli uffici e rafforzarne la loro attrattiva. Per fare ciò, ha l'intenzione di aprire la sua rete ad altri fornitori e servizi, come quelli offerti dalle autorità pubbliche e dal settore sanitario, assicurativo e bancario.

Così facendo, la Posta spera di sfruttare meglio le capacità dei propri uffici e di contribuire al finanziamento del servizio universale. Il rapporto mostra inoltre il potenziale di digitalizzazione e le sinergie utilizzate.

Il futuro assetto dell'azienda e il finanziamento del servizio, sempre più difficile da garantire in modo autonomo anche a causa delle nuove esigenze della clientela, sono attualmente oggetto di discussione. Il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) presenterà entro fine anno proposte su come procedere, basandosi sul lavoro di un gruppo di esperti.

Per quanto riguarda il dialogo di pianificazione fra Posta e Cantoni, introdotto nel 2019, il giudizio del governo è positivo. Esso ritiene però che prossimamente il dibattito dovrebbe andare oltre la questione della rete degli uffici postali, includendo pure temi strategici come la concezione digitale del servizio universale.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 07:08:52 | 91.208.130.85