Immobili
Veicoli
Keystone
BASILEA CITTÀ
08.02.2021 - 12:590

Se ne va il vescovo che chiedeva un Concilio sul sacerdozio femminile

Denis Theurillat lascia dopo oltre vent'anni la diocesi di Basilea.

Nel settembre dello scorso anno aveva rilasciato un'intervista in cui sosteneva che la Chiesa dovrebbe indire un Concilio a Roma per votare a favore o contro le donne sacerdotesse

BASILEA - Papa Francesco ha accettato la rinuncia all'ufficio di ausiliare della diocesi di Basilea presentata da monsignor Denis Theurillat. L'alto prelato, 70 anni (quindi non nell'età del pensionamento), era vescovo ausiliare di Basilea dal 2000.

Nel settembre scorso aveva rilasciato un'intervista in cui sosteneva che la Chiesa dovrebbe indire un Concilio a Roma per votare a favore o contro le donne sacerdotesse. «I fatti sono sul tavolo», aveva dichiarato, «i tempi sono maturi». «Tutti i vescovi del mondo dovrebbero riunirsi: sì o no».

Parlando con il sito ufficiale della Conferenza episcopale svizzera, Kath.ch, il vescovo aveva insistito sul fatto che papa Francesco non dovrebbe decidere da solo su questa questione, aggiungendo che «altrimenti sperimenteremo uno scisma». Egli stesso avrebbe voluto partecipare a un tale Concilio sulla questione delle donne sacerdotesse, aveva continuato, «e se non lo potrò più sperimentare, lo guarderò dal cielo».

Il vescovo Theurillat aveva organizzato un incontro dei vescovi svizzeri con le donne cattoliche e riscontrato l'elogio del capo dell'associazione femminile Frauenbund, Simone Curau-Äpli: «Solo lui ha reso possibile questo incontro», aveva dichiarato.

Il vescovo svizzero intendeva parlare personalmente con papa Francesco di questo progetto d'incontro con le donne cattoliche, durante la visita ad limina dei vescovi svizzeri nel gennaio di quest'anno (rinviata per l'emergenza del Covid-19).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-27 12:51:19 | 91.208.130.86