Tamedia
Turiste arabe sul ponte di Lucerna
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
8 min
Covid, 1'894 casi e 5 decessi in Svizzera
Calo netto dei pazienti Covid in cure intense, ora a quota 26,9%.
SVIZZERA
25 min
Altri 411 milioni a preventivo
Il Nazionale ha approvato una seconda aggiunta ale uscite nel bilancio 2021.
URI
48 min
Incidente sul lavoro al San Gottardo, 20enne in pericolo di vita
Il 20enne è stato colpito da un escavatore. La sua vita è in pericolo.
BASILEA CITTA'
1 ora
Vendite per vari milioni nel primo giorno di Art Basel
Il prezzo massimo di 6,5 milioni di dollari è stato raggiunto da un dipinto ad olio astratto.
BERNA
2 ore
I giovani lupi del branco di Stagias non verranno uccisi
L’Ufam ha constatato che i criteri necessari non sono soddisfatti.
SVIZZERA
2 ore
Oltre 260'000 firme per mantenere i test gratuiti
Sono state consegnate oggi alla Cancelleria federale a Berna.
SVIZZERA
3 ore
«300 franchi a chi fa il vaccino, multa di 100 a chi non lo fa»
L'ex presidente del PS Peter Bodenmann è convinto che i no-vax "duri e puri" siano solo il 10-15% della popolazione.
SVIZZERA
3 ore
Istruzione e lavoro per i rifugiati, oltre 17'000 firme raccolte
Una petizione ritiene «insufficiente» l'integrazione di queste persone e chiede «un accesso semplificato».
SAN GALLO
3 ore
Cade dal primo piano, muore un operaio
Incidente sul lavoro ieri pomeriggio a San Gallo: nella caduta un 45enne ha riportato gravissime ferite alla testa.
GINEVRA
4 ore
«Il problema, in Svizzera, è il lassismo»
Stéphane Koch, esperto di sicurezza online, giudica «drammatico» il fatto di poter trovare dati personali sul darkweb
GRIGIONI
4 ore
Al via il secondo tour del vaxbus grigionese
Buon risultato della prima tornata: 3'900 persone si sono vaccinate attraverso questa modalità.
ARGOVIA
4 ore
Incendio a scuola, tre bambini ricoverati per intossicazione
Il fumo è fuoriuscito dal sistema di aspirazione presente nel seminterrato dell'edificio.
SVIZZERA
4 ore
Test coatti per gli stranieri espulsi
La misura d'urgenza è stata approvata dalle Camere, nonostante l'opposizione rosso-verde
SVIZZERA
05.02.2021 - 06:000

Il turismo si toglie il velo: «Iniziativa sproporzionata e inutile»

Il voto contro il burqa spaventa il settore: «Viviamo già la crisi peggiore da 70 anni, non aggiungiamoci altro».

I timori di Hotelleriesuisse e delle altre associazioni riunite in un comitato che si batte per una «Svizzera aperta e cosmopolita»

di Redazione
Martin Hoch (20Minuten)/Spi

BERNA - S’avvicina il voto del 7 marzo che deciderà l'eventuale divieto di girare in Svizzera col volto coperto da un burqa o un niqab. Tra chi attende l’esito del voto con una certa ansia ci sono gli operatori turistici che, non a caso, hanno dato vita a un comitato contrario all’iniziativa. Perché ad essere colpiti sarebbero soprattutto i visitatori arabi degli Stati del Golfo. Ospiti che pesano oro. Abbiamo chiesto una reazione alle associazioni turistiche.

I pernottamenti - Ma prima i numeri. Secondo Hotelleriesuisse, il nostro Paese nel 2019 ha registrato un totale di 863.767 pernottamenti di persone provenienti dal Golfo, pari a circa il 2% del totale. Un piccola percentuale, ma sono i turisti di gran lunga più disposti a spendere. Secondo i calcoli di Svizzera Turismo, se uno un cittadino elvetico spende in media 140 franchi al giorno, tale cifra per un ospite arabo sale a 420 franchi. I russi, che hanno fama di spendaccioni, si lasciano sfuggire dal portafogli “solo” 250 franchi. Le destinazioni svizzere più popolari per i viaggiatori provenienti dal Golfo sono Lucerna, Zurigo, oltre alle regioni del Lago di Ginevra e l’Oberland bernese, in primis Interlaken.

L’esempio ticinese - Il burqa negli spazi pubblici oggi è già vietato nel canton San Gallo e in Ticino. Mentre un’iniziativa simile è stata respinta a Glarona. Nel 2015, anno di entrata in vigore del divieto, nel nostro cantone le denunce per violazione della legge furono una dozzina. Il calo di pernottamenti dei turisti dagli Stati del Golfo è stato del 28% tra il 2015 e il 2019. Ma il calo, afferma Jutta Ullrich, portavoce di Ticino Turismo, «è dovuto, tra l’altro, all’attuale situazione politica ed economica». È difficile valutare quanto è stato l’impatto del burqa o niqab, poiché bassissima è la percentuale di quanti li indossano.

Danno all’immagine cosmopolita - Nel Comitato per il turismo che si oppone al divieto spicca Hotelleriesuisse, ma ci sono anche l’Associazione svizzera del turismo e le Funivie svizzere. Tutti uniti in difesa di una Svizzera aperta e tollerante verso altre culture. Per Nicole Brändle Schlegel di Hotelleriesuisse, se l’iniziativa passasse ne risentirebbe l’immagine di una Svizzera cosmopolita: «Vogliamo essere una destinazione di viaggio aperta. Fa parte della nostra identità». Il danno turistico, sostiene, non sarebbe immediato ma sul lungo termine.

Un’opportunità invece - Non tutti la pensano così. Ad esempio l’UDC Walter Wobmann, presidente del Comitato di Egerkingen che ha lanciato l’iniziativa: «All’allarmismo delle associazioni del turismo ribatto che può essere un’opportunità». Secondo Wobmann il viaggio in Svizzera per le donne dei Paesi musulmani potrebbe trasformarsi in un’occasione per togliersi il velo in vacanza. Inoltre, aggiunge, nei sei Paesi europei dove c’è il divieto il turismo non registra cali. Il politico UDC ricorda anche che già nel 2009, alla vigilia del voto sui minareti, «si diceva che gli ospiti arabi non sarebbero più venuti». 

La replica di Hotelleriesuisse - All’obiezione di Wobmann, che ricorda come dal 2007 i pernottamenti di turisti del Golfo sono aumentati del 130%, ribatte così Nicole Brändle Schlegel: «Non sappiamo cosa sarebbe successo con un no all’iniziativa sui minareti». La crescita, aggiunge, avrebbe potuto essere maggiore. E ricorda l’esistenza in Svizzera di diversi hotel specializzati nel turismo arabo.

No alla discriminazione delle donne, ma... - La rappresentante di Hotelleriesuisse fa una precisazione: «Siamo contrari alla discriminazione delle donne». Ma, continua Nicole Brändle Schlegel, non crediamo che questa iniziativa sia il mezzo giusto per combatterla: «La riteniamo sproporzionata e inutile» afferma. È noto che le donne con il burqa in Svizzera siano pochissime e, soprattutto, siano delle turiste.

La crisi peggiore da 70 anni - Questo è il problema principale posto dall’iniziativa: «Non vogliamo che vengano posti ostacoli alla ripresa del turismo dopo la crisi del coronavirus». Per tutto il settore la crisi al momento resta acuta, la peggiore dalla Seconda Guerra Mondiale. Tutto è reso ancora più difficile, conclude Brändle Schlegel, «se, oltre a tutti i problemi della pandemia, dobbiamo fare i conti anche con un’iniziativa così sproporzionata e inefficace».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 13:46:39 | 91.208.130.89