Tamedia (immagine illustrativa)
SVIZZERA
26.01.2021 - 16:230
Aggiornamento : 17:58

Col telelavoro, la mobilità è crollata

La costante diminuzione degli spostamenti è stata registrata a partire dallo scorso ottobre

BERNA - Da ottobre, la mobilità degli svizzeri è in costante calo, essenzialmente per effetto del telelavoro. All'inizio di gennaio, i chilometri percorsi sono tornati al livello osservato durante il semiconfinamento della scorsa primavera.

Tra luglio e ottobre dello scorso anno, la mobilità è rimasta stabile ai livelli medi degli anni precedenti, indica oggi l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) nel suo monitoraggio in materia.

Dalla metà di ottobre, si è poi verificata un'inversione di tendenza, con una costante diminuzione dei viaggi. Il 6 gennaio, il numero di chilometri percorsi è stato inferiore del 36% rispetto alla media. Simultaneamente è cresciuta nella stessa misura, per effetto del lavoro a casa, la percentuale delle persone immobilizzate in un luogo determinato.

Limitatamente ai dati del traffico ferroviario, la tendenza è stata analoga, con il numero di passeggeri in calo da ottobre. Da novembre a metà dicembre, è rimasto stabile, per poi diminuire nuovamente dalla fine dell'anno. Rispetto a dodici mesi prima, dal 28 dicembre 2020 al 3 gennaio 2021 l'utenza del traffico a lunga distanza è diminuita del 50% e del 60% per il traffico regionale.

Dal canto suo, il numero medio di movimenti di aerei negli aeroporti di Zurigo e Ginevra attualmente rappresenta il 40% del dato di un anno prima.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-25 00:21:56 | 91.208.130.86