Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SAN GALLO
1 min
Aggredì brutalmente un 16enne, dopo mesi la polizia lo rintraccia
La giovane vittima aveva riportato ferite molto gravi alla testa, in manette un suo coetaneo
BERNA
LIVE
Il 2,5% degli svizzeri è vaccinato
Oltre 200mila persone hanno già ricevuto anche la dose di richiamo.
BERNA
1 ora
In Svizzera 1065 positivi e 8 vittime
L'indice di riproduzione del virus (Re) è di nuovo salito a 1,01.
FOTO
SVIZZERA
1 ora
L'esperimento di Migros con la merce “sciolta” sta andando benissimo
Superando di molto le aspettative, i distributori arriveranno in altre filiali ma per il Ticino (forse) è presto
FLÜELEN
3 ore
È un italiano l'uomo ferito gravemente sui binari
Era salito illegalmente su un treno merci e voleva andare in Italia
SAN GALLO
3 ore
Bimba morta in valigia: carcere per la madre non per il padre
Non è stato possibile accertare le cause del decesso e nemmeno l'ora.
BERNA
4 ore
Niente più fuochi d'artificio nel centro storico della città
Mancano le distanze di sicurezza e il fatto che negli ultimi anni non sia successo nulla ha «del miracoloso»
SVIZZERA
4 ore
Il traguardo di eBill sotto la lente, storia di un successo annunciato
Il servizio di SIX (che probabilmente usate anche voi) sfora quota 2 milioni di utenti, ma la pandemia c'entra pochino
LUCERNA
5 ore
Tre feriti e danni ingenti a causa di due incidenti
A Inwil si è verificato un tamponamento fra due veicoli, a Kriens un furgone ha preso fuoco.
GRIGIONI
5 ore
Pericolo valanghe, chiusura giornaliera per la strada del Maloja
Fino a nuovo avviso, un tratto di 3,7 km fra Sils e Piano di Lago sarà sbarrato dalle 11 alle 18.
BERNA
5 ore
Pil, calo più forte dal 1975
Economia gravemente toccata dalla pandemia, anche se meno del previsto.
BERNA
6 ore
Il Covid accresce la pressione su AVS e AI
Secondo il direttore dell'UFAS occorre urgentemente una riforma del sistema delle istituzioni sociali.
SONDAGGIO
SVIZZERA
8 ore
In vacanza al mare soltanto se vaccinati?
Dal novembre 2021 le strutture dell'operatore tedesco Alltours saranno accessibili solo a persone immunizzate
SAN GALLO
15 ore
«Mai pensavamo che nostro figlio ne fosse capace»
Il 24enne somalo N.O. è sospettato di aver ucciso la sua fidanzata di 22 anni LS.
SOLETTA
16 ore
Sparatoria in stazione, un ferito
Quattro le persone fermate dalla polizia, giunta in forze sul posto
SVIZZERA
19 ore
Il piano di ripartenza estivo di Swiss, ecco cosa c'è da sapere
Su nuove mete, date, rimborsi e sul perché si potrà volare anche su Billund (che non tutti conoscono)
SVIZZERA
20 ore
Philipp Hildebrand non sarà segretario generale dell'OCSE
Ha deciso di ritirare la sua candidatura, che non faceva l'unanimità.
SVIZZERA
20 ore
Fatturato «eccellente» per Zweifel nel 2020
L'anno che ha visto la scomparsa del fondatore è stato chiuso con ricavi pari a 262,6 milioni di franchi, un record
SVIZZERA
06.01.2021 - 14:020
Aggiornamento : 22:56

Berna svela le sue carte: «Avanti così fino a fine febbraio»

La proposta del Consiglio federale sono altre cinque settimane senza ristoranti strutture per il tempo libero e lo sport

Ma spetta ai Cantoni avanzare idee su possibili inasprimenti: obbligo di telelavoro, chiusura dei negozi e, in extremis, interventi nella scuola dell'obbligo. Intanto stop alle eccezioni.

BERNA - Era (tanto) attesa ed è arrivata. Il Consiglio federale fa la sua proposta per limitare l'aumento dei contagi da coronavirus in Svizzera: mantenere la chiusura di ristoranti e strutture per la cultura, il tempo libero e lo sport fino a fine febbraio. La conferenza stampa convocata alle 14 - a cui ha presenziato solo Alain Berset - ha proprio lo scopo di informare la popolazione.

«La situazione non è buona, anzi, è cattiva direi - ha esordito Alain Berset -. Le cifre non scendono. Il tasso di riproduzione è in aumento. La mortalità resta troppo elevata. Intorno a noi le nazioni chiudono. Questa evoluzione a livello internazionale è importante. Le notizie non sono positive». 

"Cantoni, fatevi avanti" - Sul fronte epidemico, la situazione nel nostro paese resta tesa. In seduta straordinaria, questa mattina, il Consiglio federale ha quindi discusso in modo approfondito l'opzione di prolungare le misure attualmente in vigore per cinque settimane dopo il 22 gennaio. «Sappiamo già che il 23 gennaio non avremmo potuto dare buone notizie», ha detto senza mezzi termini Berset. Ma la decisione in via definitiva arriverà il 13 gennaio, dopo avere consultato i Cantoni. Proprio ai Cantoni, infatti, viene chiesto nel frattempo di esprimersi su una serie di possibili inasprimenti.

Consultazione dei Cantoni - Il Consiglio federale sottoporrà ai Cantoni, per consultazione, una serie di possibili inasprimenti che gli permetteranno, se necessario, di reagire rapidamente. Tra i provvedimenti ventilati figurano l’obbligo del telelavoro, la chiusura dei negozi, un’ulteriore limitazione degli assembramenti e delle manifestazioni private, un’accresciuta protezione delle persone particolarmente a rischio e ulteriori misure sul posto di lavoro. I Cantoni devono inoltre riflettere su quali provvedimenti potrebbero essere adottati per la scuola dell’obbligo nel caso la situazione imponesse ulteriori interventi. «Noi non vogliamo chiudere le scuole - ha precisato Berset, interpellato da un giornalista -. Ma i Cantoni sono spinti a essere pronti se la situazione dovesse peggiorare. Mi auguro che non dovranno essere messe in pratica, ma tutto potrebbe deteriorarsi rapidamente».

Stop alle eccezioni, siamo tutti uguali - Ma le "eccezioni" finora previste per le regioni con un’evoluzione epidemiologica favorevole, che potevano prevedere allentamenti, sono ora revocate. Dal 9 gennaio (e fino al 22) dovranno così restare chiusi, in tutta la Svizzera, i ristoranti e le strutture per la cultura, il tempo libero e lo sport. Interrogato da un giornalista, Berset ha spiegato che il Consiglio federale è rimasto in contatto con i Cantoni. «Se sia stata una buona idea prevedere delle eccezioni non è facile dirlo - ha aggiunto -. Ma le nuove mutazioni del virus (i casi riscontrati in laboratorio sono passati dai 28 di ieri ai 37 di oggi, ndr.) non le potevamo prevedere e se dovessero evolversi come nel Regno Unito... dobbiamo impedirlo».

Sette giorni per decidere - La paura è per il periodo post festività. È infatti calato il numero di persone che si sono fatte testare. Inoltre, si teme per la "variante inglese" e la "variante sudafricana", già riscontrate in Svizzera. Ma ciò che preoccupa di più è la pressione sugli ospedali. Tra sette giorni il Consiglio federale prenderà una decisione definitiva sul prolungamento dei provvedimenti e sulla loro durata e su ulteriori misure per attenuarne le conseguenze economiche.

«Dobbiamo evitare una terza ondata» - «Ora siamo nella fase più difficile della maratona, ma non possiamo abbandonare la gara - ha aggiunto Berset -. La popolazione è stufa, è affaticata. Ci sono famiglie a lutto. Tanti settori toccati economicamente. Capiamo che è frustrante e difficile. Ma dobbiamo cercare di trovare la strada migliore, dimostrare solidarietà nei confronti di tutti, pure della ristorazione, della cultura, dello sport, del tempo libero». Il consigliere federale ricorda l'inizio del 2020: «Quello che faceva la Cina ci serviva da insegnamento. Ora lo stesso vale con il Regno Unito, che in dicembre è stato molto trasparente con la sua situazione. Dobbiamo cogliere questa occasione per evitare una terza ondata».

I vaccini - «Negli ultimi giorni la situazione mi ha un po' stupito, sono un po' basito - ha aggiunto Berset -. È da marzo 2020 che se ne parla. Già a novembre abbiamo detto ai Cantoni di organizzarsi. Ci siamo riservati più di 15 milioni di dosi. A inizio gennaio siamo partiti, è andata più in fretta del previsto. Le dosi aumenteranno, abbiamo già mezzo milione per gennaio, un milione a febbraio. Le dosi ci permetteranno di vaccinare tutta la popolazione adulta svizzera, in pochi mesi. È un’ottima notizia. Abbiamo già 230'000 dosi in circolazione in questo momento. Entro la fine dell'estate avremo a disposizione le dosi per vaccinare tutta la popolazione svizzera (che lo desidera)». 

Il punto della situazione - «A che punto siamo oggi, dopo i giorni di festa? - chiede Berset, che subito si risponde -. Non lo sappiamo. Il numero dei tamponi è calato e i dati non sono ancora "aggiornati" dopo le feste. Ci aspettavamo un dimezzamento dei casi con queste misure, ma non è avvenuto. La curva non è scesa. Con le festività ne sappiamo meno di prima anche sul tasso di riproduzione. E non vogliamo sorprese negative. Bisogna prepararsi. Abbiamo la buona notizia della campagna dei vaccini che è partita, ma abbiamo la cattiva notizia di una nuova variante. E non possiamo escludere una terza ondata. Continuate a rispettare le misure e fatevi testare. Al minimo sintomo. Fate il tampone. Dobbiamo trovare una strada per evitare che la situazione deteriori ulteriormente».

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-02-26 15:00:55 | 91.208.130.86