20minutes
VAUD
02.07.2020 - 08:410
Aggiornamento : 11:00

Nuovo arrivato nella lotta contro la pandemia

Importato dal Portogallo, "PortCov" è appena apparso nella Svizzera romanda.

Inventata per contrastare il coronavirus, questa macchina sparge disinfettante sui clienti.

LOSANNA - A prima vista, assomiglia molto ai metal detector dell'aeroporto. Quando entri, però, non controlla cosa trasporti, piuttosto ti riempie di disinfettante.

Gli ugelli situati su entrambi i lati vaporizzano una sostanza che dovrebbe essere in grado di uccidere batteri e virus trovati sulla persona. A terra, un tappeto imbevuto di un altro disinfettante più potente, attacca le suole delle scarpe.

Questa macchina si chiama PortCov. Inventata in Portogallo, ha appena fatto la sua comparsa in Svizzera, installata in un negozio Migros a Villars-sur-Ollon (VD). «I primi giorni molti curiosi sono venuti per provare. Ma abbiamo anche avuto alcune reazioni negative. Direi che al momento sono 50 e 50», spiega uno degli impiegati del supermercato. Antonio Dias, importatore per la Svizzera, aggiunge: «Lo abbiamo messo qui nella speranza che, tra le persone che lo testeranno, qualcuno vorrà prenderne uno. Ci sono molte aziende nella regione».

PortCov si attiva quando una persona utilizza il disinfettante per le mani situato all'esterno della macchina. E, non appena il cliente si posiziona all'interno, i sensori ne analizzano le dimensioni e gli ugelli necessari si attivano automaticamente. «Inoltre, con i modelli di fascia alta, può anche rilevare la temperatura delle persone», aggiunge Dias.

Questo macchinario non è unico al mondo. Invenzioni simili sono state sviluppate, ad esempio, in Camerun e Senegal. «Gli altri modelli sono più simili a una doccia, mentre i nostri distribuiscono il prodotto in modo uniforme, grazie al sistema di ugelli». Pericoloso per gli occhi o l'apparato respiratorio? L'importatore assicura: «Assolutamente no».

Nahimana Tessemo, medico coordinatore per il settore Prevenzione e salute del Centro ospedaliero universitario del Vaud, non è convinto della reale utilità di questa macchina. «Secondo la mia modesta opinione, non è necessaria. Nella prevenzione contro il Covid-19, non è assolutamente consigliabile effettuare una disinfezione totale della persona. La modalità di trasmissione è per goccioline e per contatto. Se scarpe e vestiti possono avere un ruolo nella trasmissione di questo virus, non sono il vettore principale», sostiene. Inoltre, l'esperta ricorda che «il modo migliore per combattere il Covid rimane il rispetto delle misure di sicurezza: distanza sociale, mascherina e pulizia delle mani».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-14 14:01:04 | 91.208.130.86