Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Avete da parte 765mila franchi per la vecchiaia?
La Svizzera è uno dei paesi più cari al mondo per i pensionati. Che se ne vanno verso altri lidi
NIDVALDO
3 ore
Escursionista morto sullo Stanserhorn
L'uomo era disperso da ieri. È stato trovato stasera.
SVIZZERA
4 ore
Anziani: più problemi di salute mentale a causa del Covid
Il centro svizzero-tedesco per i reclami della terza età lo scorso anno è stato contattato 697.
CITTÀ DEL VATICANO / SVIZZERA
7 ore
Le guardie svizzere sono un fumetto, ora anche in italiano
Cinquanta tavole raccontano le avventure di Marc, un giovane che parte per il Vaticano
SVIZZERA
7 ore
Pericolo listeriosi dall'insalata
I lotti interessati dovrebbero essere stati venduti alle Migros di Vaud, Vallese e Ginevra
SVIZZERA
8 ore
Anche i media online riceveranno dei contributi
Il plenum ha deciso di fissare al 60% del giro d'affari la percentuale massima del contributo
SOLETTA
8 ore
Manda all'ospedale due uomini, arrestato
L'uomo si è reso protagonista di due risse.
ZURIGO
8 ore
Passaporto vaccinale? «Stiamo guardando all'Europa»
Alain Berset in visita nel Canton Zurigo fa il punto sulla pandemia
SVIZZERA
8 ore
Gli insegnamenti della pandemia: la salute passa dalla psiche
Secondo l'Accademia di medicina umana, troppo spesso ci si concentra solo sul fisico, dimenticando la mente
SVIZZERA
9 ore
«Perché non facciamo come Londra?»
Piero Marchesi propone di seguire l'esempio della Brexit. La mozione alle Camere federali
BERNA
10 ore
«Non abbiamo ancora abbastanza vaccini»
I negozi svizzeri sono aperti. In diretta da Berna gli esperti della Confederazione e dei Cantoni.
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus in Svizzera, 1'130 contagi e 16 decessi
Nelle ultime ventiquattro ore l'ospedalizzazione si è resa necessaria per 57 persone col Covid
SVIZZERA
11 ore
Casi di rigore: la partecipazione della Confederazione resta al 70%
La Commissione delle finanze del Consiglio degli Stati non vuole innalzarla all'80%
SVIZZERA
11 ore
Il Covid-19 affossa le auto... ma le elettriche sorridono
In un 2021 straziante per quanto riguarda la vendita dei veicoli, c'è chi ha sofferto meno
SVIZZERA
11.05.2020 - 14:170
Aggiornamento : 20:25

La Svizzera prova a uscire dal tunnel: «Fondamentale il contact tracing»

Nella giornata di oggi è scattata la fase due degli allentamenti.

Gli esperti da Berna commentano la situazione. Koch: «I numeri sono molto positivi. Anche le persone a rischio potranno muoversi un po' più liberamente». Previsto un allentamento anche nelle case per anziani.

BERNA - Confortata dai contagi in continuo calo e da un rallentamento costante della pandemia, è scattata oggi la fase due dell'uscita dal lockdown. In Svizzera oggi hanno riaperto i battenti le scuole dell'obbligo, ristoranti, bar ed esercizi commerciali, oltre alle biblioteche, ai musei e ai centri fitness. Per commentare questo importante (e ulteriore) passo verso la normalità oggi a Berna si è tenuta la consueta conferenza stampa con gli esperti. Il primo a prendere la parola è stato il delegato dell'UFSP per il Covid-19 Daniel Koch. «I numeri sono molto positivi. La curva si sta veramente appiattendo e speriamo che possa continuare così anche dopo gli allentamenti di oggi». Con cifre così basse - spiega Koch - sarà nuovamente possibile tracciare i contagi. «Questa strategia del Contact Tracing speriamo riesca a mantenere piatta la curva». Il delegato dell'UFSP ha pure sottolineato che i contagi sono diminuiti benché il numero di tamponi effettuati è rimasto costante.

Test fondamentali - Per Koch nel futuro sarà fondamentale testare chiunque abbia dei sintomi ricollegabili al Covid-19. «Chiunque abbia sintomi parainfluenzali dovrà andare dal dottore ed effettuare un test».

Persone a rischio un po' più libere - Per quanto riguarda le persone vulnerabili - secondo Koch - esse «dovrebbero avere un po' meno paura del contagio» e «potranno ricominciare a muoversi un po' più liberamente». A ogni modo il deputato per il Covid-19 sconsiglia sempre che le persone a rischio utilizzino mezzi di trasporto pubblici e che vadano a fare la spesa.

Allentamento nelle case anziani? - Dopo quasi due mesi di confinamento, la Confederazione sta pensando pure a un allentamento delle misure nelle case di riposo. «Ma l'allentamento - precisa Koch - varierà da cantone a cantone e a dipendenza dalla situazione. Naturalmente le raccomandazioni sull'igiene e sulla distanza dovranno essere mantenute».

La situazione al confine - Christian Bock, direttore dell'Amministrazione federale delle dogane, ha fatto il punto della situazione al confine svizzero. «Attualmente la dogana viene oltrepassata dai frontalieri e da chi dimostra di trovarsi in situazione di necessità. Queste misure sono attuate da tutte le nazioni confinanti». I controlli alle dogane - precisa Bock - saranno diminuiti. «Ora l'Amministrazione delle dogane potrà valutare quali controlli fare e dove. Non sarà più necessario fermare ogni singola persona in tutti i valichi». 

Ricongiungimento familiare - Cornelia Lüthy, vice-direttrice del SEM, ha specificato che il ricongiungimento familiare di cittadini svizzeri ed europei che vivono in Svizzera è nuovamente possibile. «Questo per i coniugi, i figli fino ai 21 anni, nonni e genitori». Saranno possibili anche i viaggi d'affari ma solo in caso d'inequivocabile «urgenza».  «Faremo eccezioni puntuali. Per queste dovranno essere mostrati tutti i documenti alla frontiera».

Disastro economico - L'economia, che oggi prova la ripartenza, è stata pesantemente colpita dalla pandemia. Boris Zürcher, capo di direzione del lavoro alla SECO, sgranella qualche cifra per far capire l'ampiezza del problema. «I numeri si sono stabilizzati. Però sono state ben 185'375 aziende che hanno ottenuto il lavoro ridotto per oltre 1.8 milioni di dipendenti». Particolarmente toccato, naturalmente, è il settore della ristorazione con il 75% delle imprese che ha richiesto il lavoro ridotto. Anche la disoccupazione cresce: «Attualmente abbiamo ricevuto più di 159'000 annunci. 600 persone al giorno ne fanno richiesta». 

«Mascherine e disinfettanti sufficienti» - L'ultimo a prendere la parola è Markus Näf, responsabile dell'approvvigionamento in tempo di crisi, che fa chiarezza su uno dei punti più discussi durante questa pandemia: ovvero la disponibilità di mascherine. «In Svizzera ce ne sono a sufficienza per la popolazione. Si possono acquistare praticamente dappertutto. Ne abbiamo distribuite circa 42 milioni ai commercianti, 18 dei quali solo nelle ultime due settimane. Altre 30 milioni di mascherine sono in arrivo». Le forniture sono quindi garantite. E lo stesso discorso vale pure per il disinfettante. «Monitoriamo la situazione da vicino. L'obiettivo è quello di avere scorte sufficienti per almeno 40 giorni. Attualmente riteniamo gli acquisti conclusi, ma in caso di bisogno non avremo difficoltà a rifornirci nuovamente sul mercato internazionale».

Alla conferenza sono presenti Daniel Koch, delegato dell'UFSP per il Covid-19; Christian Bock, direttore dell'Amministrazione federale delle dogane; Boris Zürcher, capo di direzione del lavoro alla SECO; Markus Näf, brigadiere responsabile dell'approvvigionamento dell'esercito; Cornelia Lüthy, vice-direttrice del SEM.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-03-03 01:28:37 | 91.208.130.85