Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Vaccinazioni: Svizzera in ritardo per alcuni, troppo egoista per altri
Politici e stampa si inquietano vedendo il ritmo delle somministrazioni che è notevolmente rallentato.
URI
8 ore
Axenstrasse chiusa dopo una caduta massi
Nessuno è rimasto ferito e non si segnalano danni alla strada.
SVIZZERA
8 ore
L’imbrogliona tradita dal bottone della camicetta
Una trentenne è stata beccata mentre cercava di barare durante l’esame teorico di guida
FOTO
ZURIGO
11 ore
Qui puoi vedere quando e dove colpiranno i temporali
Le precipitazioni non sono terminate, anzi. Una perturbazione attraverserà il Paese nella giornata di oggi.
BERNA
13 ore
Ok dell'Ema per produrre più Moderna
Nel terzo trimestre del 2021 la filiera statunitense fornirà 40 milioni di dosi di vaccino per il mercato europeo.
SVIZZERA
13 ore
Infermieri no-vax, il taglio del salario in quarantena fa discutere
Il provvedimento è «controproducente» secondo Roswitha Koch dell'Associazione svizzera infermieri.
BERNA
15 ore
Comparis ha pagato il riscatto agli hacker
Il servizio di comparazione online ha trovato un accordo con i cyberestorsionisti per riottenere l'accesso ai dati.
SVIZZERA
15 ore
Stabili i contagi, cala il ritmo delle vaccinazioni
L'UFSP ha annunciato altri 800 contagi da coronavirus, 20 ricoveri e due decessi legati alla malattia.
BERNA
16 ore
Droni e termocamere per mettere in salvo cuccioli di capriolo
Oltre trecento i volontari che hanno protetto i piccoli, che si nascondono nell'erba alta, dalle falciatrici.
SVIZZERA
16 ore
Condannato a 20 anni per assassinio, pena annullata
La giustizia vodese dovrà di nuovo pronunciarsi su un fatto di sangue avvenuto nel 2012.
BASILEA
16 ore
Focolaio in un centro asilanti, in 100 in quarantena
Sono ben cinquanta le persone risultate positive al Covid-19.
SVIZZERA
17 ore
L'azienda svizzera dove si lavora solo 4 giorni
Una ditta di Soletta opta per la settimana corta di lavoro. I dipendenti percepiranno lo stesso stipendio di prima
BERNA
18 ore
Giovane disperso nel fiume Aare
Secondo terze persone, prima di essere inghiottito dall'acqua il ragazzo sembrava essere in difficoltà
SVIZZERA
18 ore
Legge sul CO2: fatale la mobilitazione delle zone rurali
La concomitanza della votazione con le due iniziative agricole avrebbe avuto un ruolo chiave secondo gfs.bern.
SVIZZERA
11.05.2020 - 14:170
Aggiornamento : 20:25

La Svizzera prova a uscire dal tunnel: «Fondamentale il contact tracing»

Nella giornata di oggi è scattata la fase due degli allentamenti.

Gli esperti da Berna commentano la situazione. Koch: «I numeri sono molto positivi. Anche le persone a rischio potranno muoversi un po' più liberamente». Previsto un allentamento anche nelle case per anziani.

BERNA - Confortata dai contagi in continuo calo e da un rallentamento costante della pandemia, è scattata oggi la fase due dell'uscita dal lockdown. In Svizzera oggi hanno riaperto i battenti le scuole dell'obbligo, ristoranti, bar ed esercizi commerciali, oltre alle biblioteche, ai musei e ai centri fitness. Per commentare questo importante (e ulteriore) passo verso la normalità oggi a Berna si è tenuta la consueta conferenza stampa con gli esperti. Il primo a prendere la parola è stato il delegato dell'UFSP per il Covid-19 Daniel Koch. «I numeri sono molto positivi. La curva si sta veramente appiattendo e speriamo che possa continuare così anche dopo gli allentamenti di oggi». Con cifre così basse - spiega Koch - sarà nuovamente possibile tracciare i contagi. «Questa strategia del Contact Tracing speriamo riesca a mantenere piatta la curva». Il delegato dell'UFSP ha pure sottolineato che i contagi sono diminuiti benché il numero di tamponi effettuati è rimasto costante.

Test fondamentali - Per Koch nel futuro sarà fondamentale testare chiunque abbia dei sintomi ricollegabili al Covid-19. «Chiunque abbia sintomi parainfluenzali dovrà andare dal dottore ed effettuare un test».

Persone a rischio un po' più libere - Per quanto riguarda le persone vulnerabili - secondo Koch - esse «dovrebbero avere un po' meno paura del contagio» e «potranno ricominciare a muoversi un po' più liberamente». A ogni modo il deputato per il Covid-19 sconsiglia sempre che le persone a rischio utilizzino mezzi di trasporto pubblici e che vadano a fare la spesa.

Allentamento nelle case anziani? - Dopo quasi due mesi di confinamento, la Confederazione sta pensando pure a un allentamento delle misure nelle case di riposo. «Ma l'allentamento - precisa Koch - varierà da cantone a cantone e a dipendenza dalla situazione. Naturalmente le raccomandazioni sull'igiene e sulla distanza dovranno essere mantenute».

La situazione al confine - Christian Bock, direttore dell'Amministrazione federale delle dogane, ha fatto il punto della situazione al confine svizzero. «Attualmente la dogana viene oltrepassata dai frontalieri e da chi dimostra di trovarsi in situazione di necessità. Queste misure sono attuate da tutte le nazioni confinanti». I controlli alle dogane - precisa Bock - saranno diminuiti. «Ora l'Amministrazione delle dogane potrà valutare quali controlli fare e dove. Non sarà più necessario fermare ogni singola persona in tutti i valichi». 

Ricongiungimento familiare - Cornelia Lüthy, vice-direttrice del SEM, ha specificato che il ricongiungimento familiare di cittadini svizzeri ed europei che vivono in Svizzera è nuovamente possibile. «Questo per i coniugi, i figli fino ai 21 anni, nonni e genitori». Saranno possibili anche i viaggi d'affari ma solo in caso d'inequivocabile «urgenza».  «Faremo eccezioni puntuali. Per queste dovranno essere mostrati tutti i documenti alla frontiera».

Disastro economico - L'economia, che oggi prova la ripartenza, è stata pesantemente colpita dalla pandemia. Boris Zürcher, capo di direzione del lavoro alla SECO, sgranella qualche cifra per far capire l'ampiezza del problema. «I numeri si sono stabilizzati. Però sono state ben 185'375 aziende che hanno ottenuto il lavoro ridotto per oltre 1.8 milioni di dipendenti». Particolarmente toccato, naturalmente, è il settore della ristorazione con il 75% delle imprese che ha richiesto il lavoro ridotto. Anche la disoccupazione cresce: «Attualmente abbiamo ricevuto più di 159'000 annunci. 600 persone al giorno ne fanno richiesta». 

«Mascherine e disinfettanti sufficienti» - L'ultimo a prendere la parola è Markus Näf, responsabile dell'approvvigionamento in tempo di crisi, che fa chiarezza su uno dei punti più discussi durante questa pandemia: ovvero la disponibilità di mascherine. «In Svizzera ce ne sono a sufficienza per la popolazione. Si possono acquistare praticamente dappertutto. Ne abbiamo distribuite circa 42 milioni ai commercianti, 18 dei quali solo nelle ultime due settimane. Altre 30 milioni di mascherine sono in arrivo». Le forniture sono quindi garantite. E lo stesso discorso vale pure per il disinfettante. «Monitoriamo la situazione da vicino. L'obiettivo è quello di avere scorte sufficienti per almeno 40 giorni. Attualmente riteniamo gli acquisti conclusi, ma in caso di bisogno non avremo difficoltà a rifornirci nuovamente sul mercato internazionale».

Alla conferenza sono presenti Daniel Koch, delegato dell'UFSP per il Covid-19; Christian Bock, direttore dell'Amministrazione federale delle dogane; Boris Zürcher, capo di direzione del lavoro alla SECO; Markus Näf, brigadiere responsabile dell'approvvigionamento dell'esercito; Cornelia Lüthy, vice-direttrice del SEM.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-07-31 05:40:37 | 91.208.130.85