KEYSTONE
Le previsioni per il turismo svizzero sono decisamente negative.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Più di 200 pazienti già in terapia intensiva
La nuova variante Omicron non è ancora stata rilevata in Svizzera
SVIZZERA
3 ore
Predatori, inquilini, stranieri: le votazioni negli altri cantoni
In 10 cantoni i cittadini si sono espressi su oggetti locali. Ecco i risultati
SVIZZERA
3 ore
«L'odio e la rabbia non appartengono alla Svizzera»
Quello della Legge Covid «è il miglior risultato mai raggiunto da una legge posta sotto referendum», così Berset.
ZUGO
5 ore
L'albero di natale in macchina, la multa all'autista
L'appello della polizia: «Bisogna fare attenzione che il carico non ostruisca la visuale»
VALLESE
7 ore
Il Vallese dice sì all'iniziativa per l'abbattimento facilitato dei grandi predatori
L'esito dello scrutinio non ha riservato sorprese, ma il margine di manovra del cantone è risicato
SVIZZERA
8 ore
Camici in aria, approvata l'iniziativa sulle cure infermieristiche
Il risultato è apparso chiaro sin dai primi risultati: è un trionfo dei favorevoli.
SVIZZERA
8 ore
Sorteggio per eleggere i giudici? Niente da fare
Il 68,1% dei cittadini svizzeri ha deciso di mantenere il sistema attuale
SVIZZERA
8 ore
Fine dei giochi, la Legge Covid trionfa con un netto sì
Il 62% degli svizzeri ha approvato il testo. Alto tasso di consensi anche in Ticino.
FOTO
SVIZZERA
9 ore
Palazzo federale blindato per il voto
Misure di protezione mai viste a Berna in vista del voto odierno sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
10 ore
«La nuova variante si diffonderà presto o tardi anche in Svizzera»
Al momento Tanja Stadler non si sbilancia su un'eventuale maggior pericolosità di Omicron.
SVIZZERA
11 ore
In attesa del voto, «basta con le ostilità»
Grande successo per l'appello lanciato dalla Società svizzera di utilità pubblica settimana scorsa.
SVIZZERA
11 ore
«Venga introdotta la regola del 2G»
Nel giorno della votazione sulla Legge Covid-19, sale la pressione sulle persone non vaccinate.
SVIZZERA
13 ore
Vaccino dai cinque anni in su: «Siamo in ritardo»
In Svizzera, contrariamente all'UE, i bambini sotto i 12 anni non possono ancora vaccinarsi.
SVITTO
22 ore
Auto nel pendio, un morto
Grave incidente ieri pomeriggio a Muotathal. Due feriti e un decesso
SVIZZERA
1 gior
Noto attivista Corona-scettico finisce in cure intense con il virus
Il 66enne François de Siebenthal si è opposto pubblicamente alle disposizioni sanitarie decise dal Governo federale.
GRIGIONI
1 gior
Non ce l'ha fatta il parapendista caduto ad Arosa
Il 75enne è spirato ieri in ospedale a causa delle serie ferite riportate nell'incidente di domenica scorsa.
FOTO
SVIZZERA
1 gior
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
1 gior
Cassis ha sentito il ministro degli esteri cinese al telefono
Dopo il guasto che lo ha lasciato a piedi, il consigliere federale ha avuto un «buon colloquio» con Wang Yi.
SVIZZERA
1 gior
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SAN GALLO
1 gior
Si butta in mezzo alla strada e sputa addosso a soccorsi e polizia
Un uomo di 32 anni è stato arrestato per aver messo in pericolo sé stesso e gli altri.
SVIZZERA
01.05.2020 - 08:130
Aggiornamento : 12:15

Nubi nere sul turismo svizzero: gli operatori prevedono «enormi perdite di fatturato»

Gli operatori chiedono l'intervento della politica: «Le aziende competitive hanno bisogno di prospettive»

Il numero dei fallimenti potrebbe essere molto elevato, il Ticino è tra le regioni più a rischio

BERNA - «Enormi perdite di fatturato e un’occupazione insolitamente bassa in tutta la Svizzera»: è quello che incombe sul turismo svizzero secondo alcuni operatori (HotellerieSuisse, GastroSuisse, Funivie Svizzere e l’Associazione svizzera dei manager del turismo) che, riuniti sotto le insegne della Federazione svizzera del turismo, hanno sondato l'attuale situazione del settore.

Un'indagine nata dalla collaborazione con Svizzera Turismo e l’Institut für Tourismus della Fachhochschule Westschweiz Wallis (HES-SO Valais-Wallis), alla quale hanno partecipato circa 3500 aziende, offre risultati «allarmanti»: il ramo alberghiero prevede che a maggio l’occupazione sarà del 9% e in estate non andrà molto meglio (tra il 20 e il 24%). Il 75% delle prenotazioni per maggio e giugno è stato già cancellato. I fatturati reagiscono di conseguenza. Stando a una nuova previsione di HES-SO, il settore turistico subirà infatti perdite pari a 8,7 miliardi di franchi solo per il periodo tra marzo e giugno.

Misure attuali, «un sostegno limitato» - Il 79% degli intervistati ha confermato di sfruttare il lavoro ridotto. Nel caso delle funivie, dei ristoranti e degli alberghi la quota sale addirittura al 90 percento. «Salta all’occhio come solo il 41% degli intervistati abbia richiesto i crediti erogati per l’emergenza» affermano le associazioni. Questo strumento è diffuso nel 49% delle aziende della ristorazione e nel 45% di quelle alberghiere.

«Molte PMI temono un aumento dell’indebitamento e degli interessi, per questo i crediti per l'emergenza non vengono sfruttati appieno», afferma Casimir Platzer, presidente di GastroSuisse. Il 64% delle aziende dichiara che tale strumento è in grado di coprire i costi fissi solo fino alla fine di giugno. Sino ad allora il grado d'indebitamento di tutti gli intervistati del settore alberghiero e della ristorazione è salito dal 24 al 38%, che per gli alberghi di alcune regioni sale al 50%. «Il settore del turismo chiede perciò che i crediti Covid-19 senza formalità vengano concessi a interessi zero per tutto il periodo di rimborso affinché possano essere risolti i problemi di liquidità delle aziende economicamente sane. Inoltre sollecita il Parlamento a decidere, secondo la procedura ordinaria, un esonero dal rimborso di tali crediti nei casi più gravi».

«La politica può evitare l’ondata di fallimenti» - Il rischio di fallimento resta notevole in conseguenza dei problemi di liquidità, che si acuiranno alla fine di giugno, e dell’aumento (talvolta drastico) dell’indebitamento. A livello nazionale, il 23% circa degli intervistati considera alta la probabilità di fallimento. Il fenomeno interessa soprattutto la Svizzera occidentale, il Ticino e la regione di Basilea. Sono più di 30mila i posti di lavoro a rischio e la situazione è particolarmente critica nel settore alberghiero e della ristorazione.

Le associazioni del turismo chiedono quindi alla politica un’estensione delle misure di sostegno finanziario, da inserire in un programma di promozione della congiuntura. Il pacchetto potrebbe contemplare, ad esempio, un adeguamento dell’IVA nel ramo della gastronomia sulla falsariga del modello tedesco. «Le aziende competitive e sane hanno bisogno di prospettive per la fase post-coronavirus», dichiara Andreas Züllig, presidente di HotellerieSuisse.

Il settore turistico aveva richiesto chiarezza e un orizzonte di pianificazione certo in una lettera aperta alla Presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga e al vertice per il turismo del 26 aprile. Questa settimana tali richieste sono state parzialmente ascoltate. I ristoranti potranno infatti riaprire l’11 maggio. Gli altri comparti del turismo non possono invece pianificare con certezza. Ma questa certezza serve ora. «Solo così si può evitare che il settore turistico collassi in estate. La popolazione deve essere messa subito in condizioni di programmare le vacanze nel proprio paese e di sfruttare tutta l’offerta turistica», afferma Nicolo Paganini, presidente della Federazione svizzera del turismo. E aggiunge: «La salute di ospiti e collaboratori resta però la massima priorità».

Promozione della domanda - La riapertura impone il varo di un programma di promozione della domanda da parte della Confederazione, richiede la Federazione svizzera del turismo. L'incertezza non invita gli ospiti a programmare le vacanze. «Il settore approfondirà questo effetto psicologico (non appena la tutela della salute lo consentirà) e indicherà ai potenziali clienti in Svizzera e all’estero dove poter fare vacanza in sicurezza nel nostro paese». Hans Wicki, presidente di Funivie Svizzere, spiega: «Il programma d'incentivazione è necessario affinché, dopo questa fase di tensione, la gente non abbia remore a prenotare una vacanza e ritrovi la voglia di fare villeggiatura in Svizzera». Allo stesso tempo occorrerà riprendere a breve la copertura dei mercati esteri, i cui clienti devono programmare con un anticipo anche di sei mesi rispetto alla data del viaggio. La concorrenza internazionale, infatti, si contenderà strenuamente i viaggiatori.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mattiatr 1 anno fa su tio
Per come la vedo io una possibilità è prendere il problema in contro piede. Leviamo per un periodo limitato di qualche anno ogni vincolo per la chiusura notturna degli esercizi pubblici. Eliminiamo gli affitti per affittare le piazze a eventi e permettiamo l'iniziativa personale, se non addirittura sostenerla con l'aiuto degli operai comunali.¶ Gli esempi che mi sorgono sono pressoché infiniti, raduni motociclistici, esposizioni d'auto varie nelle piazze pubbliche, concerti benefici da parte di band, cori bande locali o tanto altro. Lasciamo che le persone possano aiutare gli esercenti creando movimento in Ticino. Già che il cantone non aiuta creando di anno in anno sempre maggior burocrazia, leggi inutili e via discorrendo.¶ Ci saranno lamentele per il rumore, però ragazzi, tutti i centri cittadini di tutte le maggiori città sono conosciuti per la movida e le attrattività turistiche, non per la depressione malsana che abita il Ticino.
Trasp 1 anno fa su tio
Per il Ticino, e non solo, quest'anno potrebbe essere un'ottima opportunità per riguadagnare clienti svizzeri che fino all'anno scorso andavano in vacanza oltre confine.
vulpus 1 anno fa su tio
Ma veramente pensiamo che lo stato riesca a supportare tutti i rami dell'economia, come le richieste presentate?C'è di che dubitarne veramente. La ristorazione e l'alberghiero, il turismo in generale, sono quelli che ne risentiranno di più. Ma tutte le organizzazioni turistiche regionali, cantonali e federali, visto che senza gli alberghi e la ristorazione non possono avere gli ospiti, perchè non vanno a finanziare questi operatori, invece di lanciarsi in progetti e operazioni praticamente inutili in questa stagione? Ma qualcuno pensa veramente che le città si riempiranno di turisti quest'anno? Avranno buon gioco le periferie turistiche della Svizzera, dove la gente ripiegherà per vedere i nostri paesaggi bucolichi, lontani dalle masse. E gli stranieri dimentichiamoli: qualcuno pensa forse che gli asiatici ritorneranno in massa in Europa o soltanto in Svizzera?
Mattiatr 1 anno fa su tio
@vulpus Inoltre scordiamoci il sostegno degli svizzeri. I ticinesi in primis sono campioni a non sostenere l'economia locale, figuriamoci dopo una crisi. In molti non sono nemmeno disposti a fare qua la spesa, figuriamoci le vacanze.
streciadalbüter 1 anno fa su tio
@Bibo:tipica risposta di chi ha la testa vuota.
Bibo 1 anno fa su tio
@streciadalbüter Certo, ma sempre meno della tua! Non so dove lavori e non mi interessa ma certamente se la tua ditta-amministrazione ti lasciasse a casa non ragioneresti così, sicuro al 100%
streciadalbüter 1 anno fa su tio
I soliti piagnoni.
Libero pensatore 1 anno fa su tio
@streciadalbüter In generale concordo che spesso i ristoratori, rappresentati dal presidente di Gastroticino, piangono. In questa situazione però le difficoltà sono oggettive e onestamente non vedo grandi vie d’uscita. L’apertura è uno specchietto per le allodole, perché in ogni caso l’affluenza ai locali sarà limitata dalle norme e da questioni di tipo psicologico. Penso che ristoranti e hotel anche riaprendo non saranno in grandi di generare entrate che coprano i costi. A livello politico dovranno decidere se salvate queste aziende o farle fallire. Con i fallimenti avranno problemi anche tutto i creditori, banche in primis che si troveranno in pancia degli immobili invendibili o con valore venale molto basso, che non coprirà i crediti ipotecari. Vanno fatte delle stime e poi occorrerà decidere quale sia il male minore
Bibo 1 anno fa su tio
@streciadalbüter Ragionamento di chi ha la pancia piena...
Mattiatr 1 anno fa su tio
@Libero pensatore Vero, il lato positivo è che gli investitori con buona di riserva capitale (non io) potarnno fare shopping con i super sconti. Diciamo che pensando sul lungo termine, un edificio commerciale potrebbe far guadagnare qualcosina fra qualche anno.
tip75 1 anno fa su tio
ecco spiegato il retrofront del consiglio federale, spera di risparmiare due franchetti aprendo 11.5... questo metterà in pericolo la nostra salute ma non riempirà le tasche ai ristoranti che faticavano già quando aprivano normalmente figuriamoci in modo limitato
Milite Ignoto 1 anno fa su tio
@tip75 Hai visto... hai una spiegazione... un genio:-))))
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 21:10:16 | 91.208.130.89