Archivio Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
TURGOVIA
2 ore
A 77 anni in carcere per non pagare la multa
Una donna turgoviese si è presentata ieri davanti alla prigione di Frauenfeld per espiare la sua pena.
SVIZZERA
3 ore
Vinto il jackpot di Euromillions più alto di sempre
Sette persone hanno invece portato a casa 700mila franchi a testa.
SVIZZERA
7 ore
Cassis ha firmato la Carta umanitaria del clima
La Svizzera, il primo Paese donatore a farlo, lancia così un segnale al resto del mondo.
SVIZZERA
7 ore
L'UDC rimane saldamente il primo partito svizzero
Segue il PS, che ha alle calcagna PLR, Alleanza del Centro e Verdi, secondo l'ultimo Barometro elettorale della SSR
SVIZZERA
7 ore
«Perso il 28% del fatturato a causa del certificato»
Lo rileva un sondaggio condotto da GastroSuisse dopo l’introduzione dell’obbligo.
FOTO
ZUGO
9 ore
Violento frontale, due automobiliste all'ospedale
L'incidente è avvenuto nel primo pomeriggio di oggi sulla cantonale tra Baar e Neuheim.
ZURIGO
9 ore
Affare Paulsen, il tribunale dà ragione a TX Group
I giudici hanno respinto oggi la denuncia del miliardario svedese che si riteneva vittima di una campagna diffamatoria.
FOTO
SVIZZERA
10 ore
Un'altra mascherina ritirata dal mercato
Il prodotto avrebbe dimostrato «scarsa efficacia protettiva» e potrebbe pure «risultare dannosa per la salute».
SVIZZERA
11 ore
Vaccinazioni: 8'757 casi con effetti collaterali
Si tratta all'incirca di otto casi ogni 10'000 inoculazioni effettuate nel nostro Paese.
SVIZZERA
11 ore
Prima visita ufficiale di un presidente della Georgia
Salome Zourabichvili è stata ricevuta oggi da Guy Parmelin e Ignazio Cassis
SVIZZERA
12 ore
Si resta sotto i mille contagi
Si contano anche 22 nuovi ricoveri. Sempre di meno i pazienti Covid-19 in cure intense.
SVIZZERA
12 ore
Legge Covid-19 «discriminatoria e arbitraria»
I democentristi invitano il popolo a respingere il testo che andrà in votazione il prossimo 28 novembre.
FRIBURGO
13 ore
Friburgo mette in stand-by il voto elettronico
Il progetto è stato bloccato a causa della sua «complessità» dal punto di vista tecnico e amministrativo.
GRIGIONI
14 ore
Il Vaxbus grigionese torna in garage
Per ragioni climatiche verrà sostituito da un team mobile che raggiungerà ventun località offrendo anche il vaccino J&J.
SVIZZERA
06.04.2020 - 13:000
Aggiornamento : 18:03

Coronavirus: cittadini diligenti, ma non mancano le multe

Le autorità: «Non è il momento di abbassare la guardia»

BERNA - La maggior parte della popolazione svizzera, nonostante il bel tempo che ha caratterizzato il fine settimana, ha rispettato le misure e le restrizioni imposte dalle autorità per frenare la diffusione del nuovo coronavirus. Tuttavia, la situazione può ancora migliorare in vista delle festività pasquali.

L'appello è sempre lo stesso: «rimanete a casa», anche se le temperature primaverili e i giorni liberi rappresentano delle tentazioni. Non è infatti ancora il momento di abbassare la guardia, avvertono in coro le varie autorità cantonali preposte alla sanità e alla sicurezza.

Svizzera tedesca - Nel canton Zurigo la polizia ha più volte richiamato all'ordine diversi gruppi di persone che non rispettavano la distanza sociale. Sono state inflitte alcune multe, ma non si registrano incidenti di rilievo, spiega un portavoce senza fornire dettagli. Nella città sulla Limmat le contravvenzioni sono state una cinquantina nel fine settimana, indica la polizia cittadina.

Circa cento multe sono invece state inflitte a Lucerna: molta gente è scesa in strada, soprattutto nella giornata di domenica, sebbene le autorità abbiano recentemente deciso di chiudere buona parte del lungolago.

A Basilea, dove invece non sono stati limitati gli accessi alle sponde del Reno, sono 130 i casi di violazione registrati dalla polizia.

Rispetto allo scorso weekend si registra invece meno affluenza per le strade del canton Berna. Pochi assembramenti e distanza globalmente rispettata, anche se in alcuni casi è arrivata la contravvenzione, precisa la polizia.

Nel canton Argovia sono giunte alla polizia numerose segnalazioni e sono state inflitte «diverse dozzine» di contravvenzioni, rileva la polizia. Sabato notte, poco dopo mezzanotte, la polizia è dovuta intervenire nell'area di servizio di Würenlos (AG) sull'A1 per disperdere circa 300 persone. Nel canton Sciaffusa la polizia cantonale ha ricevuto una trentina di segnalazioni, ma gli agenti hanno pronunciato solo cinque multe e sono intervenuti per sciogliere assembramenti in una decina di occasioni.

A Zugo invece le forze dell'ordine hanno segnalato una quarantina di contravvenzioni e due denunce alla procura cantonale. Tuttavia, sono in molti i cittadini della Svizzera centrale che hanno voluto approfittare del bel tempo: solo ieri la polizia è dovuta intervenire oltre 600 volte.

Più controlli nei Grigioni - Lo scorso fine settimana la polizia cantonale grigionese ha eseguito numerosi controlli per sensibilizzare gli utenti della strada e con l'obiettivo «di farli recedere volontariamente dall'intenzione di raggiungere il Ticino o l'Engadina». Le misure saranno prorogate anche per le vacanze di Pasqua.

Le forze dell'ordine consigliano di rinunciare a viaggi inutili e a escursioni fuori porta, ad esempio sci-escursionismo o giri in moto, in quanto non sono esenti da un certo rischio.

Ieri la polizia grigionese si è vista costretta a chiudere la strada che conduce al passo della Flüela. Nonostante l'invito delle autorità a rimanere a casa, sabato circa un centinaio di veicoli di sci-escursionisti erano posteggiati ai bordi della strada, per una lunghezza di due chilometri.

Romandia - Nel canton Vaud sono state inflitte 161 multe sabato e 123 domenica. In totale, sono 32 le denunce trasmesse al Ministero pubblico. Le autorità stilano tuttavia un bilancio «abbastanza positivo»: c'è molta gente in giro, ma molto meno rispetto al solito e le persone sono più sparpagliate. A preoccupare è invece la presenza di molte persone anziane per le strade vodesi. Sul territorio cantonale, a scopo dissuasivo, sono attivi circa 630 poliziotti.

In Vallese, il numero di infrazioni «è rimasto stabile rispetto al fine settimana precedente», spiega all'agenzia Keystone-ATS Stève Léger, portavoce della polizia cantonale. Le denunce alla procura sono state nove, mentre le multe da 100 franchi ciascuna sono state in totale 230. La maggior parte di queste sono dovute ad assembramenti di oltre cinque persone e al mancato rispetto della distanza sociale. Tuttavia, aggiunge il portavoce, «la grande maggioranza della popolazione rispetta pienamente i divieti».

Bilancio tutto sommato positivo anche a Ginevra, sebbene nel weekend siano state inflitte 59 multe per il mancato rispetto delle direttive, indica un portavoce del Dipartimento cantonale della sicurezza, dell'impiego e della sanità (DSES). Oltre a ciò, si registrano nove denunce al Ministero pubblico per le persone recidive oppure a coloro che si sono opposti alla contravvenzione.

Nel canton Friburgo si contano un centinaio di multe da venerdì sera a domenica sera, a Neuchâtel sono invece una decina, ma la polizia indica che la popolazione ha globalmente rispettato le misure imposte.

A preoccupare, nel cantone neocastellano, sono i luoghi maggiormente turistici come le gole dell'Areuse e il Creux-du-Van, che attirano numerosi escursionisti provenienti dai cantoni di Berna, Argovia, Basilea, San Gallo e persino dal Ticino, ha spiegato all'emittente RTN il consigliere di Stato Alain Ribaux. L'accesso a questi due siti potrebbe venir chiuso nei prossimi giorni.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-16 01:44:19 | 91.208.130.86