Archivio Keystone
VALLESE
20.01.2020 - 23:570

Trentatré reclute con la diarrea

Il norovirus ha colpito la caserma di Sion

di Redazione
pro/Pa.St.

SION (VS) - Non è passato nemmeno un anno, da quando nella caserma di Sion ben 91 reclute avevano dovuto fare i conti con la diarrea. E ora, sempre nella struttura militare vallesana, c'è una nuova epidemia: stavolta sono trentatré le reclute colpite, come conferma a 20 Minuten Daniel Reist, portavoce dell'esercito. Si tratta di giovani che stanno assolvendo la scuola di polizia militare.

L'attuale situazione non avrebbe comunque nulla a che fare con quella della scorsa estate. Allora si era trattato di un'intossicazione alimentare dovuta a dell'acqua potabile rimasta troppo a lungo all'interno di un tubo. Ora la colpa sarebbe invece del norovirus, che chiunque potrebbe aver portato in caserma.

La maggior parte delle reclute malate ha comunque potuto trascorrere a casa il weekend: soltanto quattro erano troppo deboli per affrontare il viaggio. Domenica sera tutte, anche quelle ancora malate, sono comunque dovute rientrare in caserma.

Una decisione, questa, che non è piaciuta al padre di una recluta: «Il norovirus è estremamente contagioso, le reclute che tornano a casa rischiano di trasmetterlo a tutta la famiglia». Si tratterebbe di un pericolo in particolare per le persone anziane e per i bambini. Una critica che il portavoce Reist comprende: «Stiamo ancora valutando se lasciar rientrare a casa le reclute sia stata la decisione giusta».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-22 08:49:05 | 91.208.130.86