Keystone
La caserma di Jassbach dove si sono registrati i casi più gravi.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 min
Tumore al seno: «Fondamentale il sostegno dei familiari»
La Lega contro il cancro ha deciso di concentrare la propria attenzione sui congiunti delle malate.
SVIZZERA
51 min
L'ex tassista ai vertici della Seco
Boris Zürcher ha fatto una carriera fuori dal comune. Oggi guida la Divisione lavoro a Berna. Lo abbiamo intervistato
FRIBURGO
51 min
Sgominate due bande di ladri
Due persone ree di aver svaligiato vari appartamenti in Romandia e a Berna sono state arrestate.
SVIZZERA
52 min
Congedo paternità, per UBS sono quattro settimane
Il colosso bancario si vuole dimostrare un datore di lavoro attrattivo
VAUD
1 ora
Deraglia un treno alla stazione di Echallens
Fortunatamente non c'erano passeggeri a bordo, ma non sono mancati i disagi.
ZURIGO
1 ora
Sospettata di aver commissionato l'assassinio della madre: assolta
Il Tribunale distrettuale di Meilen ha invece condannato per il crimine un 37enne.
SVIZZERA
1 ora
Le donne avrebbero abbattuto i jet
Il 55% delle votanti di sesso femminile avrebbe fatto a meno dell'acquisto dei nuovi aerei militari.
SVIZZERA
1 ora
La domenica "nera" dell'UDC sui quotidiani elvetici
I giornali svizzero-tedeschi parlano di «schiaffo» e «fiasco» per i democentristi che hanno perso 4 oggetti su 5.
SVIZZERA
1 ora
La Seco rivede al rialzo il PIL svizzero
Che resta comunque da record negativo storico, ad aiutare la ripresa generale e l'aumento delle farmaceutiche
BASILEA CAMPAGNA
2 ore
Il Consigliere di Stato Thomas Weber a processo
Il rappresentante dell'UDC dovrà rispondere all'accusa di infedeltà nella gestione pubblica.
GINEVRA
3 ore
Salario minimo: a Ginevra in un mese, in Ticino attesa di 6 anni
La misura è stata approvata domenica alle urne: «In vigore da fine ottobre»
BASILEA CAMPAGNA
3 ore
È morto il 17enne rimasto ferito venerdì
La procura basilese ha aperto un fascicolo a carico del conducente dell'auto coinvolta
SVIZZERA
05.07.2019 - 16:230

Dimessi tutti i militi, l'esercito: «Siamo davvero sollevati»

Il portavoce dell'esercito ha precisato che tutte le persone colpite da vomito e diarrea a Jassbach a Bière sono ora in congedo

BERNA - Tutti i 50 militari colpiti ieri da attacchi di vomito e diarrea nella caserma bernese di Jassbach hanno potuto lasciare ospedali e infermerie: tutti sono ora in congedo, ha indicato a Keystone-ATS il portavoce dell'esercito Daniel Reist. Disturbi gastrointestinali hanno aumentato le visite ai gabinetti anche di una trentina di reclute di stanza a Bière nel canton Vaud, per nessuno dei quali è stato però necessario un ricovero.

«Siamo davvero sollevati», ha dichiarato Reist interpellato nel primo pomeriggio riguardo a Jassbach. Stamane una nota del Dipartimento federale della difesa (DDPS) aveva già annunciato che 35 militari erano già tornati nella truppa o erano andati in congedo e che i 15 restanti avrebbero potuto verosimilmente essere dimessi nel corso della mattinata. Ieri quattro di loro erano stati definiti «in uno stato critico».

I ricoveri sono stati effettuati in ospedali civili e infermerie militari distribuite su un territorio che spazia da St-Imier (BE) ad Altdorf (UR), ha precisato Reist.

La causa della malattia, che ha colpito senza distinzione reclute e ufficiali e ha causato un viavai di ambulanze e persino di elicotteri della Rega, è tuttora da determinare. Sia l'ispettorato per l'igiene alimentare che e un giudice militare hanno avviato un'inchiesta.

L'ipotesi più caldeggiata è quella di una intossicazione alimentare, mentre viene esclusa una causa virale - niente Norovirus o simili - ragione per la quale il Cantone di Berna ha revocato già durante la notte la quarantena disposta a titolo precauzionale. Reist dice che la ragione dell'attacco gastrointestinale potrebbe essere il pasto servito a mezzogiorno.

A questo proposito, un soldato citato da "20 Minuten" online ha indicato che era stato messo nei piatti del pollo freddo, un altro ha detto che già il giorno prima c'era stato pollo e che forse sono stati servizi i resti del giorno prima. Un altro soldato che ha concluso la scuola reclute in maggio ha sostenuto che il pollo a Jassbach è a volte servito non abbastanza cotto.

Jassbach, nel comune di Linden a nordest di Thun, è sede della Scuola di guerra elettronica 64 (S GE 64), unico centro di formazione del genere dell'esercito svizzero, indica la pagina dedicatagli sul sito internet del DDPS. La scuola reclute di diverse compagnie era cominciata circa tre settimane fa. Un totale di 330 militari erano in servizio ieri: tutti hanno mangiato gli stessi alimenti, alcuni si sono ammalati, altri no.

Stamane si è poi saputo che anche alla piazza d'armi di Bière nel canton Vaud decine di reclute hanno avuto problemi di diarrea. La situazione è stata però molto meno grave di quella bernese a Jassbach.

Un altro portavoce dell'esercito, Stefan Hofer, ha confermato a Keystone-ATS la notizia diffusa dal sito online del "Blick", precisando che nei giorni scorsi una trentina di reclute hanno lamentato noie gastrointestinali.

Nel frattempo la maggior parte di loro sta tuttavia meglio, ha aggiunto il portavoce. Della trentina di giovani incomodati, nessuno ha dovuto essere ricoverato in ospedale: diciassette oggi sono rimasti in camera e due sono in infermeria, mentre tutti gli altri sono di nuovo operativi.

Anche in questo caso la causa degli attacchi di diarrea non è ancora chiara ed è oggetto d'indagine, ha detto Hofer. Un'origine virale può però essere esclusa, ha aggiunto.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
centauro 1 anno fa su tio
Questo fatto potrebbe essere interpretato che il servizio militare fa c..........
OCP 1 anno fa su tio
@centauro Sai centauro... capita anche nei ristoranti a volte e a quanto ne so a militare forse capita anche meno spesso che nei ristoranti. Comunque potrebbe anche essere interpretato che a furia di tagli questi sono i risultati.
centauro 1 anno fa su tio
@OCP L'importante è che non risparmino con la carta igienica!!!!!
pinna blu 1 anno fa su tio
e ora giù cioccolata a go go per stringere bene....
streciadalbüter 1 anno fa su tio
Quante storie per un po`di caghetta.
miba 1 anno fa su tio
Ma guarda un po' se si deve fare un can can mediatico per un po' di diarrea e mal di pancia.... Mancava solo la mammina, che rimboccava la copertina e preparava la minestrina... Ma par piasée!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 12:15:42 | 91.208.130.87