TiPress - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SAN GALLO
6 ore
La direttrice della scuola acquista superalcolici per gli studenti minorenni
La cerimonia di diploma si è conclusa a suon di bagordi. Genitori sgomenti
SVIZZERA
10 ore
Un nuovo nome per il PPD? Voterà tutto il partito
Tra le nuove designazioni proposte, il più gettonato sarebbe “Die Mitte”
SVIZZERA
10 ore
Gruppo TX si attende un calo dei ricavi pari al 20%
Sono le previsioni per il primo trimestre del 2020
NIDVALDO
10 ore
Brucia un'auto: ustioni gravi per una bimba
L'episodio si è verificato oggi a Emmetten, nel Canton Nidvaldo
SVIZZERA
11 ore
Richiamate alcune vecchie mascherine acquistate da Berna
Risalgono al 2007 e sono state ritirate per precauzione. Il motivo? Alcune mostrano tracce di funghi
ZURIGO
12 ore
Agricoltore morto sotto la sua mietitrebbia
L'incidente è avvenuto questa mattina a Truttikon. Le autorità indagano per chiarire la dinamica dei fatti
SVIZZERA
16 ore
«Un quarto dei casi è importato dall'estero»
Le autorità sanitarie federali affermano che i contagi si stanno stabilizzando
SOLETTA
16 ore
Contatti a rischio in discoteca: quarantena finita per 580 persone
La misura era stata ordinata ai frequentatori di club di Olten e Grenchen
SVIZZERA
17 ore
Le aziende svizzere, prevedono una veloce ripresa
L'87% dei ristoratori ticinesi prevede nel 2022 un numero di dipendenti uguale o superiore a quest'anno
SVIZZERA
17 ore
Quasi 3'000 svizzeri in quarantena
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'501, mentre i morti restano 1'686
SVIZZERA
19 ore
Moto, un primo semestre «sensazionale»
Lo sviluppo del settore a maggio e giugno è stato definito «esplosivo»
SVIZZERA
20 ore
La soia importata «è sempre più sostenibile»
In Svizzera lo scorso anno ne sono arrivate 260'000 tonnellate dall'Europa e dal Brasile.
SVIZZERA
18.11.2019 - 10:490

Trent'anni fa lo scandalo delle schedature

Oltre 320'000 persone (4410 in Ticino) chiesero a Berna se figurassero tra gli schedati. Circa 40'000 (804 in Ticino) ottennero risposta affermativa

di Redazione
ats

BERNA - Lo scandalo delle schedature, scoppiato il 22 novembre 1989, portò alla scoperta di 900'000 dossier riguardanti cittadini e organizzazioni redatti dalla polizia politica e dal controspionaggio senza alcuna base legale. Trent'anni dopo, le attività di sorveglianza della Confederazione sono ancora regolate da una moltitudine di disposizioni speciali e manca una legge apposita, denuncia l'Incaricato federale alla protezione dei dati.

Le schedature vennero alla luce grazie alla pubblicazione del rapporto della Commissione parlamentare d'inchiesta (CPI) che aveva il compito di indagare sui fatti che portarono alle dimissioni dell'allora "ministra" della giustizia Elisabeth Kopp. Il 27 ottobre 1988, la consigliera federale telefonò al marito, l'avvocato Hans Werner Kopp, pregandolo di dimettersi dal consiglio d'amministrazione della società Shakarchi Trading SA, sospettata di riciclaggio. La CPI sul "caso Kopp" aveva mandato di indagare anche sulla condotta del Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP), del Ministero pubblico della Confederazione e della Polizia federale.

«Se avesse aspettato di essere a casa la sera, non sapremmo ancora nulla delle schede», ha detto l'attivista per i diritti umani Catherine Weber in una recente intervista alla Wochenzeitung. Segretaria del comitato «contro lo Stato ficcanaso», Weber era in prima linea quando scoppiò lo scandalo. Secondo l'attivista, le schedature furono scoperte nel corso di una riunione della CPI nei locali della Polizia federale. «Per caso, durante una pausa, i parlamentari iniziarono ad aprire gli armadi e scoprirono una vasta collezione di schede in ordine alfabetico».

Oltre 320'000 persone (4410 in Ticino) chiesero a Berna se figurassero tra gli schedati e l'eventuale diritto di consultazione. Circa 40'000 (804 in Ticino) ottennero risposta affermativa. I servizi del neonominato "Mister schede" Walter Gut inviarono loro 300'000 pagine di schede con 2 milioni di annotazioni, in parte oscurate. Le schede trovate risultarono essere 820'000, con rimandi a 17'750 fascicoli, che allineati avrebbero raggiunto una lunghezza di 1,3 chilometri, riguardanti 142'000 svizzeri, 586'000 stranieri e 26'000 organizzazioni.

Persino Moritz Leuenberger, presidente della CPI e futuro consigliere federale, era stato assiduamente sorvegliato dal 1972 al 1980 ed era stato incluso in uno speciale «schedario degli estremisti». All'attenzione della polizia politica non sfuggì neppure Charlie Chaplin, il popolare Charlot, stabilitosi in Svizzera nel 1953 per sfuggire alla persecuzione della polizia federale statunitense FBI.

Dall'esame dei documenti inviati ai richiedenti, a volte pubblicati dalla stampa, risultò che i metodi della polizia politica svizzera erano simili a quelli di Stati autoritari, con in più una buona dose di dilettantismo. Una impressione confermata dal rapporto "La protezione politica dello Stato in Svizzera (1935-1990)" pubblicato l'11 giugno 1993 dal gruppo di esperti diretto dallo storico Georg Kreis.

Lo scandalo delle schede coincise con la fine della Guerra fredda. «All'epoca, gli Stati utilizzavano notevoli risorse per ottenere informazioni», ha spiegato Adrian Lobsiger, Incaricato federale per la protezione dei dati, all'agenzia Keystone-ATS. I Paesi occidentali hanno iniziato a modernizzare il sistema di acquisizione delle informazioni relative alla sicurezza a seguito degli attentati dell'11 settembre 2001 contro le Torri gemelle a New York e contro il Pentagono. Con la digitalizzazione, la quantità e la qualità dei dati scritti, audio e visivi, così come la potenza di calcolo per l'analisi e il confronto, sono aumentate in modo esponenziale. «Inoltre, disponiamo di dati biometrici e genetici e di un enorme flusso di metadati generati dall'uso degli smartphone», sottolinea Lobsiger.

La Confederazione gestisce attualmente un gran numero di sistemi contenenti informazioni personali sensibili. «I sistemi, che sono accessibili solo da servizi di sicurezza federali come l'Ufficio federale di polizia, il Corpo delle guardie di confine o il Servizio delle attività informative della Confederazione, si basano su così tante disposizioni legali speciali che è difficile avere una visione d'insieme, anche per gli avvocati specializzati», conclude Lobsiger.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-10 06:18:10 | 91.208.130.86