TiPress
ULTIME NOTIZIE Sport
HCAP - L'ANALISI
10 min
Ambrì senza mordente: inizio complicato e 0 punti
SERIE A
8 ore
Milan, che fatica col Verona (in dieci dal 21'): decisivo Piatek
CICLISMO
10 ore
Primoz Roglic re della Vuelta
STOP AND GO
10 ore
Ambrì e Lugano, false partenze
COPPA SVIZZERA
12 ore
Coppa, spiccano Losanna-Xamax e YB-Zurigo
SERIE A
13 ore
Bologna, pazza rimonta: Brescia ribaltato 4-3
COPPA SVIZZERA
14 ore
Non basta un ottimo Bellinzona: lo Xamax vince di misura
BASKET
14 ore
Spagna sul tetto del Mondo
MOTOMONDIALE
16 ore
Marquez padrone a Misano: vinto il duello con Quartararo
MOTOMONDIALE
17 ore
Lüthi ai piedi del podio
LIGUE 1
20 ore
Neymar segna e il PSG vince: «Volevo andarmene, ma ora è il momento di voltare pagina»
COPPA SVIZZERA
23 ore
Celestini è deluso: «È stata una prestazione preoccupante»
SERIE A
1 gior
L'Inter vola in vetta al campionato
NATIONAL LEAGUE
1 gior
Finale al cardiopalma: i Tori incornano i Leoni
BASKET
1 gior
I Lions conquistano il primo trofeo stagionale
BB/BN BEST EVER
26.07.2017 - 11:330
Aggiornamento : 19:18

«Un titolo "già scritto", quel Nummelin poteva fare di tutto»

Flavien Conne, in forza al Lugano per 14 stagioni, ripercorre il campionato vinto nel 2003: «C'era un gruppo fantastico. Convery? Nei playoff la sua linea fece alzare il livello di tutta la squadra»

LUGANO - Alzato al cielo l’8 aprile 2003 davanti agli 8’250 della Resega, il sesto titolo del Lugano è stato il primo conquistato nel nuovo millennio, è stato il frutto di una crescita verticale culminata con dei playoff in stile “rullo compressore”. Giunto a Lugano nel 2000 in arrivo da Friborgo, Flavien Conne - autore di 44 punti complessivi nel 2002/03, con 4 reti 4 assist nei playoff - è stato uno dei grandi protagonisti di quella stagione trionfale.

«È stato un anno davvero bello, è stato il mio primo titolo… - spiega Conne, che attualmente ricopre il ruolo di allenatore nel settore giovanile bianconero - Nel corso della stagione c’era stato un cambio in panchina (Huras per Koleff a metà novembre, ndr) e quindi non si può dire che sia andato sempre tutto liscio, ma avevamo un gruppo omogeneo e l’ambiente in spogliatoio era fantastico. C’era sempre massimo impegno ma anche tanto divertimento sia durante gli allenamenti che nei viaggi in pullman per le trasferte».

Un titolo speciale e indimenticabile. «Esattamente. Mio padre è stato 4 volte vice-campione svizzero con il Ginevra e, da piccolo, ci scherzavo dicendo che un giorno anch’io avrei lottato per il titolo. Quando sono andato a Lugano sognavo e avevo l’ambizione di vincere il campionato, e alla fine ce l’ho fatta. Nel mio primo anno in bianconero, nel 2000/2001, avevamo perso la finale con il famoso gol di Samuelsson e, in quel frangente, avevo preso personalmente una vera e propria "sberla". Quando accarezzi un titolo e poi ti sfugge, ti chiedi quando e se ti capiterà un’altra chance. Anche per questi fattori, il successo colto nel 2003 è stato ancora più importante».

Huras, nel novembre 2002, ereditò una squadra settima in classifica. Che impatto aveva avuto sul gruppo? «Huras, con le sue doti di motivatore, rimise la squadra sui binari giusti. È quel che accade spesso quando si cambia coach. Prima c’era un po’ di frustrazione perché sapevamo di avere una squadra molto competitiva, ma non riuscivamo a soddisfare le aspettative».

Soffermandosi sui singoli, è inevitabile parlare di Petteri Nummelin (campionato da 67 punti, 21 gol) e Brandon Convery, esploso nei playoff con 19 punti (5 gol) in 16 match. «Quel Nummelin poteva fare di tutto, era decisivo, al top. Poteva giocare moltissimi minuti con grande qualità. Brandon arrivò a stagione in corso come straniero "extra" e all’inizio ebbe qualche problema di ambientamento. Nei playoff poi ci fu un clic e, insieme a Murovic e Gardner, compose una linea devastante. Ricordo che crearono “concorrenza” interna con la prima e seconda linea, facendo alzare il livello di tutta la squadra. Anche questa è stata una delle ragioni del titolo».

Nei playoff, dopo aver strapazzato Kloten (4-1) e Zurigo (4-1), il Lugano piegò il Davos 4-2 (rimontando dallo 0-2). «Mi ricordo il dominio nella prima parte dei playoff, come se le cose fossero già scritte. Prima della finale però avevamo avuto una pausa piuttosto lunga, mentre il Davos, dopo la serie vinta in sette partite sul Berna, era arrivato carico e con il giusto ritmo nelle gambe. Per “risvegliarci” ci servirono due schiaffi. Partite inizialmente incerte e combattute, poi i successi in gara-3 e 4 sono stati la svolta. Da lì siamo partiti e… non ci siamo più fermati», conclude l'ex attaccante.

Qual è stato secondo te il Lugano più forte: quello della stagione 1996/97 o quello del 2002/03? Rispondi votando nel sondaggio

Commenti
 
sergejville 2 anni fa su tio
Grandissimi!
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 07:10:56 | 91.208.130.87