Segnala alla redazione
tipress (archivio)
L'OSPITE
24.04.2019 - 11:220

Le raccomandazioni di voto di Generazione Giovani

Per il Comitato di GG Ticino, Romolo Pawlowski, Segretario

Il prossimo 19 maggio saremo chiamati alle urne per esprimerci su due temi in votazione federale e due temi in votazione cantonale. A livello federale si voterà sulla Riforma fiscale e finanziamento dell’AVS e sulla trasposizione nel diritto svizzero della modifica della Direttiva europea sulle armi.

Nel nostro Cantone, invece, saremo chiamati a esprimerci sul referendum lanciato contro l’installazione di semafori sul Piano di Magadino e sull’iniziativa popolare “Giù le mani dalle Officine”.

Il Comitato di Generazione Giovani PPD Ticino, a livello svizzero, invita a sostenere la Riforma fiscale e il finanziamento dell’AVS, allineandosi anche alla posizione dei Giovani PPD svizzeri. Questa modifica legislativa permette di coniugare i bisogni delle imprese con quelli della popolazione. Un compromesso che garantisce al sistema fiscale elvetico di rimanere attrattivo e conforme agli standard internazionali e permette alle casse dell’AVS un maggiore finanziamento, che si inserisce in maniera positiva nel quadro di incertezza attuale.

In merito al secondo tema in votazione federale, comprendendo la sensibilità di alcune categorie della popolazione, ma riconoscendo comunque la necessità di regole più chiare in materia, GG Ticino lascia libertà di voto.

A livello cantonale, invece, il Comitato dei Giovani PPD ticinesi, essendo stato anche parte attiva nella raccolta delle firme per il referendum contro la posa di semafori sulla strada tra Quartino e Cadenazzo, rinnova la sua contrarietà a questo spreco di denaro pubblico. Infatti, l’efficacia dei semafori non è completamente appurata e, soprattutto, la strada passerà sotto la competenza dell’Ufficio federale delle strade (USTRA) dal 2020 e, dunque, tutti i costi verranno trasferiti alla Confederazione. L’installazione delle attuali rotonde risale a poco tempo fa. Un’ulteriore spesa per sostituirle sarebbe da ritenere quindi una cattiva gestione di denaro pubblico. Oltre a ciò, la modifica proposta non risolve alla radice il reale problema, ovvero l’intensificazione del traffico sulla tratta in questione.

Bisognerebbe infatti investire maggiormente nei trasporti pubblici e nell’accelerare la costruzione della galleria di collegamento A2/A13. Va ricordato anche che l’apertura del tunnel di base del Monte Ceneri il prossimo anno porterà a una rivoluzione nel mondo dei trasporti pubblici in Ticino. Invitiamo dunque a votare no a questa spesa.

GG Ticino, inoltre, invita anche a respingere l’iniziativa popolare “Giù le mani dalle Officine”. Secondo il Comitato, pur comprendendo le finalità dell’iniziativa, il testo sottoposto in votazione non tiene ormai più in considerazione il mutato contesto sociale e le nuove esigenze in materia di manutenzione dei convogli ferroviari moderni. Le nuove officine di Arbedo-Castione risponderanno in maniera adeguata alla domanda che nascerà dall’impiego dei nuovi Giruno sulla tratta Zurigo-Milano e creeranno un polo di sviluppo tecnologico e professionale.

Inoltre, l’area in centro a Bellinzona occupata attualmente dalle Officine rappresenta un enorme patrimonio immobiliare e potrebbe essere utilizzata per altri scopi che più si confanno a un centro cittadino. Per questi motivi, invitiamo a respingere questa iniziativa.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-17 18:31:55 | 91.208.130.89