Segnala alla redazione
L'OSPITE
31.07.2015 - 19:130

La nuova ordinanza taxi non risolve i problemi del settore

Daniele Casalini, consigliere comunale, Lega dei Ticinesi

La nuova ordinanza Municipale nel settore dei taxi appena presentata dal Municipio di Lugano, cosi' com'è , rischia di non risolvere i problemi che affliggono il settore.

Nel 2013 ho presentato la mozione nr. 3746 che chiedeva al Municipio di Lugano di fare ordine in questo comparto, mettendo mano in modo incisivo all'allora vigente ordinanza. In parte questo obiettivo è stato centrato dal recente provvedimento ma purtroppo i nodi centrali sono ancora irrisolti. Rimane inevaso il problema della concorrenza sleale d'oltre confine, il costo elevato delle corse e il riordino delle scritte identificative dei taxi in modo da renderli immediatamente riconoscibili dall'utenza.

I punti appena elencati sono gli aspetti cruciali da risolvere se veramente si vuole risollevare un settore da ormai troppo tempo vittima della concorrenza straniera.

Infine ritengo che il numero delle licenze sia insufficiente e pertanto saranno inevitabili i conflitti con i taxisti che ne rimaranno esclusi.

Per quanto sopra l'opposizione all'ordinanza appena emessa diventa un atto doveroso con l'unico scopo di poterla migliorare rendendola più coraggiosa, risolutiva ed efficace, nell'attesa che finalmente veda la luce un Regolamento Unico Cantonale dove Lugano potrebbe diventare un esempio per tutto il Ticino.

 



Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 23:36:22 | 91.208.130.86