Cerca e trova immobili

CANTONEDa Nik Evans un “mostro” che è tutto da ballare

06.05.21 - 06:30
“Monster” il nuovo singolo del dj bellinzonese vede alla voce la luganese Shakry: «Una collaborazione spontanea»
NikEvans/Shakry
Da Nik Evans un “mostro” che è tutto da ballare
“Monster” il nuovo singolo del dj bellinzonese vede alla voce la luganese Shakry: «Una collaborazione spontanea»

LUGANO - Si chiama “Monster” ed è un nuovo pezzo tutto da ballare made in Ticino. A realizzarlo il dj bellinzonese Nik Evans con la partecipazione della cantante e cantautrice luganese Shakry. Il risultato è un brano che convince, dalle atmosfere un po' eighties ma che non rinuncia alla melodia. Ne abbiamo parlato proprio con Nik Evans, nome d'arte di Nicola Genini.

Come nasce “Monster”? Chi ha lanciato questa collaborazione?

Tutto parte da un mio beat, l'influenza sono proprio gli anni '80 che da un po' di tempo a questa parte stanno andando per la maggiore. A un certo punto mi sono reso conto che mancava una voce, ci ho pensato un po' su e poi ho scritto a Shakry. Il resto... è storia.

Per il testo ha avuto carta bianca oppure vi siete consultati?

È stato tutto molto spontaneo e immediato, le ho inviato la parte strumentale chiedendole se le interessava una collaborazione. Mi ha risposto poco dopo con un vocale, in cui provava a cantarci sopra una melodia. Insomma, per me era un sì (ride). Da lì abbiamo capito che le basi per farci qualcosa di bello c'erano. Siamo andati all'Heaven Recording Studio di Massagno e lì abbiamo finalizzato il master.

Non è la prima collaborazione che fai con una vocalist, in questo senso hai qualche altro desiderio nel cassetto? Anche irrealizzabile...

Bella domanda! I nomi che mi vengono in mente sono diversi. Fra i papabili direi Dominique Fidanza, ci trovo un'affinità di percorso ed esperienze musicali... Ma se proprio devo sognare direi Madonna ma mi “accontenterei” (ride) anche di Annalisa, ha una voce davvero stupenda.

Domanda di rito, per un dj come te com'è stata la vita in pandemia?

È stata dura, all'inizio ho approfittato del fermo per ricaricare le pile, poi però è arrivata la nostalgia e ti rendi conto che le tue abitudini sono davvero sballate. Fortunatamente almeno le terrazze sono riaperte, per iniziare è un compromesso accettabile e che ci permette di vedere la luce in fondo al tunnel.

Sostieni anche tu la Vallemaggia e la Mesolcina.
Entra nel canale WhatsApp di Ticinonline.
NOTIZIE PIÙ LETTE