Foto: Davide Saporiti
+ 16
ULTIME NOTIZIE Motori
TEST DRIVE
1 gior
Supra, nuova vita per la sportiva “top” Toyota
Dopo lunga attesa torna in vita la tradizionale coupé sportiva di punta della marca giapponese: forte del sei cilindri da 340 cv, spicca per la guida guizzante, incisiva e rapidissima.
PRIME IMPRESSIONI
4 gior
Morde la strada, aggredisce la pista: BMW M8 Competition
La grande coupé bavarese sfrutta tutta la tecnologia della divisione M per offrire un potenziale dinamico capace di renderla davvero rapida ed incisiva. Ma sempre piacevolmente “trattabile”.
TEST DRIVE
6 gior
Kia Sorento, regina di viaggio e di relax
La coreana al vertice della gamma Suv premia i passeggeri con una marcia fluida, versatile e conviviale, all’insegna dell’equilibrio e del comfort. Spazio ed abitabilità in rilievo.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Turismo di gran carriera per la McLaren GT
Pensata per l’impiego quotidiano e sulle lunghe percorrenze, l’inedita sportiva inglese vanta un look più affusolato con molto più spazio per il bagaglio. Senza rinunciare alla sua anima corsaiola.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
BMW M8 Competition Cabriolet, “pedigree” sportivo anche a cielo aperto
La meccanica di punta della divisione M Sport sprigiona grinta e dinamismo di vertice anche con carrozzeria convertibile: per un raro mix di esuberanza, sportività e coinvolgimento.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Focus Active Wagon, la giardinetta veste “offroad”
L’allestimento crossover conferisce più relax e versatilità, grazie all’assetto rialzato e ai programmi aggiuntivi per la gestione della motricità. Vivace ed autorevole il 2.0 turbodiesel.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Taycan, velocità e curve nel cuore anche con anima elettrica
La berlina “zero emissioni” a quattro posti offre prestazioni entusiasmanti e un carattere dinamico cristallino. Accompagnando la notevole esuberanza con un’autonomia di tutto rispetto.
PRIME IMPRESSIONI
2 sett
Gran Coupé, Serie 8 a metà tra berlina e sport
Strettamente derivata dalla sportiva di lusso, l’inedita variante a quattro porte garantisce tanto più spazio e versatilità con la promessa di conservare lo stesso, pregevolissimo dinamismo.
Novità
2 sett
Koenigsegg Regera, nuovo record di accelerazione… e frenata
La hypercar svedese da oltre 1500 cv abbassa ulteriormente il proprio record nella prova combinata di accelerazione fino alla velocità massima e successivo arresto. In condizioni non ottimali…
TEST DRIVE
3 sett
“Pieno” di corrente e di sostanza per la Optima Sportswagon PHEV
La grande wagon ibrida ricaricabile, ulteriormente affinata, convince per autonomia e rendimento offrendo buone prestazioni ed un’accoglienza di qualità. Leggermente sottotono il vano di carico.
PRIME IMPRESSIONI
3 sett
Nuova linfa per la Renault Zoe
Con la robusta iniezione di contenuti, specie sul piano tecnico e tecnologico, la compatta elettrica approda alla terza generazione col vento in poppa. Anche grazie all’autonomia estesa a 395 km.
TEST DRIVE
3 sett
Sportività a tutto tondo per la Cupra Ateca
Motore potente ma elastico e assetto “camaleonte” contribuiscono alle doti di adattabilità del Suv spagnolo, dal vivace carattere sportivo: adatto alla guida ispirata come al traffico quotidiano.
Novità
4 sett
Ford Puma, adesso è un seducente crossover
Lo stesso nome della piccola coupé di fine anni ’90 ora distingue il compatto Suv a due ruote motrici su base Fiesta: in rilievo spazio, tecnologie di bordo e motorizzazioni 1.0 microibride.
Novità
1 mese
ID.3, l’auto elettrica del popolo secondo Volkswagen
È pronto il primo dei nuovi modelli con propulsione a corrente: due volumi compatti con linee semplici ma scolpite, potenza elevata con autonomia rilevante ed interni funzionali e “digitali”.
Novità
1 mese
Stesso look, contenuti superiori: arriva la Renault Captur II
La seconda generazione del popolare crossover conserva il design familiare con dimensioni, abitabilità e finiture accresciute. Motori da 95 a 155 cv dal debutto; più avanti la ibrida plug-in.
JAGUAR F-TYPE PROJECT 7
21.11.2016 - 07:530

La Project 7 ha un conto in sospeso

È la F-Type più veloce, potente ed esclusiva mai realizzata. Per renderle giustizia, l’abbiamo guidata sulle strade della Mille Miglia.

Sono sempre stato dell’idea che ogni automobile abbia un posto ideale in cui essere guidata. Che, per intenderci, non dev’essere per forza una bella strada. Una Smart, per esempio, nel centro di Berlino va benissimo. Però ci sono momenti che non sono resi unici solo dal fatto che guidi l’auto giusta nel posto giusto, ma anche dalla consapevolezza che probabilmente quel giorno sarà il primo e l’ultimo della tua vita in cui avrai a che fare con questa creatura piuttosto speciale, che sul volante ha impresso un giaguaro ed è stata prodotta in appena 250 esemplari. Realizzati a mano. Da una divisione speciale di Jaguar-Land Rover, chiamata SVO (Special Vehicles Operations), la quale realizza i modelli più esclusivi, sportivi e fuori di testa che possiate comprare con i rispettivi marchi. E posteggiata all’ombra dei borghi più pittoreschi del centro Italia o immortalata tra le dolci colline toscane ornate dagli immancabili cipressi sembra portarti indietro nel tempo.

Questo perché la Jaguar Project 7 è nata nel sessantesimo anniversario della D-Type, la quale è stata capace di conquistare per tre volte la vittoria alla 24 ore di Le Mans, e da cui trae innumerevoli spunti stilistici e concettuali. La carenatura alle spalle del conducente, le decalcomanie bianche a cui manca sol di applicare il numero di partenza, la carrozzeria verniciata in British Racing Green e il fatto che per raggiungere la velocità massima bisogna viaggiare in configurazione “barchetta”: oltre le 120 miglia orarie (poco meno di 200 km/h) la copertura in tela artigianale dedicata - da montare e smontare rigorosamente manualmente con un’operazione piuttosto laboriosa - si strapperebbe. E poi perché queste sono le strade della Mille Miglia. Cosa c’entra la Mille Miglia con Le Mans? Più tardi ve lo spieghiamo…

Da un punto di vista tecnico la Project 7 non è molto dissimile da una F-Type R Convertible a due ruote motrici. Solo che modifiche minime, ma sensibili, sono state capaci a mutarne il carattere. Quanto basta per farti sentire un po’ più in soggezione e alla guida di una “fuoriserie”. Avevo paura che fosse diventata qualcosa di utilizzabile solo tra i cordoli (come optional vi sono pneumatici da Track Day e cinture a quattro punti) ma resta gustosissima anche su strada. Certo l’assetto è maggiormente frenato di idraulica ma non cerca di sottomettere la strada, e la cosa più bella è che preserva quel comportamento naturale tipico della F-Type che ti porta a pennellare le curve con l’acceleratore anziché con lo sterzo. Così giochi a trovare il giusto equilibrio, che nel caso della Porject 7 si presenta in tutta la sua godibilità quando selezioni un rapporto superiore a quello che i tuoi bollenti spiriti suggerirebbero. Tra i 2’000 e i 4’500 giri si tiene infatti un passo disteso accompagnato da una superba colonna sonora gorgogliante, in cui l’elettronica parzialmente disinserita permette sempre e comunque qualche sovrasterzo. E quando il ritmo diventa incalzante, esplorando la zona alta del contagiri, il suo carattere muta: tende i muscoli e si lancia come fosse all’inseguimento di una preda, impedendo a chiunque di fermare il suo passo. E anche qui, sebbene possa mettere soggezione ai neofiti, la sua messa a punto così elastica da permettere sempre di adattarsi bene alla strada sui cui poggia, fottendovene di dossi, compressioni o qualunque altra cosa. Tempo di fermarsi e bere un caffé.

Posteggiata dall’altro lato della strada, con il calore che fuoriesce da tutti i pori, la Project7 sembra quasi guidare vendetta. E forse lo stava anche facendo. Perché a volte il corso della storia sembra essere proprio ingiusto. Può infatti succedere che la più bella automobile da corsa della storia dell’Inghilterra riesca a vincere per tre anni consecutivi la 24 ore di Le Mans nonostante l’insidiosa concorrenza, ma poi non riesca a tagliare il traguardo della corsa più bella del mondo: la Mille Miglia. Ma anche se non è riuscita a conquistarsi un posto nella storia una sessantina di anni fa alla Mille Miglia, oggi è riuscita, sulle stesse strade, a lasciare una traccia sull’asfalto, nel nostro spirito e nei ricordi di chiunque l’abbia incontrata. E se vi state chiedendo cosa significa il numero sette, sappiate che sono le vittoria che Jaguar ha festeggiato alla 24 ore di Le Mans. Chiudo.

 

SCHEDA TECNICA

Modello, versione Jaguar F-Type Project 7
Motore 8 cilindri a V, 5 litri, benzina, compressore volumetrico, 575 cv, 680 Nm
Trasmissione Cambio automatico a 8 rapporti, trazione posteriore
Massa a vuoto 1'585 kg
Accelerazione 0-100 km/h 3,9 secondi
Velocità massima 300 km /h (limitata elettronicamente)
Consumo medio n.d.
Prezzo n.d.
Guarda tutte le 20 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-23 05:51:43 | 91.208.130.89