Keystone
UNIONE EUROPEA
03.01.2021 - 18:130

«L'Ue sia la prima potenza democratica e multinazionale»

È l'appello di alcuni esponenti di spicco del mondo culturale e politico ai capi di Stato e di governo europei

BRUXELLES - Cogliere senza esitazioni e senza passi falsi la «finestra di opportunità» apertasi con le risposte date dall'Ue alla crisi del Covid «per fare dell'Unione la prima potenza democratica, multinazionale e multilingue». È questo, in sintesi, l'appello rivolto all'inizio del nuovo anno ai capi di Stato e di governo Ue, ma anche ai cittadini dei 27 Paesi membri, da una trentina di esponenti di spicco del mondo culturale e politico come lo scrittore Roberto Saviano, il filosofo Massimo Cacciari, l'ex leader dei Verdi europei Daniel Cohn-Bendit, l'ex primo ministro spagnolo Felipe Gonzales, il registra Costa-Gavras e l'ex premier rumeno Petre Roman.

L'iniziativa è stata lanciata dai copresidenti dell'associazione non profit 'Civico Europa', Guillaume Klossa e Francesca Ratti, già promotori nel 2016 dell''appello del 9 maggio per una rinascita europea. Nel documento si evidenzia come la pandemia e la crisi che ne è seguita abbiano sottolineato «l'importanza dell'Europa in un nuovo mondo multipolare» e «l'unicità del modello economico e sociale».

In questo contesto «l'Unione ha scelto di fare un grande passo in avanti, capendo quanto "l'ognun per sé" sia controproducente» e imparando «a rafforzare la sua resilienza e a proteggere meglio i suoi cittadini». Ma le iniziative e i piani messi a punto avranno senso solo se serviranno «gli interessi duraturi dei cittadini dell'Unione» e si inseriranno «in una prospettiva di rinascita del progetto europeo».
 
 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 22:56:14 | 91.208.130.87