keystone-sda.ch / STF (Evan Vucci)
STATI UNITI
18.03.2020 - 07:530

Biden è ormai (praticamente) l'avversario di Trump

Ennesimo trionfo in un Super Tuesday per l'ex-vice di Obama che ormai va a vele spiegate

NEW YORK - Florida, Illinois e Arizona: Nell'ennesimo Super Tuesday delle primarie democratiche americane Joe Biden fa tris e supera ancora una volta il rivale democratico Bernie Sanders.

Si fosse votato anche in Ohio (ma il voto è stato rinviato per l'emergenza coronavirus) sarebbe stato un trionfo completo per l'ex vicepresidente americano che - salvo clamorose sorprese - ha ormai vanificato qualunque chance di rimonta dell'avversario, con 18 stati conquistati e almeno 1'400 delegati agguantati sui 1'991 necessari per la nomination.

Donald Trump, se ce n'era bisogno, adesso sa che nelle urne il 3 novembre prossimo sfiderà quello contro cui ha combattuto in questi anni: l'eredità di Barack Obama che in tutti i modi ha tentato di far dimenticare.

Il tycoon, vincendo anch'egli nelle primarie senza rivali in Florida e Illinois, si è assicurato un numero di delegati ormai sufficiente per conquistare la nomination repubblicana. Verrà incoronato nella convention di Charlotte a fine agosto, ma l'emergenza del presente, quella dell'incubo coronavirus, rende il futuro più che mai incerto.

 

«Il mio obiettivo è quello di unire il partito democratico e di unite il nostro Paese in questo momento difficile e per battere insieme Trump», ha affermato l'ex vicepresidente americano: «Quello che serve ora è la speranza contro la paura, l'unità contro le divisioni, la verità contro le menzogne e la scienza contro la finzione». Saranno le prossime ore a dire se Sanders raccoglierà l'invito.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-05 14:40:29 | 91.208.130.86