Keystone
STATI UNITI
10.02.2019 - 21:050
Aggiornamento : 21:56

«Trump? Nel 2020 potrebbe anche essere in prigione»

La senatrice Elizabeth Warren affila le armi per la corsa alla Casa Bianca

WASHINGTON - «Entro il 2020, Donald Trump potrebbe non essere più presidente. Anzi, potrebbe non essere una persona libera»: lo ha detto nello Iowa la senatrice dem Elizabeth Warren, che ieri ha annunciato la sua candidatura per la Casa Bianca.

La senatrice non ha spiegato le sue parole ma è sembrato evidente il riferimento alle varie inchieste che pendono sulla presidenza Trump, dal Russiagate a quelle della procura di New York sino alle indagini parlamentari.

La Warren è intervenuta dopo che Trump l'aveva provocata su Twitter sulla sua origine nativa americana, invitando a non consentire al presidente di dettare la direzione della campagna con attacchi divisivi: «Ogni giorno c'è un tweet razzista, un tweet d'odio, qualcosa che è veramente cupo e sgradevole. Cosa faremo noi come candidati, come attivisti, come stampa? Li inseguiremo ogni giorno?».

Commenti
 
Monello 6 mesi fa su tio
Illusa !
Zico 6 mesi fa su tio
magari va atener compagnia a Northam e Fairfax rispettivamente governatore e vice governatore della Virginia! ah, quasi dimenticavo questi sono democratici i grandi fustigatori di Trump e grandi difensori dei diritti umani...
marcopolo13 6 mesi fa su tio
Sarebbe bello!
pulp 6 mesi fa su tio
In Europa, abbiamo purtroppo il vizio di giudicare un presidente americano, solo per una "metà" - quella che riguarda le esternazioni (di politica estera o economia) che ci riguardano. Poco invece sappiamo o meglio, approfondiamo, in merito alle politiche interne tutte made in USA. Trump (che ritengo essere il presidente più scriteriato della storia) stà facendo tutta una serie di politiche che vanno bene a quella parte di america "profonda" - quella che se ne frega di quello che avviene al di fuori dei propri confini e che fa i conti solo sulla base del loro tornaconto. E' quindi comprensibile il suo "successo" - un po' meno lo è se guardassimo alle logiche economiche in un'ottica di medio - lungo termine. In tutto questo, gli avversari politici stanno sbagliando (un po' come fanno anche in Europa) dove c'è ad esempio un evidente problema di immigrazione ma lo si diniega (da parte della sinistra) portando così il popolo all'esasperazione ed alla sferzata populista. Quando i conservatori, troveranno una persona capace di guardare alla politica interna senza dogmi rossi e con un occhio di riguardo alla base della gente, allora anche Trump sarà pensionato.
Meno 6 mesi fa su tio
@pulp Se hai netflix ti consiglio di guardare il documentario "Get me Roger Stone" che parla del regista della campagna di Trump, lo stesso che in passato ha seguito Nixon e poi Reagan.
limortaccituoi 6 mesi fa su tio
@pulp Sono d'accordo con quanto dici. Però è curioso che negli stati dove vi sia meno immigrazione si vota sempre più a destra e dove invece l'immigrazione è realmente forte, si voti verso sinistra. E questo vale anche per l'europa...
pulp 6 mesi fa su tio
@limortaccituoi Non conosco la situazione degli USA (dei singoli stati) e oltretutto possiamo certo parlare di un'immigrazione ben diversa da quella europea. In ogni caso in Europa non mi sembra che quanto affermi sia corretto. In Italia ad esempio, la virata a destra (con la Lega) è figlia di un immigrazione sconsiderata che oltretutto l'unione europea scarica. Anche in Spagna, sebbene l'attuale ministro (ma solo da qualche mese) è socialista, non v'è molta chiarezza e fino a giugno 2018, il premier Mariano Rajoy non era di sinistra. In Francia più o meno stessa cosa.... Macron non è di sinistra o meglio è stato eletto grazie ai centristi più come alternativa alla Le Pen (che comunque da un decennio a questa parte è in costante crescita) che per le sue idee politiche ed il suo "nuovo" partito.
limortaccituoi 6 mesi fa su tio
@pulp Parlavo principalmente di città, dove si concentra l'immigrazione. New-York, Los Angeles, Londra, Parigi, Milano ma anche le nostre Berna, Zurigo, Ginevra sono tutte amministrate da giunte di sinistra. Mentre nelle zone rurali vince la destra. Non voglio dimostrare niente né portare acqua al mio mulino...però è curioso come dato..
pulp 6 mesi fa su tio
@pulp Potrei dire che l'unico paese di sinistra con forti afflussi di profughi è la Grecia (con il partito SYRIZA di Tsipras) ma il tema immigrazione in Grecia non è stato e non è anche oggi tra le prime priorità di un governo che deve fare fronte ad una situazione finanziaria devastata - senza contare che la Grecia, a differenza di Italia o Francia non è un luogo di "arrivo" per gli immigrati ma "solo" di transito... per cui crea meno problemi.... arrivano e poi vanno....
pulp 6 mesi fa su tio
@limortaccituoi Non è così strano.... in una città, molte cose vengono date per scontate. Londra è ad esempio multiculturale e questo non genera particolari problemi - e anche quelli di ordine pubblico, sono talmente all'ordine del giorno che si diventa asuefatti. In campagna le cose cambiano radicalmente... c'è meno flessibilità al cambiamento e di conseguenza anche minor tolleranza. Questo però non sminuisce in se la problematica... se esiste.... difatti a Milano recentemente ci sono stati episodi da far west con certi "immigrati".... e la cosa non credo sia ben tollerata dai milanesi.....seppur sono più "abituati".
Monello 6 mesi fa su tio
@limortaccituoi ...ehehe!!! a buon intenditore poche parole .
pulp 6 mesi fa su tio
@Meno Non ho Netflix.... se sei così gentile da farmi un sunto.... beh ti ringrazio :-)
Meno 6 mesi fa su tio
@pulp Onestamente per un sunto appropriato mi prenderebbe troppo tempo. Forse esiste anche in streaming. Racconta di questo Roger Stone che è un lobbista che è un guru della politica USA da sempre vicino al partito repubblicano. Racconta come in Trump ha trovato la persona perfetta per la messa in atto di un suo progetto politico.
pulp 6 mesi fa su tio
@Meno Beh non faccio fatica a crederlo. Se al popolo devi "dare" quello che cerca, partendo dalle sue priorità, il popolo americano è facilmente addomesticabile.... Devi dargli un presidente con una storia di successo (nel caso di Trump, imprenditoriale) una persona con un certo carisma, e soprattutto che DICA (non necessariamente faccia) quello che si vuol sentir dire.... E' in pratica il frutto di una società molto superficiale alla quale interessa il proprio orto punto e basta. Ecco quindi che scelte di politica economica, che vanno a scapito del clima globale passano senza troppi problemi, così come provvedimenti economici "America First" vengono visti come buoni per gli States, senza troppe riflessioni di come saranno poi i risultati di queste politiche fra 5 o 10 anni.
lo spiaggiato 6 mesi fa su tio
Basterebbe che Putin dicesse : "Ammetto che Trump l’abbiamo messo al potere noi, ma non sta andando come previsto. Mueller puo’ andare in pensione: in questa pennetta di memoria ci sono tutte le prove necessarie per annullare la sua permanenza alla presidenza. Donny [Trump] il tuo passaporto russo comunque e’ pronto alla nostra ambasciata e anche un monolocale per te a Rostov, proprio accanto a quello che fu del presidente Yanukovich, quello fatto fuori dal tuo predecessore Obama”
MIM 6 mesi fa su tio
eh eh eh ora ci provano con l'aggressività: da Obama pacifico, e nobel per la pace (dimentichiamoci le guerre che ha portato avanti) a un'aggressiva che giura vendetta ah ah ah Dimostrazione che non hanno candidati pronti a competere con la popolarità di Trump. Potete piangere in cinese, o tionese, ma Trump vola sempre più in alto nei sondaggi.
sedelin 6 mesi fa su tio
è confortante sapere che ci sono persone coraggiose che hanno a cuore i diritti umani. mi auguro che lei, o la pelosi o altri come loro possano finalmente dare una svolta all'era trump, la più catastrofica della storia americana.
seo56 6 mesi fa su tio
@sedelin Hahaha!!! Per fortuna che ci sei tu che con le tue battute rallegri la settimana
Moga 6 mesi fa su tio
@sedelin Trump sta cercando di mettere una pezza alla situazione catastrofica che hanno lasciato i suoi predecessori. Purtroppo è arrivato tardi.
Zico 6 mesi fa su tio
@sedelin come il governatore ed il vice governatore della Virginia Northam e Fairfax! veri democratici e grandi difensori dei diritti umani: i loro diritti alla pedofilia!! bravi!!
seo56 6 mesi fa su tio
Mentecatta!
Calotta Polare 6 mesi fa su tio
@seo56 Interessante commento politico, il tuo.
seo56 6 mesi fa su tio
@Calotta Polare Una Senatrice che si permette di parlare così di un Presidente in carica non può essere che una mentecatta (se fosse in Russia sarebbe in galera a pane e acqua)...
sedelin 6 mesi fa su tio
@Calotta Polare fa parte dello "stile" :-)
seo56 6 mesi fa su tio
@sedelin E me ne vanto!!
limortaccituoi 6 mesi fa su tio
@seo56 Ah la Russia, che fantastico paese. Il Cremlino, la vodka, l'autoritarismo...
TI.CH 6 mesi fa su tio
@seo56 Così avrebbero risolto velocemente il problema che da fastidio, ma dove è finita la libertà di espressione ? Anche se a volte si picchia proprio forte. Certe cose bisogna anche avere il coraggio di dirle anche se sono veramente all'estremo. Questo è il sistema liberale americano.
Thor61 6 mesi fa su tio
@limortaccituoi Gli stessi che una volta finanziavano i rossi europei, giusto per chiarire!!! Poi chissà come mai hanno smesso di farlo!
limortaccituoi 6 mesi fa su tio
@Thor61 Quando lo facevano io manco ero nato...quindi non parlo di un passato lontano. Riguardo al presente, che posizione hai sull'autoritarismo di Putin? Sulla sparizione di giornalisti contro il governo? Del fatto che Putin oggi sia uno degli uomini più ricchi della russia?
Thor61 6 mesi fa su tio
@limortaccituoi Se hai meno di 15 anni hai ragione, in caso contrario direi di no. Putin si occupa della sua nazione, noi possiamo dire lo stesso? Se vedo i temi del nostro CF direi di NO. Ha mai visto un politico di alto livello povero??? Suvvia siamo seri!!!
limortaccituoi 6 mesi fa su tio
@Thor61 Io sapevo che il muro di Berlino è caduto nel 1989, non nel 2003. Inoltre se preferiresti vivere con un governo (e un paese) come la Russia piuttosto che nella Svizzera...amico mio...forse dovresti rivedere le tue priorità. E riguardo alla ricchezza, si parla di circa 40 miliardi. Tutti da quando è diventato presidente. Tutto beneeeeee
Thor61 6 mesi fa su tio
@limortaccituoi Si parla di Putin, NON di dove e come voglio vivere, non sono un suo amico e mi da molto fastidio leggere FALSITÀ spacciate per verità, poi se per la sua IDEOLOGIA è ammesso sparar porcate o falsità è solo affar suo! La verità è altra cosa!
limortaccituoi 6 mesi fa su tio
@Thor61 Hai detto tu che Putin pensa al suo paese al contrario del nostro CF...per me è una vaccata solo porsi la questione. E per quanto riguarda la verità proverei a mollare per un secondo il mouse da RussiaToday e prendere in mano il libro di Anna Politkovskaja e studiarmi la sua storia.
pulp 6 mesi fa su tio
@limortaccituoi Secondo me (ma prendila così....in modo leggero....diciamo) il problema non è tanto la bontà di Putin o di Trump o di chicchssia. La verità è che certe figure politiche, riescono molto bene a far passare certi messaggi, senza per questo essere effettivamente integre in tutto quanto fanno e dispongono. Nel caso di Putin, è evidente che si tratta di un vero Leader. Molto intelligente e capace di prendere posizioni, su più temi, senza per questo dover scendere a compromessi con chicchessia. Questo suo modo autoritario (che ovviamente ha anche l'altro lato della medaglia) viene visto in modo positivo, laddove la percezione dei governanti è di gente debole e incline a sottostare ai dictat altrui. Un po' come il "supporto" di cui gode il bullo a scuola.... non è un esempio positivo, ma la sua "forza" gli porta comunque una stima.... in particolare da chi lo vede come un modello che non è. Trump nel suo è il bulletto d'America. Guardare alla politica come ad una cosa complicata, discutere del compromesso, cercare soluzioni e valutare gli impatti delle proprie scelte è difficile... soprattutto se fra chi ti deve eleggere manca totalmente questa volontà.
limortaccituoi 6 mesi fa su tio
@pulp Su questo commento mi trovo totalmente d'accordo. Putin è un genio, e questo è innegabile. Il rischio (e la storia insegna) è che quando una singola persona detiene tutto il potere, questa possa fare scelte scellerate senza che vi sia un opposizione ad impedirglielo.
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-18 01:44:36 | 91.208.130.87