EUROPA
29.08.2011 - 11:500
Aggiornamento : 30.08.2018 - 09:06

Eurocrisi? un complotto USA, secondo la Francia

Una campagna denigratoria dell’America per distogliere l'attenzione dal proprio debito, dice la presidente degli imprenditori francesi

PARIGI - La presidente dell'organizzazione padronale francese MEDEF (Mouvement des Entreprises de France) Laurence Parisot ha denunciato il ruolo degli Usa nella crisi del debito in Europa, dicendo che una campagna denigratoria è stata "orchestrata" dall’America per distogliere l'attenzione dei mercati internazionali dal proprio problema di debito.

"La situazione è diventata critica quando la Cina ha cominciato a bacchettare gli Stati Uniti sul loro debito. Gli americani probabilmente hanno voluto rendere la pariglia all'Europa", ha dichiarato la presidente della potente associazione padronale che riunisce ben 700 000 aziende, il 90% piccole e medie.

Guerra psicologica - "C'è stata una sorta di guerra psicologica e un tentativo di destabilizzare l'area dell'euro," ha aggiunto al Figaro Laurence Parisot, tra le donne più ricche di Francia ed erede di un colosso che produce mobili,  parlando di una "orchestrazione" voluta oltreoceano sulle difficoltà in Europa. "Le nostre banche sono tra i più forti del mondo, ma i media statunitensi ne hanno annunciato la fine e anche la fine della zona euro. Siamo andati dagli attacchi sulla Spagna in attacchi contro l'Italia , poi in Francia, fino alle voci di degrado della Germania la settimana scorsa ", ha concluso "Considerando il monopolio americano sulle analisi finanziarie ampiamente lette da parte degli investitori e degli analisti e che queste fanno titoli drammatici, sorgono inquietanti interrogativi”.

 


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-08 20:34:27 | 91.208.130.85