KEYSTONE
Audizione alla Camera per gli amministratori delegati di Apple, Amazon, Google e Facebook.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
REGNO UNITO
19 min
Le fa la proposta... bruciando casa
Un uomo di Sheffield ha esagerato con le candele per realizzare una proposta di matrimonio
FOTO E VIDEO
LIBANO
1 ora
Beirut, il giorno dopo: «Vivi per miracolo»
Fonti della Difesa Usa smentiscono Trump e affermano che al momento non ci sono elementi per parlare di attentato
GIAPPONE
2 ore
L'oro sale sempre più su
In un anno le quotazioni sono salite del 33%
STATI UNITI
2 ore
Istanza di bancarotta per Virgin Atlantic negli Usa
La società aveva ricevuto il mese scorso 1,5 miliardi di dollari di aiuti per mantenere la solvibilità
ITALIA
2 ore
Arrestato in Sicilia il figlio di Tano Badalamenti
È stato il Brasile a emettere un mandato di cattura internazionale. Lì Leonardo Badalamenti è Carlos Massetti
STATI UNITI
2 ore
Neil Young fa causa a Trump: «Hai usato illegalmente le mie canzoni»
Durante il comizio di Tulsa sono state trasmesse Rockin' in the Free World e Devil's Sidewalk.
MONDO
3 ore
Il virus ha ucciso più di 700'000 persone
Il triste bilancio è riportato sul sito dell'Università americana Johns Hopkins. I contagi sono quasi 18,5 milioni.
FOTO
LIBANO
3 ore
Esplosione a Beirut: oltre 100 morti. «Abbandonate la città»
A causare il disastro sarebbe stato un incendio in un deposito dove erano stipate 2'750 tonnellate di nitrato di ammonio
CINA
4 ore
Un vaccino per riconquistare la fiducia
La Cina punta a un ruolo di primo piano nella lotta globale al coronavirus. La strada però non è tutta in discesa
ITALIA
4 ore
Dalla caserma Levante all’omicidio Cucchi: le forze dell’ordine alla sbarra
La vicenda dei Carabinieri di Piacenza porta alla ribalta i problemi del sistema italiano con un passato oscuro
STATI UNITI
29.07.2020 - 20:100

Big Tech sotto accusa: «Troppo potenti»

Gli amministratori delegati di Apple, Amazon, Google e Facebook sono stati ascoltati dalla Commissione antitrust

Fonte Ugo Caltagirone (ANSA)
elaborata da Fabio Caironi
Giornalista

WASHINGTON - Sono i quattro uomini più potenti di quella Silcon Valley e di quella West Coast americana avanguardia mondiale della tecnologia. Ma quando sei davanti al Congresso non si fanno sconti, non importa se ti chiami Mark Zuckerberg, Jeff Bezos, Tim Cook o Sundar Pichai.

Così i guru delle 'big four' dell'hi tech sono finiti sotto torchio, costretti a difendersi dalle accuse di pratiche anticompetitive dopo 13 mesi d'indagini condotte sul modo di fare business di Facebook, Amazon, Apple e Google.

«Queste aziende sono diventate troppo potenti, ancora di più con la pandemia, bisogna fare qualcosa», l'atto di accusa che si leva dall'aula della commissione antitrust della Camera dove i quattro protagonisti vengono definiti «titani, imperatori dell'economia online».

A Capitol Hill qualcuno l'ha definito l'evento dell'anno, seppur virtuale. Un'audizione trasformatasi presto in un processo a 360 gradi, condizionato anche dalle minacce sparate da Donald Trump a qualche ora dall'inizio dello show: «Se il Congresso non riesce a portare correttezza e onestà nelle Big Tech, cosa che avrebbe dovuto fare anni fa, lo farò io con dei decreti", il monito lanciato su Twitter, il grande assente. "A Washington tutti parlano ma nessuna azione è stata intrapresa per anni, e la gente di questo Paese è stanca di ciò», ha aggiunto il presidente americano.

Del resto è noto l'astio (e forse l'invidia) di Trump verso Jeff Bezos, l'uomo più ricco della Terra e proprietario oltre che di Amazon anche dell'odiato Washington Post. Senza contare lo scontro aperto in atto tra il tycoon e i social media che oramai sempre più spesso lo correggono o lo censurano per contenuti ritenuti fonte di disinformazione se non d'istigazione alla violenza o all'odio. E poi i rapporti con la Cina, con Apple ad esempio che assembla gran parte dei suoi prodotti nel Paese asiatico.

«Credo sia giusto che Amazon venga messa sotto esame. Dovremmo farlo con tutte le grandi istituzioni, siano queste aziende, agenzie governative e organizzazioni no profit», ha ammesso con toni concilianti Bezos, il più emozionato dei quattro perché al suo debutto assoluto davanti al Congresso. Bezos ha quindi sottolineato come «non sia una coincidenza che Amazon sia nata negli Usa. Più che ogni altro posto sulla Terra, le aziende possono iniziare, crescere e prosperare negli Stati Uniti». E poi la sua creatura, si è difeso, si trova oramai ad affrontare ogni giorno una concorrenza crescente.

Anche Zuckerberg, sulla difensiva, ha provato a fare leva sul patriottismo: «Facebook è un'azienda americana, orgogliosa di esserlo. Crediamo nella democrazia, nella libertà d'espressione, nella concorrenza e dell'inclusione sui quali si fonda l'economia Usa», ha affermato, sottolineando come «la Cina sta costruendo la sua versione di Internet su valori diversi e tenta di esportare questa visione in altri Paesi».

Ma l'elenco delle 'lamentele' verso Big Tech è lungo e variegato. Quella mossa a tutte e quattro, che complessivamente hanno un valore di mercato di quasi 5.000 miliardi di dollari, riguarda la l'abuso di posizione dominante e l'uso della forza per soffocare i rivali più piccoli. Questo vale soprattutto per Bezos, mentre Cook deve invece difendere Cupertino dall'accusa di usare il pugno duro sull'App Store per bloccare i rivali e costringere le app a pagare elevate commissioni. Zuckerberg e Pichai, infine, sono soprattutto nel mirino dei repubblicani che ritengono le loro piattaforme troppo faziose contro i conservatori, e sono criticate dai democratici che le accusano di non fare abbastanza per contenere i discorsi di incitamento all'odio.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-05 10:45:57 | 91.208.130.85