keystone-sda.ch / STF (Bernat Armangue)
AFGHANISTAN
21.09.2021 - 14:180

Nel nuovo governo afghano non c'è l'ombra di una donna

Non sono state mantenute le promesse alla vigilia della presa del potere: «Potremmo aggiungerle in un secondo momento»

KABUL - Non c'è traccia femminile né fra i ministri, né fra i viceministri, né fra i funzionari nella lista del governo afghano, presentato dai talebani.

La novità, riportata da Sky News, conferma come le iniziali parole che ventilavano una possibile apertura alle donne - ormai verosimilmente data per chetare la preoccupazione internazionale alla vigilia della presa del potere - non fossero altro che tali.

Il portavoce del governo, Zabihullah Mujahid, interrogato durante la conferenza stampa ha argomentato sostenendo che l'attuale lista «dà spazio a diverse minoranze etniche e religiose» mentre «le donne potranno essere aggiunte in un secondo momento». Durante l'ultimo governo talebano, le donne erano escluse dall'istruzione, dal lavoro e dalla vita pubblica.

E se i bambini fino ai 12 anni hanno potuto fare ritorno a scuola da questo sabato, ancora non si sa cosa dovranno fare le bambine, ancora a casa: «Un annuncio verrà dato presto, a tempo debito», ha confermato Mujahid.

Tassello dopo tassello, libertà cancellata dopo libertà cancellata, la condizione femminile in Afghanistan si fa sempre più preoccupante. Dal divieto di fare sport, passando per l'obbligo di velo e classi separate all'universita, fino al licenziamento delle statali. Ma si parla anche di carenze di diritti basilari, come il partorire senza perdere la vita.

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-26 05:23:33 | 91.208.130.85