keystone
Le risorse saranno reperite tagliando fondi ad alcune cliniche affiliate all'organizzazione Planned Parenthood
STATI UNITI
30.03.2019 - 08:260
Aggiornamento : 17:26

Trump taglia i fondi alle cliniche per l'aborto

Il Presidente americano ha annunciato che destinerà i fondi a un gruppo pro-life

WASHINGTON - Tempi duri per la difesa del diritto all'aborto nell'America di Donald Trump. L'ultimo campanello d'allarme è la decisione dell'amministrazione di finanziare con 1,7 milioni di dollari una grande società che gestisce una catena di cliniche "pro-life".

Cliniche che si oppongono alla pratica dell'interruzione della gravidanza e che sono contrarie anche all'offerta di metodi anticoncezionali. Ma a preoccupare di più le associazioni che si battono per i diritti delle donne è che le risorse saranno reperite tagliando i fondi ad altre cliniche, quelle affiliate all'organizzazione Planned Parenthood che lavora a difesa della legislazione abortista.

Ad esultare sono soprattutto molti gruppi conservatori, cattolici ed evangelici che costituiscono larga parte dello zoccolo duro dell'elettorato di Trump e su cui il presidente americano conta per la rielezione nel 2020. Puntando su uomini come il vicepresidente Mike Pence o il segretario di Stato Mike Pompeo, entrambi di fede evangelico-cristiana.

Proprio Pompeo nei giorni scorsi ha rispolverato la cosiddetta "Mexico City policy", la dottrina elaborata nel 1984 da Ronald Reagan che vieta gli aiuti federali a organizzazioni non governative che promuovono l'aborto e forniscono consulenze e servizi per l'interruzione della gravidanza. Questo nonostante dal 1973 l'aborto negli Stati Uniti sia legale come stabilito dalla storica sentenza della Corte suprema "Roe v. Wade".

Sotto la presidenza di Barack Obama, così come con l'amministrazione Clinton, la politica di reaganiana memoria era stata accantonata. Ma ora Pompeo ha annunciato che ritirerà tutti i fondi federali alle organizzazioni non governative che danno soldi a gruppi stranieri che promuovono o praticano l'aborto, anche in molti paesi in via di sviluppo. E d'ora in poi per chi riceve fondi federali sarà vietato sostenere tali organizzazioni o associazioni.

Intanto in diversi Stati degli Usa il diritto all'aborto è sempre più sotto attacco, come non accadeva da anni, soprattutto nel Sud conservatore. La Georgia ha appena approvato una maxi-stretta che di fatto mette fuori legge l'interruzione della gravidanza, vietandola fin dal momento in cui si rileva il primo battito cardiaco del feto, dunque prima ancora che molte donne scoprano di essere incinte. Fino ad ora si poteva abortire entro le prime 20 settimane.

Probabile il ricorso alla Corte Suprema americana, che di recente ha stroncato la stretta varata dallo Stato della Louisiana. Ma il rischio è che la questione dell'aborto torni ad infiammare come in passato la campagna elettorale e a dividere il paese.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-06 20:34:30 | 91.208.130.85