OMS
La Cina ha ufficialmente debellato la malaria.
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
FRANCIA
39 min
Il Green Pass di Macron, diffuso online
...con tanto di nome, cognome, e altre informazioni private
Germania
1 ora
Un amore alla Bonnie e Clyde: poliziotta innamorata del terrorista di Halle
Si scambiavano lettere. La donna scoperta per aver compatito l'attentatore in una conversazione con i colleghi
STATI UNITI
3 ore
«Il mondo è diviso, siamo sull'orlo del baratro»
L'allarme del segretario generale dell'Onu Guterres. E Biden assicura: «Non cerchiamo una nuova Guerra fredda»
NUOVA ZELANDA
3 ore
Lockdown: fermata auto sospetta piena di sacchetti di KFC
All'interno dell'auto sono stati trovati anche 100'000 dollari neozelandesi. I due dovranno comparire in tribunale
ITALIA
4 ore
Etna, una colonna di fumo e cenere alta 9 chilometri
L'esperto avvisa: non è escluso che nei prossimi episodi di attività, non si presenti lo stesso scenario di La Palma
AFGHANISTAN
4 ore
Nel nuovo governo afghano non c'è l'ombra di una donna
Non sono state mantenute le promesse alla vigilia della presa del potere: «Potremmo aggiungerle in un secondo momento»
RUSSIA
7 ore
«Quest'elezione equivale ad insultare i cittadini»
Navalny e i suoi alleati, ma non solo, hanno accusato il partito di Putin di aver «falsificato» il voto
Canada
7 ore
Justin Trudeau è primo ministro, ma senza governo di maggioranza
La popolazione vuole collaborazione tra i partiti e i liberali sono pronti a raccogliere la sfida
UNIONE EUROPEA
7 ore
«Fu la Russia a uccidere Litvinenko»
Lo sostiene la Corte europea per i diritti dell'uomo, ad avvelenare l'ex-KGB con il polonio «agenti dello Stato russo»
Texas
9 ore
Prima causa contro l'aborto illegale: un dottore ha infranto la nuova legge
Il legale ha citato in giudizio il medico perché pensa che la legge dovrebbe essere revisionata
Messico
10 ore
Frustati e caricati con i cavalli, i metodi di repressione migratoria
La portavoce della Casa Bianca: «un'inchiesta verrà aperta». Non è chiaro se ci saranno delle conseguenze per gli agenti
MONDO
13 ore
Cibi a rischio col cambiamento climatico
Iniziano a scarseggiare determinati prodotti alimentari a causa delle problematiche legate al clima.
CINA
30.06.2021 - 06:300

Da 30 milioni di casi l'anno a zero: la Cina è libera dalla malaria

È così arrivata la certificazione da parte dell'Oms

PECHINO - L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha certificato che la Cina è ufficialmente libera dalla malaria, al termine di sforzi durati oltre 70 anni. Basta una cifra per spiegare la portata dell'impresa: negli anni Quaranta del secolo scorso erano 30 milioni i casi ogni anno.

La Cina è il primo paese della regione del Pacifico occidentale a ricevere una certificazione del genere in oltre tre decenni. In precedenza questo status era stato raggiunto da Australia (1981), Singapore (1982) e Brunei (1987). «Oggi ci congratuliamo con il popolo cinese per aver liberato il paese dalla malaria», ha affermato il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus. «Il loro successo è stato duramente guadagnato ed è arrivato solo dopo decenni di azioni mirate e prolungate. Con questo annuncio, la Cina si unisce al numero crescente di paesi che stanno dimostrando al mondo che un futuro senza malaria è un obiettivo praticabile».

Sono 40 i paesi e i territori che hanno ricevuto la certificazione dell'Oms. Quest'anno è toccato alla Cina e a El Salvador, mentre nel 2019 ce l'avevano fatta Algeria e Argentina. «Lo sforzo instancabile della Cina per raggiungere questo importante traguardo dimostra come un forte impegno politico e il rafforzamento dei sistemi sanitari nazionali possano portare all'eliminazione di una malattia che una volta era un grave problema di salute pubblica» ha affermato Takeshi Kasai, direttore dell'Ufficio regionale del Pacifico occidentale dell'Oms. «Il successo della Cina ci avvicina di un passo verso la prospettiva di una regione del Pacifico occidentale libera dalla malaria».

Una lunga battaglia - Le prime politiche anti-malaria in Cina sono state messe in atto a partire dagli anni '50. Le autorità sanitarie cinesi hanno lavorato per individuare e fermare la diffusione della malaria fornendo farmaci antimalarici preventivi per le persone che rischiavano di contrarre la malattia, oltre a cure per coloro che si erano ammalati. Il paese ha anche compiuto un grande sforzo per ridurre i luoghi di riproduzione delle zanzare e ha intensificato l'uso d'insetticidi spray.

Nel 1967, il governo cinese ha lanciato il "Progetto 523", un programma di ricerca nazionale volto a trovare nuovi trattamenti per la malaria. Questo sforzo, che ha coinvolto più di 500 scienziati di 60 istituzioni, ha portato alla scoperta negli anni '70 dell'artemisinina, il composto principale delle terapie combinate a base di artemisinina (ACT), i farmaci antimalarici più efficaci oggi disponibili. «Per molti decenni, la capacità della Cina di pensare fuori dagli schemi ha servito bene il paese nella propria risposta alla malaria e ha anche avuto un significativo effetto a catena a livello globale», ha spiegato il dottor Pedro Alonso, direttore del Programma globale contro la malaria dell'Oms. «Il governo e il suo popolo erano sempre alla ricerca di modi nuovi e innovativi per accelerare il ritmo dei progressi verso l'eliminazione».

Le fondamentali zanzariere - Negli anni '80, la Cina è stata uno dei primi paesi al mondo a testare ampiamente l'uso di zanzariere trattate con insetticida (ITN) per la prevenzione della malaria, ben prima che le reti fossero raccomandate dall'Oms per il controllo della malaria. Nel 1988 erano state distribuite più di 2,4 milioni di reti a livello nazionale. L'uso di tali zanzariere ha portato a sostanziali riduzioni dell'incidenza della malaria nelle aree in cui sono state impiegate.   

Alla fine del 1990, il numero di casi di malaria in Cina era sceso a 117mila e i decessi si erano ridotti del 95%. Con il sostegno del Fondo globale per la lotta all'Aids, alla tubercolosi e alla malaria, a partire dal 2003 la Cina ha accresciuto la formazione del personale e il numero degli effettivi, le attrezzature di laboratorio, i medicinali e il controllo delle zanzare. Questo sforzo ha portato a un'ulteriore riduzione dei casi: entro 10 anni, il numero di casi era sceso a circa 5000 all'anno.

Nel 2020, dopo aver segnalato quattro anni consecutivi di zero casi indigeni, la Cina ha richiesto una certificazione ufficiale dell'Oms per l'eliminazione della malaria. I membri del gruppo indipendente di certificazione per l'eliminazione della malaria si sono recati in Cina lo scorso mese di maggio per verificare lo stato di assenza di malaria del paese e il suo programma per prevenire il ristabilimento della malattia.

OMS
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-21 19:07:06 | 91.208.130.87