twitter The Sun
Matt Hanckock con Gina Coladangelo (a sinistra) e la moglie paparazzata con la fede al dito
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
2 ore
Dallo sballo allo stupro, Ghb la droga che dilaga
Disinibire ma anche sedare fino quasi al coma, perché questo stupefacente non è mai stato così popolare
STATI UNITI
5 ore
Milioni di guanti sporchi venduti come nuovi
In Thailandia esiste un mercato nero dei guanti per uso medico, che vengono semplicemente ridipinti
GERMANIA
7 ore
Tragico incendio a Reisbach, quattro morti tra cui una giovane incinta e il suo bambino
I soccorritori hanno tentato di salvare il bimbo che aveva in grembo con un parto cesareo, ma senza successo
ITALIA
8 ore
Berlusconi contro le elezioni anticipate: «Sarebbe irresponsabile»
Per l'ex premier è importante il sostegno interpartitico a Draghi, per l'uscita dalla crisi sanitaria ed economica
STATI UNITI
11 ore
Qualcuno ha giocato con la pistola di Baldwin
Dei membri della troupe avevano usato proiettili veri per divertirsi fuori dal set. Lo ha scoperto la polizia
CANADA
12 ore
Container in mare e fiamme, è allarme tossico
Le acque burrascose hanno fatto perdere dei container alla nave, sulla quale è poi scoppiato un incendio
ITALIA
13 ore
«Meglio il carcere che sopportare mia moglie»
Un 30enne di Guidonia è «evaso» dai domiciliari per chiedere di scontare la sua pena in carcere
BULGARIA/ROMANIA
14 ore
Ospedali pieni, Bulgaria e Romania pensano ad inviare i pazienti all'estero
«Dovremo cercare aiuto all'estero» ha detto il Ministro della Salute bulgaro
STATI UNITI
15 ore
«Non puntare mai un'arma di scena contro un altro essere umano»
Alec Baldwin non avrebbe dovuto avere sotto tiro qualcuno, secondo l'esperto di armi sui set Bryant Carpenter
COLOMBIA
17 ore
Arrestato il nuovo Escobar
«La più grande operazione del secolo» in Colombia. In manette il narcotrafficante Usuga
AUSTRIA
1 gior
Suicidio assistito, Vienna trova un accordo
Dal 2022 sarà possibile assumere, in determinati casi clinici, un farmaco letale
STATI UNITI
1 gior
Era compito di una ventenne al primo incarico controllare le armi sul set
La ragazza è la figlia del celebre armaiolo Thell Reed, famoso ad Hollywood.
MADAGASCAR
1 gior
Dai cambiamenti climatici alla carestia
Il sud del Madagascar è interessato da anni dalla siccità, che costringe gli abitanti a nutrirsi di cactus e cavallette.
REGNO UNITO
26.06.2021 - 00:000

Bacio con mano morta: è bufera sul ministro

Il governo Tory in imbarazzo per una "paparazzata" del Sun. Il responsabile della sanità travolto dallo scandalo

Matt Hancock ripreso in atteggiamenti intimi con una collaboratrice. Entrambi sposati, lei di origini italiane. E si invocano le dimissioni

LONDRA - Un abbraccio appassionato, a labbra incollate e con una mano morta galeotta. È l'immagine rubata da una telecamera a circuito chiuso che minaccia di travolgere Matt Hancock, potente ministro della Salute del governo Tory britannico e figura chiave nella compagine di Boris Johnson in tempi di pandemia. Immagine, spiattellata in prima pagina dal Sun che lo inchioda alla relazione con la presunta amante Gina Coladangelo, chiare origini familiari italiane, come lui sposata e con figli.

Ma soprattutto lo espone all'accusa di favoritismi nei confronti della donna, cooptata giusto qualche mese fa nei ranghi del suo dicastero, e a quella di aver violato platealmente le linee guida sul "distanziamento sociale" da lui stesso imposte fra le precauzioni anti-Covid.

Il marchio di uno scandalo che innesca l'inevitabile richiesta di dimissioni dei partiti d'opposizione e il sarcasmo dell'opinione pubblica. E contro cui non vale neppure la compassione della regina Elisabetta, che pochi giorni fa lo aveva definito "poverino" ("poor man") per l'ingrato compito di dove gestire i dossier della sanità sotto l'ombra di un'epidemia epocale. Anche se il premier Boris Johnson fa sapere per ora attraverso un portavoce di accontentarsi del balbettante messaggio di scuse diffuso dopo qualche ora d'insostenibile silenzio da Matt, di fidarsi di lui e di considerare (chissà fino a quando) "il caso chiuso".

Il video recapitato al Sun risale al 6 maggio scorso, quando le raccomandazioni dell'emergenza Covid in vigore del Regno Unito escludevano ancora abbracci o contatti troppo stretti fra persone non conviventi né appartenenti a una stessa cerchia familiare. E mostra senza possibilità di equivoci Hancock, 43 anni a ottobre, avvinghiato di fronte agli uffici di Whitehall a Gina: coetanea, nonché ex compagna di università a Oxford, con un passato da manager nella società di consulenza Luther Pendragon e un presente di capo delle comunicazioni presso la Oliver Bonas, brand d'abbigliamento fondato dal marito Oliver Tress affiancato da settembre da un incarico di direttrice non esecutiva del ministero della Salute. Inizialmente non retribuito, poi compensato con 15'000 sterline annue.

Un intreccio su cui le chiacchiere pare si rincorrano da tempo fra i corridoi dei palazzi londinesi. Ma che ha ora il suggello della prova provata, nel linguaggio spiccio del tabloid di Rupert Murdoch che grida allo sdegno per «un vergognoso flirt» annaffiato «dai soldi dei contribuenti». E non manca di mettere alla berlina neppure la moglie del "fedifrago", Martha Hoyer Millar, fisioterapista di formazione e madre dei suoi tre figli (uno adottato), paparazzata all'uscita di casa con tanto d'ingrandimento della mano a mostrare come porti "ancora la fede" all'anulare.

Stampa popolare a parte, resta la gravità delle potenziali conseguenze. Che costringono Hancock - figura emergente di casa Tory al governo ininterrottamente dal 2012, con David Cameron, Theresa May e quindi con Johnson, dopo essere entrato in Parlamento poco più che trentenne con studi economici a Oxford e Cambridge alle spalle, un inizio di carriera alla Bank of England e un passaggio al Tesoro al fianco dell'ex cancelliere dello Scacchiere George Osborne, nonché rara figura di ex oppositore della Brexit capace di restare a galla nella partito sotto la leadership di Boris - a cospargersi il capo di cenere: «Riconosco di aver violato le linee guida sul distanziamento, ho deluso la gente e sono molto dispiaciuto», le sue parole accompagnate dalla richiesta del rispetto di ciò che resta della "privacy" della sua famiglia.

Un mezzo mea culpa, affiancato dalla pretesa di voler rimanere al suo posto, che il premier, tutt'altro che in prima persona immacolato sul fronte di sospetti scandali, infedeltà e avventure extraconiugali in passato, si fa al momento bastare. E che invece non basta affatto alle opposizioni a Westminster. Tanto più che a pesare sono anche le accuse scagliate giusto nelle settimane scorse dall'ex eminenza grigia di Downing Street, Dominic Cummings, assetato di vendetta contro Johnson per essere stato silurato a fine 2020, che oggi imputa sia a BoJo sia al titolare della Sanità il caos delle prime fasi dell'emergenza pandemia.

Ecco quindi che il Labour non perde tempo a sfidare Johnson a scaricare il ministro, se non altro per l'assunzione a trattativa privata di Gina Coladangelo come consulente, avvenuta secondo il partito di Keir Starmer in evidente «conflitto d'interesse» a dispetto delle assicurazioni dell'esecutivo sul «rispetto delle procedure» di valutazione. Mentre per il leader dei Liberaldemocratici, Ed Davey, le dimissioni vanno date subito: non certo per «la vicenda privata» del supposto tradimento, «che riguarda la sua povera moglie», bensì per gli indizi d'una gestione «corrotta e inefficiente» del dicastero.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-25 02:02:40 | 91.208.130.85