Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch / STF (JIM LO SCALZO)
+13
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
32 min
Un proiettile vagante uccide una bimba di 11 anni
La tragedia è avvenuta nel Bronx, a New York
VIDEO
CITTÀ DEL VATICANO
43 min
«Fine regno» e pre conclave. Perché si parla del "dopo Bergoglio"?
Il ginocchio del Papa. Il toto-nomi dei papabili. La paura di arrivare impreparati alla Sede Vacante. Facciamo il punto
COREA DEL NORD
3 ore
Il coronavirus che dilaga e la (troppa) fame dei nordcoreani
I medici militari sono stati incaricati di portare con urgenza i farmaci di cui Pyongyang ha estremo bisogno
SOMALIA
5 ore
Gli Stati Uniti schiereranno 500 marines in Somalia
La decisione, in controtendenza con la politica di Biden (e pure di Trump), dopo il cambio al vertice di questo weekend
AFRICA
6 ore
«Le stuprano per curarle dall'omosessualità»
Cosa vuol dire essere gay in alcuni paesi africani? Lo spiega Sabrina Avakian, criminologa ed esperta in Diritti Umani
EUROPA
7 ore
Erdogan respinge Svezia e Finlandia
Il presidente turco: «Non perdano tempo a venire qui, a provare a convincerci»
STATI UNITI
9 ore
Colpo di spugna sulle restrizioni di Trump a Cuba
L'amministrazione Biden ha revocato le misure decise dall'ex presidente degli Stati Uniti
STATI UNITI
9 ore
Buffalo, una strage pianificata da mesi
Il giovane aveva pubblicato online i dettagli in un lungo documento. Lo scorso marzo il sopralluogo nel supermercato
REGNO UNITO
10 ore
Tanto sesso, siamo inglesi. Scandali a Westminster
Molestie, ministri che guardano filmati porno in aula, corruzioni in cambio di favori ambigui.
UCRAINA: SEGUI IL LIVE
16 ore
«Non siamo in grado di sbloccare l'Azovstal con mezzi militari»
Cinquanta soldati si troverebbero al momento in cura, il resto sarebbe tornato in Ucraina «attraverso uno scambio»
SPAGNA
17 ore
Una mosca preoccupa la Spagna
Con il cambiamento climatico la presenza di simulidi sta aumentando e potrebbe diventare un problema di salute pubblica
SPAGNA
19 ore
Scontro fra treni, muore un macchinista
Un convoglio che trasportava merci è deragliato, finendo muso contro muso contro un treno passeggeri
RUSSIA
20 ore
Un gruppo di hacker dichiara guerra a dieci Paesi
Prese di mira le nazioni che supportano «nazisti e russofobi»
STATI UNITI
28.08.2020 - 21:030
Aggiornamento : 22:14

Il padre di Blake in testa al corteo e quell'urlo contro il razzismo

Nel 57esimo anniversario del discorso "I Have a Dream" 50'000 americani hanno sfilato a Washington per i diritti civili.

Il padre di Jacob: «Mio figlio è in un letto di ospedale e lo tengono ammanettato». Il figlio di Martin Luther King: «Quando è troppo è troppo»

WASHINGTON - In testa al corteo c'è il padre di Jacob Blake, il giovane afroamericano rimasto paralizzato dopo che a Kenosha, in Wisconsin, un poliziotto gli ha esploso sette colpi di pistola alla schiena: «Mio figlio è in un letto di ospedale e lo tengono ammanettato» (dopo questa dichiarazione a Jacob Blake sono poi state tolte le manette, vedi box), il racconto shock dell'uomo, arrivato a Washington per la marcia antirazzista organizzata per ricordare il 57esimo anniversario dell'iconico discorso "I Have a Dream" di Martin Luther King.

Dalla quale si è levato ancora una volta un grido di rabbia e frustrazione per le troppe vite recise da una polizia oramai sotto processo in tutta America.

«Quando è troppo è troppo», ha scandito Martin Luther King III, figlio maggiore di Mlk, prendendo la parola insieme al pastore Al Sharpton, leader indiscusso della black community. Imponenti misure di sicurezza, Casa Bianca blindata, obbligo di mascherina e distanziamento sociale, in 50 mila si sono radunati lungo il National Mall, davanti al palco sistemato sulle gradinate del Lincoln Memorial, proprio come in quel lontano 28 agosto 1963. Allora una folla enorme segnò la svolta nella lotta per i diritti civili. Oggi, nonostante i numeri ridotti a causa della pandemia, la speranza del movimento è quella di recuperare lo «spirito del 63», per avviare una stagione in cui l'America faccia definitivamente i conti con una questione razziale mai completamente risolta.

In tempi di campagna elettorale le divisioni politiche non aiutano. Da una parte il mantra del "law and order" ripetuto ossessivamente da Donald Trump, dall'altra un partito democratico schierato con le proteste ma dove l'ala sinistra si spinge a chiedere anche un drastico taglio dei fondi alla polizia, posizione avversata anche dal candidato democratico alla presidenza Joe Biden. C'è comunque un punto di partenza che accomuna le varie anime del movimento: varare una profonda riforma, a partire dalla formazione e dall'addestramento degli agenti.

In Congresso c'è già pronta la "George Floyd Justice in Policing Act", sostenuta dai democratici e dal Congressional Black Caucus che riunisce deputati e senatori afroamericani. Un testo che riscrive a fondo anche il codice di condotta degli agenti per limitare al massimo le violazioni dei diritti civili e i comportamenti discriminatori basati su motivi razziali. Se il 3 novembre i dem torneranno alla Casa Bianca e, come spera il partito, torneranno a conquistare il Senato, la strada sarà in discesa.

Ma se Trump sarà rieletto difficile pensare a una vera svolta in tempi brevi, con il presidente che nel discorso di accettazione della nomination celebrando il ruolo dei poliziotti eroi non ha mai citato il nome di Jacob Blake, o quello di George Floyd.

Quando la marcia è partita dal Lincoln Memorial in direzione del vicino Martin Luther King Memorial, a sfilare c'erano invece alcuni familiari di 'Big Floyd', e poi quelli di Breonna Taylor, la giovane afroamericana uccisa dalla polizia mentre dormiva nella sua abitazione a Louisville, in Kentucky. E ancora quelli di Eric Garner, soffocato da una presa al collo degli agenti a New York.

Lo slogan è «Get your knees off our necks», via le vostre ginocchia dal nostro collo, riferito alla pratica spesso usata dagli agenti per immobilizzare le persone fermate: come accaduto a Floyd, morto soffocato. «I can't breath», non posso respirare, l'altro slogan più gettonato. Difficile che Trump lo abbia ascoltato, lasciando la Casa Bianca alla volta del New Hampshire per riprendere la campagna elettorale dopo le fatiche della convention.

Jacob Blake non è più in manette - Jacob Blake, l'afroamericano ferito alla schiena da un poliziotto e rimasto paralizzato, non è più in manette nel suo letto di ospedale. Lo riporta la Cnn. Il padre di Blake in una intervista aveva denunciato come il figlio, nonostante le gravi condizioni e l'impossibilità di muoversi, fosse ancora ammanettato. Secondo quanto si apprende anche i poliziotti che piantonavano la stanza del ricovero sono stati richiamati.

Tutti i capi d'imputazione nei confronti di Blake, inoltre, sono caduti. Il ventinovenne, a cui un agente ha sparato ben sette colpi di pistola alla schiena, è ora cosciente e incontrando i suoi familiari, ha raccontato il legale della famiglia, ha pianto.

keystone-sda.ch / STF (JIM LO SCALZO)
Guarda tutte le 17 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 1 anno fa su tio
Trump pensaci tu!
sedelin 1 anno fa su tio
trump in manette!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-17 16:43:21 | 91.208.130.87