CINA
13.01.2018 - 10:580
Aggiornamento : 12:55

"Falsi" Van Gogh a ruba, un docu-film svela la fabbrica cinese

Migliaia di persone producono a ritmi incessanti dipinti che sono l'esatta riproduzione dei capolavori dell'artista fiammingo

HONG KONG - Le copie dei quadri di Van Gogh inondano il mercato globale e c'è un film-documentario che fa scoprire la "fabbrica" di Dafen, villaggio della Cina, nello Shenzen, dove migliaia di persone producono a ritmi incessanti dipinti che sono l'esatta riproduzione dei capolavori dell'artista fiammingo. A Firenze, al cinema La Compagnia, il 15 gennaio sarà proiettato "Alla ricerca di Van Gogh" dei registi cinesi Yu Haibo e Yu Tianqi Kiki.

Il film racconta la storia di Zhao Xiaoyong, un ex contadino di Dafen divenuto pittore "da catena di montaggio". Una "dimensione oggettivante", spiega una nota, "che sottrae alla forma il suo contenuto, e che a lui non basta più".

Quindi Zhao "vuole capire meglio Van Gogh, toccare il cuore di ciò che non può essere riprodotto: l'anima di un artista e della sua opera. E vuole conquistare la propria". Per farlo, dunque, si mette in viaggio dalla Cina ad Amsterdam facendo la "scoperta di sé nella scoperta dell'arte", "una metafora potente dei travagli di una Cina in profonda transizione e di un Occidente che sperpera la propria identità".

Il docu-film sarà in una ventina di sale italiane.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-28 18:39:47 | 91.208.130.86