LUGANO
10.10.2018 - 11:000

Kirill Petrenko e la Bayerisches Staatsorchester al LAC

In programma il concerto per violino di Schönberg e la Seconda di Brahms, al violino Patricia Kopatchinskaja

LUGANO - Il secondo concerto sinfonico della stagione LuganoMusica, in programma mercoledì 17 ottobre, è affidato alla bacchetta di Kirill Petrenko, alla guida della Bayerisches Staatsorchester, e al violino di Patricia Kopatchinskaja. In programma il Concerto per violino di Schönberg e la Sinfonia n. 2 in re magg. op. 73 di Brahms.

Il debutto di Petrenko al LAC con la Bayerisches è l’unico concerto fuori sede con questo programma, lo stesso del secondo Academiekonzert in cartellone per la stagione della Staatsoper di Monaco.

Petrenko, che si appresta ad assumere l’incarico di direttore musicale dei Berliner Philharmoniker, la prima orchestra tedesca, si è distinto per il suo lavoro con la Bayerisches Staatsoper, con cui collabora dal 2013 e con la quale ha approfondito il repertorio centro-europeo e contemporaneo: da Die Frau ohne Schatten, Lulu, Il Trittico di Puccini e South Pole di Miroslav Srnka a Mahler, Strauss, Ligeti e Brahms. Il «direttore famoso più sconosciuto al mondo», come lo ha definito Die Welt, si è dedicato soprattutto all’opera, è stato direttore musicale del Meininger Theater, e ha all’attivo pochissime incisioni discografiche. La qualità delle sue esecuzioni è tale da essergli valsa la nomina di direttore musicale dei Berliner Philharmoniker già nel 2015, con tre anni di anticipo dal termine del suo attuale incarico.

Patricia Kopatchinskaja, moldava di nascita e svizzera d’adozione è vincitrice, tra l’altro, del Gran Premio svizzero di musica nel 2017. Conosciuta per la naturalezza e l’immediatezza espressiva delle sue interpretazioni, «toccanti, ipnotiche e un poco folli: come tutto quello che fa» (The Times) Patricia Kopatchinskaja ha fatto suo un repertorio vasto e attento al contemporaneo, in cui spiccano le esecuzioni del concerto per violino di Ligeti e DoReMi di Peter Eötvös.

Interprete spontanea, poco incline alle convenzioni e convinta della necessità di trovare un rapporto più diretto con il pubblico, durante e dopo l’esecuzione, Patricia Kopatchinskaja «non è mai la stessa due volte di fila. […] Se la musica non accetta il palcoscenico vivo, fatto di carne e di ossa, è destinata a morire. A un concerto ascolti l’irripetibile, e io devo sforzarmi di esserlo» (Luca Baccolini, Classic Voice). Per il suo concerto al LAC si misura con il concerto per violino di Schönberg, brano complesso della letteratura per lo strumento, tale da creare, secondo lo stesso compositore, «la necessità di un nuovo genere di violinista».

Prima del concerto, in sala Refettorio alle ore 19, il direttore Etienne Reymond e il giornalista Enrico Parola introducono all’ascolto del programma svelando al pubblico aspetti delle opere, vicende storiche e artistiche degli autori.

 

Tags
violino
concerto
bayerisches
patricia
patricia kopatchinskaja
kopatchinskaja
programma
petrenko
direttore
concerto violino
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-19 01:08:04 | 91.208.130.86