FFDUL
Il programma di sabato del Film Festival Diritti Umani Lugano.
ULTIME NOTIZIE Agenda
CANTONE
3 gior
Niente OSI in Auditorio domani
Si riprende giovedì 28 gennaio con il flautista Maurice Steger
ASCONA
5 gior
JazzAscona a tutto ottimismo: annunciate le date per il 2021
Il festival "blocca" le date dal 24 giugno al 3 luglio per la sua 35esima edizione
LOCARNO
1 sett
Corti tutti da vedere (e gratis) a febbraio sul sito del Pardo
Torna la rassegna “Locarno Short Weeks” con 22 pellicole, una al giorno, a partire dal primo del mese
BELLINZONA
1 sett
250 parole per riempire un teatro vuoto
Flavio Stroppini ci proverà giovedì 14 gennaio al Teatro Sociale Bellinzona
LUGANO
1 sett
Ritorna OSI in Auditorio
Si parte con Oliver Schnyder, pianista e direttore in due capolavori di Mozart
FRANCIA
2 sett
Il Festival di Cannes si farà, ma forse slitta a giugno-luglio
Per il momento le date confermate restano alla metà di maggio
SOLETTA
2 sett
Giornate cinematografiche, online ma complete
Il nuovo sito web permetterà di non fare ricorso a un'edizione ridotta
CANTONE
3 sett
Giubileo dei 10 anni per il Circo ticinese Magic
Artisti da tutto il mondo si esibiranno sotto il tendone del circo ticinese
BELLINZONA
1 mese
Spettacoli rinviati e annullati al Teatro Sociale
Altri eventi risultano momentaneamente in sospeso. Ecco tutta la lista aggiornata
LOCARNO
1 mese
Il Pardo ha annunciato il nome di chi dirigerà Locarno Pro
Ovvero l'area del Locarno Film Festival dedicata ai professionisti del settore. Si tratta di Markus Duffner
LUGANO
1 mese
Il Concerto di Natale dell'OSI si fa, anche con il Covid
Porte chiuse al LAC ma ci sono la diretta radiofonica e il videostreaming
LUGANO
1 mese
Ultima occasione (del 2020) per visitare "Da Vinci Experience"
La mostra resterà poi chiusa fino al 22 gennaio per via delle misure decise dal Consiglio federale contro il coronavirus
CANTONE
1 mese
Il Locarno Film Festival svela i suoi comitati: «Orgoglioso di questa squadra»
Affiancheranno il nuovo direttore Giona A. Nazzaro nel compito di selezionare i film in concorso per l'edizione 2021
BELLINZONA
1 mese
Il Teatro Sociale è chiuso, ma c'è “Palimpsest Bellinzona”
Oltre all'installazione sonora e coreografica è stato lanciato anche un concorso
CANTONE
1 mese
Si richiude il sipario su Cinema e Teatri
Anche Cinema Iride, Teatro Paravento e Teatro San Materno annunciano il rinvio degli spettacoli
CANTONE
17.10.2020 - 08:000

Sahara, Bergamo e Amazzonia nell'offerta del FFDUL

Sabato ricco di film da non perdere tra Mendrisio e Lugano

LUGANO - La quarta giornata del Film Festival Diritti Umani Lugano si apre a Mendrisio con i documentari "Fucili o murales: la lotta non violenta del popolo Saharawi" di Jordi Oriola Folch e "Il muro: la ferita del Sahara" di Gilberto Mastromatteo e Fiorella Bendoni, in collaborazione con il Comitato Svizzero di sostegno al Popolo del Sahara Occidentale, il Gruppo di sostegno di Ginevra per la protezione e la promozione dei diritti umani nel Sahara Occidentale, e l’Associazione per lo sviluppo delle energie rinnovabili, Sahara, Solare, Solidale (Cinema Plaza, Mendrisio, ore 14.45).

L’ultima colonia in Africa, quella dei Saharawi, e il muro che si trova nel deserto del Sahara e parte dal Marocco tagliando in due il territorio del popolo Saharawi, sono i protagonisti di queste due pellicole. Le proiezioni saranno seguite dal dibattito “Prevenzione dei conflitti: principio applicato nel Sahara Occidentale?”, in cui intervengono Gilberto Mastromatteo, co-regista de "Il Muro", Francesco Bastagli, ex rappresentante di Kofi Annan nel Sahara Occidentale ed ex capo della Minurso e Giulia Olmi, coordinatrice progetti CISP (Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli) Algeria e campi rifugiati saharawi, moderati da Gianfranco Fattorini, Gruppo di Ginevra.

In contemporanea, in collaborazione con l’Associazione FRASI, verrà proposta la replica del film "The Pageant", di Eytan Ipeker, la quale sarà seguita dal dibattito “Memoria, sofferenza e spettacolo”, in cui intervengono Francesca Giordano, membro RiRes (Unità di Ricerca sulla Resilienza), e Gabriele Nissim, giornalista, moderati da Sarah Simic, progettista FRASI (Cinema Iride, Lugano, ore 14.45).

Al Palazzo dei Congressi di Lugano, in collaborazione con il Dipartimento federale degli affari esteri, nel pomeriggio viene proposto il cortometraggio "Into The Fire" di Orlando Von Einsiedel, in cui l’autore segue un gruppo di donne sminatrici che affrontano, correndo indicibili rischi, le paure e le ferite lasciate dalla guerra (ore 14.45). La proiezione sarà seguita da un dibattito sulle conseguenze delle munizioni a grappolo con interventi di Carla Del Ponte, già procuratore capo del Tribunale Penale Internazionale per l'ex Jugoslavia, presidente onorario Comitato d’Onore FFDUL, l’ambasciatore Félix Baumann, presidente della seconda Conferenza di revisione della Convenzione sulle munizioni a grappolo, l’ambasciatore Stefano Toscano, direttore del Centro internazionale per lo sminamento umanitario (GICHD), Tibisay Ambrosini, responsabile Relazioni Istituzionali Campagna italiana contro le mine e Roberto Agosta, direttore di SwissLimbs, moderati da Alessia Caldelari, giornalista RSI.

Nel tardo pomeriggio, a Mendrisio, il Festival propone "Amazonian Cosmos" di Daniel Schweizer, in collaborazione con RSI e con Sacrificio Quaresimale e Alliance Sud (Cinema Plaza, Mendrisio, ore 17.45). La pellicola racconta la storia di alcuni indiani Macuxi e Yanomami d’Amazonia che accettano l’invito di un Ong ad andare a Ginevra, all’ONU, per difendere i loro diritti e i loro territori sempre più in pericolo. La loro odissea nel mondo dei bianchi si trasforma in uno sguardo etnografico all’inverso sull’Occidente e in una critica sciamanica alla nostra società dei consumi. Il regista, Daniel Schweizer, sarà presente in sala durante il dibattito post-proiezione “La voce di un popolo per i diritti e l’ambiente di tutti”, in cui interverrà anche Elaine Pisa, imprenditrice sociale, e sarà moderato da Bettina Müller, giornalista.

Sempre prima della produzione serale, verrà proiettata la prima internazionale del film "Ritorno in apnea" di Anna Maria Selini (Cinema Iride, Lugano, ore 17.45). Il documentario ci porta nella provincia di Bergamo, la provincia più flagellata dal Covid-19, tra luoghi e persone direttamente colpite. Un’esperienza che diventa sempre meno giornalistica e più personale, tra il dolore e il trauma collettivo. Alla fine del film, Anna Maria Selini, regista, Alberto Valtellina, produttore del film, Lina Bertola, filosofa, a Mattia Lepori, medico, saranno presenti in sala per il dibattito “Raccontare l’emergenza della pandemia tra dolore e trauma collettivo. Un nuovo concetto di libertà?”, moderati da Bruno Bergomi, giornalista e presidente Fondazione Diritti Umani.  

Sabato sera, il FFDUL torna nella sala storica del Cinema Corso, proponendo "Yalda, A Night For Forgiveness" del regista Massoud Bakhshi, che sarà presente in sala per il dibattito post-proiezione “Dolore, perdono e vendetta nello show-business”, moderato da Luisa Ballin, giornalista (Cinema Corso, Lugano, ore 20.45). Il film, vincitore del Gran Premio della Giuria all’ultimo Sundance Film Festival, racconta fino a che punto la vita privata possa essere utilizzata per raccogliere consensi televisivi. La serata sarà in collaborazione con il Festival Film e Forum sui Diritti Umani di Ginevra. In contemporanea, a Mendrisio, sarà riproposto "Nasir", la pellicola di Arun Karthick (Cinema Plaza, Mendrisio, ore 20.45).

Il Film Festival Diritti Umani Lugano è in prevendita su Biglietteria.ch.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-01-24 04:43:38 | 91.208.130.86