ULTIME NOTIZIE Agenda
LUGANO
11 ore
Questo sabato a Lugano porte aperte nelle gallerie e spazi d'arte
Per la 19esima edizione dell'apprezzatissima Open Gallery che quest'anno si affianca a “La Regionale” a Villa Ciani
LUGANO
1 gior
"Boef & Asen" e quel bebè nella mangiatoia...
Lo spettacolo di Ferruccio Cainero e Barabba's Clowns va in scena mercoledì alle 16 al Teatro Foce
VIDEO
LUGANO
1 gior
Duo Kirsch martedì al Teatro Foce
Anton Jablokov e Stefano Moccetti mescolano musica tradizionale e repertorio classico
LUGANO
2 gior
Teatro e vita si mischiano, in Don Chisciotte
Va in scena lunedì al Teatro Foce il recital tratto dal capolavoro di Miguel de Cervantes
LUGANO
2 gior
La leggenda di Morricone al Palazzo dei Congressi
Il concerto è in programma lunedì 6 dicembre alle 20.30, ci sono ancora posti disponibili
CANTONE
4 gior
La storia di un "Autoritratto molle con trasloco"
Lo spettacolo della neonata Teatro Lunaparco è in scena domani sera a Mendrisio e il prossimo fine settimana a Lugano
LUGANO
4 gior
L'epopea di Mandela allo Studio Foce
Una potente narrazione del leader sudafricano questa sera alle 20.30 allo Studio Foce
CANTONE
5 gior
Per la Compagnia Flavio Sala un'ultima tappa alla Sala Aragonite di Manno
Si conclude con un terzetto di date la tournée dell'assai apprezzato “Se la va, la gh'a i röd“
CANTONE
6 gior
Alberto Nessi chiude l'annata della Casa della Letteratura
Il poeta momò sarà protagonista di una lettura-concerto, affiancato dal violoncellista Zeno Gabaglio
LUGANO
6 gior
"Spóros" in scena oggi e domani
Come nasce e cresce un organismo? Scopritelo dalle 21 allo Studio Foce
LOCARNO
11.08.2017 - 17:490

Così svizzeri, così gitani

Nel cuore della musica folkloristica svizzera profonde e insospettate radici jenisch. Un’identità a lungo negata

LOCARNO - Partendo dalla storia di Stephan Eicher – musicista bernese noto e apprezzato in mezzo mondo – e di suo fratello Erich, avvocato e pure musicista, il film “Unerhört jenisch” (Yenisch sound, il titolo inglese) va alle origini della musica folkloristica svizzera. Presentato al Locarno Festival nella sezione Panorama suisse, il lavoro di Karolin Arn e Martina Rieder è stato applauditissimo.

Non solo per la cura e la sensibilità con cui hanno percorso le radici jenisch dei fratelli Eicher, ma perché hanno saputo denunciare la persecuzione di cui sono state vittime le famiglie jenisch. Il programma “Bambini della strada” attraverso il quale la Pro Juventute a partire dal 1926 ha sottratto alle loro famiglie i piccoli jenisch, viene chiaramente evocato nel film.

Oltre a costituire un bruttissimo episodio nella sofferta storia dei gitani in Svizzera, la persecuzione - suffragata dalle teorie dello psichiatra Jospeh Jörger che aveva diagnosticato negli jenisch “un’inferiorità genetica” – richiama alla memoria l’integrazione forzata, che di fatto negava il diritto alla diversità culturale.

Nel film il musicista Christian Mehr, uno dei “bambini di strada” del famigerato programma della Pro Juventute, ricorda come è stato accolto dalla madre della famiglia affidataria: immerso nell’acqua con candeggina a 70 gradi per placare «la sua aggressività e diversità». Inutile dire che Christian porta su tutto il corpo le stigmate di quella inaudita brutalità.

Stephan Eicher, dal canto suo, spiega che anche nella sua famiglia, l’eredità jenisch è stata a lungo occultata. Ma lui e suo fratello hanno sempre intuito, e forse intimamente saputo, di essere legati a quella cultura gitana. «Mi ricordo – dice nel film Stephan Eicher - che la cantina del nonno era piena di violini e che in famiglia la musica fosse del tutto naturale, innata. Mio padre aveva pure un sacco di strumenti e una straordinaria collezione di musica dell’Est. E tutte le domeniche le trascorrevamo a suonare».

Così Stephan ed Erich Eicher partono alla ricerca delle loro origini gitane. Il secondo studiando meticolosamente alberi genealogici presso la bibloteca nazionale a Berna. Il primo andando nelle montagne grigionesi, a Obervaz, dove incontra i discendenti dei Moser, dei Waser e dei Kolleger. Tutte famiglie jenisch che nel XX secolo si sono sedentarizzate e in cui la musica occupa un ruolo centrale, ieri come oggi. Stephan incontra dei veri virtuosi, il violinista Fränzli Waser, il clarinettista Paul Kolleger e Patrick Waser, prodigio dell’organetto svittese.

La musica è la vera ossatura del lungometraggio, poiché attraverso di essa si risale alla fonte. «Gli jenisch – spiega Karolin Arn – non conoscevano le note e suonavano a orecchio. Le loro composizioni e canzoni sono state registrate da altri, che si sono poi presi tutti i meriti. Nella Svizzera tedesca gli jenisch sono stati perseguitati, per cui non si vuole riconoscere che la musica tradizionale ha origini jenisch».

L’amore per la musica va oltre tutto, oltre il dolore, oltre la malinconia. Perché la musica che vibra dentro di noi rende liberi. Il documentario è letteralmente sorretto dalla voce di Stephan Eicher e dalla sua famosa canzone in dialetto bernese “Weiss nid was es isch”, specchio di quella ricerca delle proprie origini, che spinge molte persone a intraprendere il viaggio della scoperta e della conoscenza.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 01:11:16 | 91.208.130.89