Ti Press
CANTONE
12.04.2021 - 16:300
Aggiornamento : 17:28

Il Cantone accetterà pagamenti in bitcoin

Luce verde da parte del Gran Consiglio a un progetto pilota con le cryptovalute.

Escluso però per ora il pagamento delle imposte o della tassa di circolazione.

BELLINZONA - Il Gran Consiglio ha deciso di approvare un progetto pilota che permetterà il pagamento in bitcoin da parte dei cittadini verso lo Stato. Per farlo, incaricherà una società terza affinché venga annullato il rischio di cambio - la volatilità in questo campo è infatti estremamente elevata - e incassato l’equivalente in franchi. 

Chi vorrà potrà quindi usufruire di alcuni servizi dell’Amministrazione cantonale - laddove si può già pagare con carte di credito - pagando in bitcoin. Per ora sarà comunque escluso il pagamento delle imposte (come invece avviene in Canton Zugo fino a un massimo di 100mila franchi, ma anche a Chiasso fino a un massimo di 1’000 franchi) o il pagamento della tassa di circolazione. 

Un segnale per la piazza economica - «È un segnale nei confronti della piazza economica e finanziaria che mostra come il Cantone non ha avversità verso queste tecnologie, che stravolgeranno nei prossimi anni il mondo finanziario», ha spiegato all’inizio del dibattimento il primo firmatario della mozione Paolo Pamini. Il granconsigliere UDC ha inoltre sottolineato come i costi per il cantone siano «irrisori», visto che sarebbe una semplice estensione della piattaforma di pagamento eServices. Anche per questo pure il Governo si è espresso favorevolmente: «È un progetto pilota ben delineato ed equilibrato», ha spiegato il direttore del DFE Christian Vitta.

Non facciamo come con il telelavoro - «Dobbiamo intervenire oggi per farci trovare pronti domani a un fenomeno inarrestabile come la digitalizzazione. Non farci travolgere dal progresso», ha sottolineato la relatrice del rapporto di maggioranza Natalia Ferrara. La deputata del PLR ha preso quale esempio il tema del telelavoro, «di cui si discute da tempo ma sul quale ci siamo fatti trovare impreparati». Il relatore di minoranza Ivo Durisch ha dal canto suo presentato gli svantaggi della moneta virtuale di cui il Cantone non deve farsi promotore: consumo energetico sproporzionato, evasione fiscale, moneta deflazionaria in mano a pochi, attività illecite, rischio riciclaggio.

Parlamento spaccato - Ma la sua “arringa” non è bastata. Dopo quasi due ore e mezza di dibattimenti, con 48 sì (Lega, UDC, PLR e la maggioranza del PPD), 36 no (PS, Verdi, PC, più Donne e una minoranza del PPD) e tre astenuti il rapporto di maggioranza - e quindi progetto pilota - è stato approvato. Il Parlamento, sul tema, si è però spaccato in due.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Evry 7 mesi fa su tio
Spero MAI !!!!
magicpuzzle 7 mesi fa su tio
Che bello vedere sempre piu' municipalita' sperimentare con la blockchain ed accettare/incoraggiare pagamenti in criptovaluta. @Lux Von Alchemy: Stanno fornendo un servizio in piu', che rispecchia una necessita' sempre piu' crescente da parte dei cittadini. E' normale che incassino in FIAT. Cosa succederebbe ai conti se l'indomani la cripto riscossa si dimezza di valore? Con cosa vanno a finanziare tutto il budget amministrativo e le opere pubbliche programmate? @seo56: quale parte?
seo56 7 mesi fa su tio
Vergognoso!!
Lux Von Alchemy 7 mesi fa su tio
Ma guarda.. se leggi bene tra le righe, il Cantone non mette in cassaforte Bitcoin ma CHF.. quindi la notizia è alterata. La verità è che mette in cassaforte FRANCHI e basta.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-30 19:10:07 | 91.208.130.89