tipress
ULTIME NOTIZIE Ticino
CANTONE
18 min
«Quando mi ha detto “ti ammazzo” qualcosa si è rotto»
Quella di Federica è solo una delle tante, troppe, storie di violenza. Che non è solo fisica, ma psicologica, verbale
CANTONE
1 ora
«L'insegnamento va garantito anche agli allievi in quarantena»
Perché un insegnante non può tenere acceso il computer con il microfono e la videocamera?
ZURIGO
2 ore
«Per la Jihad le donne vanno bene tanto quanto gli uomini»
I fatti di Lugano commentati dall'esperta di Islam radicale: «La Confederazione deve fare di più per proteggerci»
FOTO
MAROGGIA
2 ore
«Un colpo duro per tutti. Maroggia ha perso il suo ultimo simbolo»
Andato distrutto ieri, il Mulino apparteneva alla famiglia Fontana da 42 anni ed era stato tramandato di padre in figlio
CANTONE
2 ore
Il Ticino chiama Berna
Un'iniziativa cantonale chiede di modificare il codice penale, a tutela delle donne vittima di violenza
CANTONE
10 ore
«Già coinvolta in un'indagine legata al terrorismo»
La Fedpol conferma il possibile ruolo della donna in fatti legati al terrorismo jihadista
LUGANO
13 ore
«Questa aggressione si ricollega ai casi in Francia e a Morges»
Le Autorità fanno il punto sul presunto attacco di matrice terroristica verificatosi alla Manor.
FOTO
LUGANO
16 ore
Accoltellamento alla Manor: «Non è escluso l'atto terroristico»
Fermata una 28enne domiciliata nel Luganese.
LUGANO
16 ore
Ferrovia chiusa fino alle 18.00 tra Lugano e Mendrisio
L'interruzione è dovuta all'incendio del mulino di Maroggia. Bus sostitutivi per i viaggiatori
LUGANO
17 ore
Un Ticino sempre più centrale
Illustre personalità della politica e dell'economia domani in streaming per “Un Mare di Svizzera 3”
CANTONE
17 ore
«Gli studenti in quarantena restano indietro»
Il Sisa lancia un appello al Decs. E chiede una didattica a distanza a tutela del diritto allo studio
GINEVRA/LUGANO
18 ore
Le polveri fini aggravano le infezione Covid. Il caso Ticino
Esisterebbe un legame tra virus e polveri fini. Lo rivela uno studio che ha analizzato quanto avvenuto in Ticino
LOCARNO
18.06.2020 - 13:410
Aggiornamento : 14:50

Allungare l'aeroporto? «L'ambientalismo è superato»

Tre deputati del Plr chiedono al governo di agevolare il progetto per ampliare lo scalo di Magadino

LOCARNO - L'aeroporto di Locarno è troppo corto. Ne è convinta la Associazione locarnese e bellinzonese per l'aeroporto cantonale (Alba), che da tempo sostiene il progetto di un "mini-allungamento" per ampliare la capacità dello scalo. 

Il progetto è già passato al vaglio dei comuni: una decina - in primis Locarno e Bellinzona - hanno dato il loro pieno appoggio. Ora la palla passa al Consiglio di Stato. In una interpellanza presentata oggi i deputati del PLR Roberta Passardi, Claudio Franscella e Fabio Käppeli pongono una serie di domande al governo.

A preoccupare l'associazione è l'opposizione ambientalista: il timore - si legge nell'interpellanza - è che prevalga il principio di tutela della avifauna migratrice delle Bolle di Magadino, che negli ultimi decenni ha portato il Cantone a limitare lo scalo locarnese a favore di quello di Lugano. L'allungamento «non cambierà nulla nella tipologia di utenza» dell'aeroporto, assicurano i tre deputati. «Il governo non crede che il dibattito sulla sensibilità ambientale sia un esercizio superato?». 

Il Consiglio di Stato risponderà alle domande nella seduta di lunedì. 

Le domande al governo: 

1. Nella procedura federale di approvazione del progetto di mini-allungamento l’ufficio cantonale delle domande di costruzione è chiamato a presentare l’avviso cantonale. Il progetto, elaborato nel corso di più di 20 anni, è stato finalmente pubblicato a fine 2019: a che stadio di procedura si trova?

2. In questa fase intermedia di procedura è previsto un primo avviso cantonale. Per non bloccare ulteriormente la realizzazione dell’aggiornamento dell’infrastruttura operativa, non si rischia di valutare solo gli aspetti naturalistici (legittimi, ma che vanno contestualizzati) e soprattutto già superati dai molteplici approfondimenti scientifici ampiamente illustrati nella documentazione di progetto pubblicato a fine 2019, dimenticando il quadro generale che ha compiutamente definito la fattibilità del progetto?

3. La direzione civile dell’aeroporto cantonale verrà coinvolta nella preparazione dell’avviso cantonale? Di seguito, i consulenti ambientali del progetto avranno modo anche loro di formulare delle considerazioni e di esprimersi sulle nuove indicazioni dei servizi ambientali?

4. Non crede il Consiglio di Stato che tutto questo dibattere sulla sensibilità ambientale del Cantone su un progetto cantonale (mini-allungamento che nulla cambia nella tipologia d’utenza) riguardante l’unico aeroporto cantonale sia un esercizio superato?

5. Ora si deve solo decidere se l’aeroporto di Locarno debba restare nella sua attuale valenza di terzo aeroporto nazionale della categoria (invidiatoci dagli ambienti aeronautici d’oltralpe) o essere declassato campo di volo per la sola aviazione leggera?

6. Nell’eventualità che l’ufficio delle domande di costruzione emetta un primo preavviso non favorevole alla realizzazione del mini-allungamento, limitandosi al solo aspetto naturalistico (ipotesi difficilmente comprensibile), è d’accordo il Consiglio di Stato di lasciare ampio margine di manovra al DATEC di approvare il progetto?

7. Sicuramente a quel punto si innescherà la tesi della non valenza generale dell’aeroporto e si chiederà la totale chiusura, con l’abbandono da parte dei militari che andranno oltralpe e perderemo altri duecento posti di lavoro qualificati, dell’aeroporto cantonale. È comprensibile che i singoli servizi dell’amministrazione e la Fondazione Bolle pongano grande attenzione agli aspetti di loro competenza. Qui si arrischia di andare ben oltre al grado definito dal Consiglio federale e dall’Autorità cantonale e la politica deve reagire. A questo punto il Consiglio di Stato è d’accordo di informare il DATEC che il primo avviso tecnico cantonale, se effettivamente fosse stato formulato in dispregio del lavoro politico che ha portato a presentare il progetto più limitato (mini-allungamento verso Bellinzona della pista esistente e da poco ammodernata senza nessuna opposizione) per salvaguardare l’avifauna delle Bolle di Magadino, è solo una segnalazione di attenzione ad solo aspetto naturalistico e si conferma la necessità di finalmente realizzare il miniallungamento?

 

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-11-25 09:35:14 | 91.208.130.87