Archivio Tipress
LOCARNO
17.01.2020 - 20:040

L'Associazione Piano di Magadino si oppone all'allungamento dell'aerodromo

Diverse le motivazioni esposte fra le quali i rumori, l'integrità delle "Bolle" e il fatto che si faccia - o meno - l'interesse pubblico

di Redazione

CUGNASCO - «Anche l’associazione per un Piano di Magadino a misura d’uomo (APM) è contraria al progetto di aggiornamento delle infrastrutture operative civili dell’Aerodromo di Locarno e si associa, con la sua opposizione, a quelle presentate dalle altre associazioni ambientaliste», lo puntualizza la stessa APM con un comunicato diffuso questa sera.

Diversi i punti critici citati nella nota:

  • Perché l’allungamento verso Est della pista, con conseguente aumento di atterraggi da parte di aviogetti, è in netto contrasto con il principio di precauzione invocato dal Governo federale attraverso il Piano settoriale dell’infrastruttura aeronautica (PSIA), lo strumento principale di pianificazione e coordinamento della Confederazione nel settore dell'aviazione civile ed è in contrasto con almeno due delle tre esigenze espresse in questo documento quali Obiettivi e condizioni concettuali della Confederazione.
  • Perché l’aerodromo è sempre stato fonte di rumori molesti sia per la popolazione residente sul comprensorio del Piano di Magadino sia per i turisti che trascorrono le loro meritate vacanze in questa regione del Ticino.
  • Dal punto di vista economico non è comprensibile quale sia la ragione che porti a effettuare un investimento di denaro pubblico per permettere l’atterraggio di pochi jet privati, che potrebbero tra l’altro atterrare all’aeroporto di Lugano-Agno. Già oggi l’aerodromo di Locarno è mantenuto grazie ai salari provenienti dal Cantone Ticino e la sua gestione non è in attivo.
  • Riteniamo inoltre incompatibili gli obiettivi di protezione delle Bolle di Magadino (area iscritta nel1982 alla Convenzione di Ramsar dell’UNESCO per la tutela delle aree umide) con gli interventi pianificati nella bozza di scheda PSIA
  • Infine l’APM si pone la legittima domanda se mantenere e investire in un’infrastruttura di questo tipo, per una cerchia sempre più limitata di utenti privati, persegua ancora un interesse pubblico. L’APM chiede piuttosto che a medio - lungo termine si proceda alla chiusura e allo smantellamento della parte dell’aerodromo attualmente dedicata all’aviazione civile.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-02-20 12:20:30 | 91.208.130.85