Ti Press (archivio)
CANTONE
24.06.2019 - 18:300

Mobilità, il Gran Consiglio pigia sull’acceleratore

Approvato il credito aggiuntivo per lo sviluppo della rete cantonale di bike-sharing e la mozione per il completamento della rete tram-treno del Luganese

BELLINZONA - Si è discusso di mobilità nelle prime ore dell’ultima sessione del Gran Consiglio prima della pausa estiva. All’ordine del giorno c’erano infatti i crediti aggiuntivi per lo sviluppo della rete cantonale di bike-sharing e per il progetto tram-treno del Luganese.

«Attualmente ci sono tre reti di condivisione (Luganese, Bellinzonese e Vallemaggia), con oltre mille movimentazioni al giorno», ha indicato il relatore Fabio Schnellmann (PLR). La richiesta di credito di 550mila franchi per sostenere i progetti negli agglomerati del Cantone, «con l’auspicio che diventino compatibili l’uno con l’altro», è stata approvata all’unanimità.

Tram-treno Luganese - «La ripartizione tra trasporto collettivo e individuale nel Luganese oggi fortemente squilibrata e va migliorata», così Raoul Ghisletta ha argomentato la necessità di intervenire in quest’ambito, in particolare nei comparti di Cornaredo, del Pian Scairolo e del Piano del Vedeggio. Proprio in quest’ottica è stato chiesto «uno sforzo finanziario notevole» che permetta di affrontare «la sfida con coraggio». Sforzo che i parlamentari hanno deciso di fare accogliendo parzialmente la mozione del deputato socialista.

Pianificare il passato - Una buona fetta del pomeriggio parlamentare ha poi riguardato il rapporto sulla pianificazione dell’assistenza e cura a domicilio 2017-2020, da più parti bollato come ormai «inutile», viste le tempistiche. Ma sul quale il dibattimento è stato comunque ricco. Sul tema - accolto - era stato richiesto il rinvio da parte degli esponenti dell’MPS, sostenuti da Più donne e da qualche altro deputato, perché arrivato in ritardo e per la mancanza di parte della documentazione.

Altri crediti e prima i nostri - Nel corso della seduta odierna è stato pure concesso un credito a fondo perso di  3'645’000 franchi per la costruzione di un nuovo edificio della Fondazione Provvida Madre a Balerna denominato Casa Ursula. Altri crediti votati riguardano il Mulino del Daniello di Coldrerio (600’000 franchi) e varie opere di canalizzazione e di depurazione delle acque.

Approvate, non senza qualche rimostranza, anche le basi legali per attuare l’iniziativa parlamentare generica “Prima i nostri” - Preferenza indigena per il personale delle strutture ospedaliere private e delle altre istituzioni finanziate dal Cantone tramite un contratto di prestazione.

Nuovo procuratore pubblico - Infine, il Gran Consiglio ha proceduto alla nomina di un Procuratore pubblico - al secondo turno è stato eletto Daniele Galliano con 43 voti - e di un Pretore aggiunto per Locarno-Città, carica che sarà ricoperta da Manuel Bergamelli.

Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-20 08:33:32 | 91.208.130.89